GORGO

L’installazione dei Luzinterruptus sulla violenza fisica e mentale sulle donne

I Luzinterruptus sono soliti realizzare interventi contraddistinti da una critica e riflessione su quelli che sono i problemi della società moderna. Si tratta nello specifico di installazioni caratterizzate da una forte interattività e dall’utilizzo di plastica e luci come strumenti di lavoro.

Più volte orientati verso una riflessione circa l’eccessivo utilizzo della plastica, in “Look before you cross” gli artisti scelgono di affrontare uno dei grandi temi di quest’ultimo periodo: la violenza sulle donne.
La serie di installazioni, tutte realizzate a Madrid, li ha visti tentare di visualizzare e rendere tangibile tutto lo sgomento di una donna prima di una violenza fisica e mentale il cui unico scopo è quello di controllarne corpo, mente ed ogni singolo aspetto della vita.
Gli scenari di questi atti sono piuttosto diversi e, nonostante le battaglie sull’uguaglianza, il rispetto e quelle per porre fine alle violenze domestiche di genere, la maggior parte della popolazione femminile ‘civilizzata’ coabita con leggi volte a ridurne il ruolo sociale alla semplice riproduzione.

Partendo da questi concetti i Luzinterruptus hanno installato una serie di 25 bambole gonfiabili – riutilizzando quelle di un precedente intervento del 2014 – con mani legate, bocche sigillate e le immancabili luci.
La scelta degli spot non è stata affatto casuale, ma ha visto gli artisti cercare quegli attraversamenti pedonali pericolosi per le donne ed ideali per rappresentare i concetti del progetto. Ad esempio alcune bambole sono state posta davanti al Ministero di Giustizia, altre sul Parque del Oeste, un area ben nota per l’alto livello di prostituzione.

Photo Credit: Melisa Hernández

L’installazione dei Luzinterruptus sulla violenza fisica e mentale sulle donne

I Luzinterruptus sono soliti realizzare interventi contraddistinti da una critica e riflessione su quelli che sono i problemi della società moderna. Si tratta nello specifico di installazioni caratterizzate da una forte interattività e dall’utilizzo di plastica e luci come strumenti di lavoro.

Più volte orientati verso una riflessione circa l’eccessivo utilizzo della plastica, in “Look before you cross” gli artisti scelgono di affrontare uno dei grandi temi di quest’ultimo periodo: la violenza sulle donne.
La serie di installazioni, tutte realizzate a Madrid, li ha visti tentare di visualizzare e rendere tangibile tutto lo sgomento di una donna prima di una violenza fisica e mentale il cui unico scopo è quello di controllarne corpo, mente ed ogni singolo aspetto della vita.
Gli scenari di questi atti sono piuttosto diversi e, nonostante le battaglie sull’uguaglianza, il rispetto e quelle per porre fine alle violenze domestiche di genere, la maggior parte della popolazione femminile ‘civilizzata’ coabita con leggi volte a ridurne il ruolo sociale alla semplice riproduzione.

Partendo da questi concetti i Luzinterruptus hanno installato una serie di 25 bambole gonfiabili – riutilizzando quelle di un precedente intervento del 2014 – con mani legate, bocche sigillate e le immancabili luci.
La scelta degli spot non è stata affatto casuale, ma ha visto gli artisti cercare quegli attraversamenti pedonali pericolosi per le donne ed ideali per rappresentare i concetti del progetto. Ad esempio alcune bambole sono state posta davanti al Ministero di Giustizia, altre sul Parque del Oeste, un area ben nota per l’alto livello di prostituzione.

Photo Credit: Melisa Hernández