GORGO

Mobstr – A Series of New Pieces in London

Dopo un periodo piuttosto lungo di latitanza dalla strada torna Mobstr con un breve aggiornamento attraverso il quale godiamo del consueto stile umoristico che da sempre ne distingue le produzioni urbane.
È sempre un piacere mostrarvi l’operato di Mobstr l’artista da anni concretizza su muro ed in qualsiasi altro anfratto pubblicitario la personale visione dell’arredo urbano, interagisce con lo stesso mostrandoci le dissonanze di una società spesso contraddittoria, mettendo in scena, attraverso frasi ad effetto, o divertenti giochi di parole, le sue brutture, sembra porsi ad un livello superiore di osservazione dal quale ci indica l’altro lato della medaglia spesso celato ad una prima frettolosa occhiata. Forse è questo il senso più stretto del lavoro di Mobstr, una costante estensione di parole che possano definitivamente farci aprire gli occhi, osservare ciò che ci circonda in modo diverso, oppure semplicemente farci sorridere e istillare il seme del dubbio sull’effettivo significato di quanto proposto.
Un comunicatore nato quindi che torna alla ribalta con una infornata di lavoro, presumiamo in quel di Londra, dove c’è tutto il campionario dello stile inimitabile di Mobstr. Si parte con il cartello pubblicitario leggermente scollato a cui fa il verso, passando per le raccomandazioni su come rimuovere i graffiti dai muri, passando per la consueta frase sconnessa e la pittura indoor con il suo canonico HUH?.
In attesa di scoprire nuovi aggiornamenti, magari con qualche storia delle sue (qui), mi diamo modo di dare un occhiata più approfondita ai lavori con le immagini in galleria.

Pics by The Artist

Mobstr – A Series of New Pieces in London

Dopo un periodo piuttosto lungo di latitanza dalla strada torna Mobstr con un breve aggiornamento attraverso il quale godiamo del consueto stile umoristico che da sempre ne distingue le produzioni urbane.
È sempre un piacere mostrarvi l’operato di Mobstr l’artista da anni concretizza su muro ed in qualsiasi altro anfratto pubblicitario la personale visione dell’arredo urbano, interagisce con lo stesso mostrandoci le dissonanze di una società spesso contraddittoria, mettendo in scena, attraverso frasi ad effetto, o divertenti giochi di parole, le sue brutture, sembra porsi ad un livello superiore di osservazione dal quale ci indica l’altro lato della medaglia spesso celato ad una prima frettolosa occhiata. Forse è questo il senso più stretto del lavoro di Mobstr, una costante estensione di parole che possano definitivamente farci aprire gli occhi, osservare ciò che ci circonda in modo diverso, oppure semplicemente farci sorridere e istillare il seme del dubbio sull’effettivo significato di quanto proposto.
Un comunicatore nato quindi che torna alla ribalta con una infornata di lavoro, presumiamo in quel di Londra, dove c’è tutto il campionario dello stile inimitabile di Mobstr. Si parte con il cartello pubblicitario leggermente scollato a cui fa il verso, passando per le raccomandazioni su come rimuovere i graffiti dai muri, passando per la consueta frase sconnessa e la pittura indoor con il suo canonico HUH?.
In attesa di scoprire nuovi aggiornamenti, magari con qualche storia delle sue (qui), mi diamo modo di dare un occhiata più approfondita ai lavori con le immagini in galleria.

Pics by The Artist