fbpx
GORGO

Mohamed L’Ghacham a Ragusa per FestiWall

Mohamed L'Ghacham | FestiWall 2018

#FestiWall2018 dà la parola agli artisti >> online l'intervista a Mohamed Lghacham, la sua poetica, la sua esperienza nella città di Ragusa e le opere realizzate "El baile" e "Antesala II"#MuroFazioNeon

Pubblicato da FestiWall su Martedì 18 settembre 2018

L’artista spagnolo Mohamed L’Ghacham ha realizzato una doppia pittura a Ragusa per la quarta edizione di FestiWall.

Nel suo lavoro il giovane artista è solito ispirarsi alla realtà che lo circonda e più in generale alle scene di vita quotidiana che, immortalate su fotografia, vengono poi rielaborate su parete attraverso uno stile pittorico altamente espressivo.

Per la rassegna di Ragusa Mohamed L’Ghacham ha realizzato due distinti interventi su Viale Europa connessi da una comune poetica. “El Baile” raffigura due anziani in un momento intimo mentre sono intenti a ballare, in “Antesala” l’artista riporta invece alla luce un ricordo personale e universale al tempo stesso, quello di una vecchia casa piena di oggetti e foto su un grande tavolo.

Photo credit: Marcello Bocchieri & The Artist

Mohamed L’Ghacham a Ragusa per FestiWall

Mohamed L'Ghacham | FestiWall 2018

#FestiWall2018 dà la parola agli artisti >> online l'intervista a Mohamed Lghacham, la sua poetica, la sua esperienza nella città di Ragusa e le opere realizzate "El baile" e "Antesala II"#MuroFazioNeon

Pubblicato da FestiWall su Martedì 18 settembre 2018

L’artista spagnolo Mohamed L’Ghacham ha realizzato una doppia pittura a Ragusa per la quarta edizione di FestiWall.

Nel suo lavoro il giovane artista è solito ispirarsi alla realtà che lo circonda e più in generale alle scene di vita quotidiana che, immortalate su fotografia, vengono poi rielaborate su parete attraverso uno stile pittorico altamente espressivo.

Per la rassegna di Ragusa Mohamed L’Ghacham ha realizzato due distinti interventi su Viale Europa connessi da una comune poetica. “El Baile” raffigura due anziani in un momento intimo mentre sono intenti a ballare, in “Antesala” l’artista riporta invece alla luce un ricordo personale e universale al tempo stesso, quello di una vecchia casa piena di oggetti e foto su un grande tavolo.

Photo credit: Marcello Bocchieri & The Artist