fbpx
GORGO

Luzinterruptus for Katowice Street Art Festival 2014

Con quest’ultima caratteristica magia dei Luzinterruptus torniamo per le strade di Katowice e del suo eccellente Katowice Street Art Festival che continua a stupirci per la sua vena altamente concettuale di quest’ultima edizione.
Come detto gli organizzatori della rassegna per quest’anno hanno deciso di intervenire per le strade della città attraverso lavori ed installazioni maggiormente catartiche e legate ad un approccio senza maggiormente criptico e che di conseguenza va ad aumentare il livello di interesse e riflessione in chi osserva. Partendo da questi nuovi spunti troviamo quindi più che azzeccata la scelta di chiamare il collettivo Madrileno dei Luzinterruptus che rappresenta senza dubbio uno dei nomi più eclettici di tutto il panorama europeo.
Come abbiamo avuto il piacere di vedere diverse volte gli artisti sono un mistura perfetta di discipline differenti che vanno ad investire gli spazi per mezzo di installazione insolite ed altamente catartiche che hanno nell’utilizzo della luce il loro principale vettore emotivo.
Partiti per le strade di Madrid con l’idea di mettere l’accento, attraverso installazioni luminescenti sui problemi della città completamente ignorati dalle autorità e dai cittadini, gli artisti hanno poi proseguito il loro percorso lasciando si invariata la componente di denuncia ma proponendo anche lavori che potessero trasformare l’aspetto di spot e luoghi particolarmente evocativi od interessanti per gli artisti stessi.
Come detto a caratterizzare le opere degli interpreti troviamo sicuramente l’utilizzo della luce che,
oltre a fornire un grande impatto visivo, permette loro lavorare in strada, sia per gli interventi di piccole che di grandi dimensioni, senza danneggiare o distruggere l’arredo urbano ma piuttosto con l’intento di inserirsi all’interno dello stesso per spingere la condivisione con i cittadini. Elementi ricorrenti nelle opere dei Luzinterruptus sono anche la spazzatura così come il riciclaggio di materiali semplici con i quali il collettivo dà vita alla (quasi) totalità delle sue effimere e curiose incursioni.
Per la rassegna i Luzinterruptus vanno ad elaborare questa grande struttura luminescente interamente costituita da buste di plastica e bottiglie vuote con all’interno delle piccole luci bianche. Un lavoro sicuramente molto difficile da decifrare di cui vi invitiamo a dirci la vostra per un sano confronto e dibattito, fateci sapere.
In calce al nostro testo come ormai ben sapete, trovate una bella serie di scatti con tutti i dettagli di quest’ultima fatica degli interpreti, il consiglio è quello di darci un occhiata, siamo certi che anche voi come noi non mancherete di apprezzare.

Pics by Bartek Barczyk

Luzinterruptus for Katowice Street Art Festival 2014

Con quest’ultima caratteristica magia dei Luzinterruptus torniamo per le strade di Katowice e del suo eccellente Katowice Street Art Festival che continua a stupirci per la sua vena altamente concettuale di quest’ultima edizione.
Come detto gli organizzatori della rassegna per quest’anno hanno deciso di intervenire per le strade della città attraverso lavori ed installazioni maggiormente catartiche e legate ad un approccio senza maggiormente criptico e che di conseguenza va ad aumentare il livello di interesse e riflessione in chi osserva. Partendo da questi nuovi spunti troviamo quindi più che azzeccata la scelta di chiamare il collettivo Madrileno dei Luzinterruptus che rappresenta senza dubbio uno dei nomi più eclettici di tutto il panorama europeo.
Come abbiamo avuto il piacere di vedere diverse volte gli artisti sono un mistura perfetta di discipline differenti che vanno ad investire gli spazi per mezzo di installazione insolite ed altamente catartiche che hanno nell’utilizzo della luce il loro principale vettore emotivo.
Partiti per le strade di Madrid con l’idea di mettere l’accento, attraverso installazioni luminescenti sui problemi della città completamente ignorati dalle autorità e dai cittadini, gli artisti hanno poi proseguito il loro percorso lasciando si invariata la componente di denuncia ma proponendo anche lavori che potessero trasformare l’aspetto di spot e luoghi particolarmente evocativi od interessanti per gli artisti stessi.
Come detto a caratterizzare le opere degli interpreti troviamo sicuramente l’utilizzo della luce che,
oltre a fornire un grande impatto visivo, permette loro lavorare in strada, sia per gli interventi di piccole che di grandi dimensioni, senza danneggiare o distruggere l’arredo urbano ma piuttosto con l’intento di inserirsi all’interno dello stesso per spingere la condivisione con i cittadini. Elementi ricorrenti nelle opere dei Luzinterruptus sono anche la spazzatura così come il riciclaggio di materiali semplici con i quali il collettivo dà vita alla (quasi) totalità delle sue effimere e curiose incursioni.
Per la rassegna i Luzinterruptus vanno ad elaborare questa grande struttura luminescente interamente costituita da buste di plastica e bottiglie vuote con all’interno delle piccole luci bianche. Un lavoro sicuramente molto difficile da decifrare di cui vi invitiamo a dirci la vostra per un sano confronto e dibattito, fateci sapere.
In calce al nostro testo come ormai ben sapete, trovate una bella serie di scatti con tutti i dettagli di quest’ultima fatica degli interpreti, il consiglio è quello di darci un occhiata, siamo certi che anche voi come noi non mancherete di apprezzare.

Pics by Bartek Barczyk