fbpx
GORGO

Lucy McLauchlan a Caen per Palma Festival 2018

L’immaginario di Lucy McLauchlan è caratterizzato da una commistione di influenze antiche, quasi preistoriche, credenze animiste appartenenti ai nostri antenati sviluppate attraverso una spiccata sensibilità grafica modernista. Influenzata dall’art déco, dalla psichedelia e dal naturalismo, l’autrice Inglese lavora servendosi principalmente del bianco e del nero come uniche tonalità. Le sue pitture sono contraddistinte da forme organiche libere in combinazione con tracce pittoriche e sagome umane, quest’ultime sempre meno presenti nel corso del tempo.
Nelle scorse settimane Lucy McLauchlan ha preso parte all’ultima edizione del Palma Festival realizzando un nuovo murale a Caen in Francia. L’artista ha dipinto una nuova composizione organica trasformando completamente la percezione dell’edificio. Tutti i dettagli dell’opera nella galleria di scatti, qui invece potete dare un occhiata a tutti gli interventi realizzati per la rassegna Francese.

Photo Credit: Tomu

Lucy McLauchlan a Caen per Palma Festival 2018

L’immaginario di Lucy McLauchlan è caratterizzato da una commistione di influenze antiche, quasi preistoriche, credenze animiste appartenenti ai nostri antenati sviluppate attraverso una spiccata sensibilità grafica modernista. Influenzata dall’art déco, dalla psichedelia e dal naturalismo, l’autrice Inglese lavora servendosi principalmente del bianco e del nero come uniche tonalità. Le sue pitture sono contraddistinte da forme organiche libere in combinazione con tracce pittoriche e sagome umane, quest’ultime sempre meno presenti nel corso del tempo.
Nelle scorse settimane Lucy McLauchlan ha preso parte all’ultima edizione del Palma Festival realizzando un nuovo murale a Caen in Francia. L’artista ha dipinto una nuova composizione organica trasformando completamente la percezione dell’edificio. Tutti i dettagli dell’opera nella galleria di scatti, qui invece potete dare un occhiata a tutti gli interventi realizzati per la rassegna Francese.

Photo Credit: Tomu