fbpx
GORGO

Luca Zamoc for TOTART Festival in Novi di Modena

La Sala dei Giganti è una delle più note stanze affrescate all’interno del Palazzo Te. Realizzata a Mantova da Giulio Romano, particolarità dell’opera è quella di coprire interamente ed ininterrottamente tutte le superfici disponibili della stanza proiettando lo spettatore al centro di un grande evento narrato.
Ispirato da questo affresco e dalle ceramiche di Filippo Tagliolini che trattano lo stesso argomento, Luca Zamoc per TOTART Festival ne propone una personale rielaborazione pittorica. L’idea dell’artista è quella di affrontare in maniera personale ed aulica il grave terremoto che ha messo in ginocchio Novi di Modena.
Stilisticamente l’opera è caratterizzata da un intenso utilizzo del bianco e del nero come unici colori. Esattamente come accaduto per Ca Zemian, l’artista continua a preferire la forma al colore attraverso un approccio neutro in grado di lasciare che la fruizione dell’opera non venga ‘corrotta’ da sensazioni scaturite dai colori.

Thanks to TOTART for The Pics

Luca Zamoc for TOTART Festival in Novi di Modena

La Sala dei Giganti è una delle più note stanze affrescate all’interno del Palazzo Te. Realizzata a Mantova da Giulio Romano, particolarità dell’opera è quella di coprire interamente ed ininterrottamente tutte le superfici disponibili della stanza proiettando lo spettatore al centro di un grande evento narrato.
Ispirato da questo affresco e dalle ceramiche di Filippo Tagliolini che trattano lo stesso argomento, Luca Zamoc per TOTART Festival ne propone una personale rielaborazione pittorica. L’idea dell’artista è quella di affrontare in maniera personale ed aulica il grave terremoto che ha messo in ginocchio Novi di Modena.
Stilisticamente l’opera è caratterizzata da un intenso utilizzo del bianco e del nero come unici colori. Esattamente come accaduto per Ca Zemian, l’artista continua a preferire la forma al colore attraverso un approccio neutro in grado di lasciare che la fruizione dell’opera non venga ‘corrotta’ da sensazioni scaturite dai colori.

Thanks to TOTART for The Pics