fbpx
GORGO

LNY – New Mural in Jersey City for Savage Habbit

Dopo aver ospitato Pixel Pancho per uno dei lavori più belli dell’artista nostrano (qui), il team di Savage Habbit proseguono la loro serie di progetti a carattere urbano offrendo ad un nuovo artista l’opportunità di esprimersi al meglio, è il turno di LNY che approda a Jersey City negli States per realizzare un intenso lavoro dai differenti risvolti tematici.
Una delle caratteristiche del lavoro di LNY è senza dubbio la sensibilità che riveste tutti gli interventi dell’interprete, la pittura quindi, più di altre volte, assume valore all’interno di contesti sociali, politici ed economici, fungendo da veicolo visivo per porre ed offrire spunti differenti a chi ha l’opportunità di osservare da vicino i lavori. Questa peculiarità tematica che di fatto pone un legame forte con il contesto della pittura, l’autore stesso ed infine le persone, tutt’intorno si sviluppa quindi un rete di riflessione e condivisione atta a percepire al meglio i temi ed i tasti toccati dall’artista. Questo fulcro tematico viene inoltre sostenuto da un pittura fortemente evocativa, e con un tratto che risulta sempre molto personale e che di fatto incrementano l’aspetto viscerale delle produzioni firmate da LNY.
L’intervento per Savage Habbit assume così una nuova chiave di lettura, l’artista prende spunto da una citazione di Adam Smith ed il suo testo La Ricchezza delle Nazioni, ed in particolare dalla frase che recita
“all for ourselves, and nothing for other people, seems, in every age of the world, to have been the vile maxim of the masters of mankind,”. LNY pone quindi una critica velata affiancando queste parole all’immagine di una corona a terra, un atto di decadenza che nasconde un omaggio ai 5Pointz, la mecca dei graffiti newyorkesi da poco imbiancati e che in seguito all’abbattimento faranno posto ad appartamenti di lusso, più affondo l’interprete lancia un monito sulla mancanza di libertà che con il passare del tempo sta interessando gli States a causa delle controverse leggi.
Date un occhiata alle immagini per tutti i dettagli del caso, ma restate sintonizzati qui sul Gorgo, a breve infatti dovrebbe uscire un interessante video di tutto il work in progress del lavoro, perciò stay tuned!

As much as we love to work with artists from other sides of the ocean it’s always important to support local artists as they are the most relevant to our neighborhoods in creating our distinct art culture. With that being said here’s another addition to the streets of Jersey City, NJ continuing our Savage Habbit murals project done by none other than LNY. Inspired by a quote from Adam Smith’s The Wealth of Nations (1776) “all for ourselves, and nothing for other people, seems, in every age of the world, to have been the vile maxim of the masters of mankind,” LNY created a masterful piece taking a more traditional painterly approach to the wall. Using only a brush in hand he hints at our fallen government in the bigger scheme of things and at local political drama, i.e. Lady Liberty’s flame at the end of the crown for a more direct reference to our area and lack of “America the free.”

Thanks to The Artist for The Pics
Pics by Stephen Olweck

LNY – New Mural in Jersey City for Savage Habbit

Dopo aver ospitato Pixel Pancho per uno dei lavori più belli dell’artista nostrano (qui), il team di Savage Habbit proseguono la loro serie di progetti a carattere urbano offrendo ad un nuovo artista l’opportunità di esprimersi al meglio, è il turno di LNY che approda a Jersey City negli States per realizzare un intenso lavoro dai differenti risvolti tematici.
Una delle caratteristiche del lavoro di LNY è senza dubbio la sensibilità che riveste tutti gli interventi dell’interprete, la pittura quindi, più di altre volte, assume valore all’interno di contesti sociali, politici ed economici, fungendo da veicolo visivo per porre ed offrire spunti differenti a chi ha l’opportunità di osservare da vicino i lavori. Questa peculiarità tematica che di fatto pone un legame forte con il contesto della pittura, l’autore stesso ed infine le persone, tutt’intorno si sviluppa quindi un rete di riflessione e condivisione atta a percepire al meglio i temi ed i tasti toccati dall’artista. Questo fulcro tematico viene inoltre sostenuto da un pittura fortemente evocativa, e con un tratto che risulta sempre molto personale e che di fatto incrementano l’aspetto viscerale delle produzioni firmate da LNY.
L’intervento per Savage Habbit assume così una nuova chiave di lettura, l’artista prende spunto da una citazione di Adam Smith ed il suo testo La Ricchezza delle Nazioni, ed in particolare dalla frase che recita
“all for ourselves, and nothing for other people, seems, in every age of the world, to have been the vile maxim of the masters of mankind,”. LNY pone quindi una critica velata affiancando queste parole all’immagine di una corona a terra, un atto di decadenza che nasconde un omaggio ai 5Pointz, la mecca dei graffiti newyorkesi da poco imbiancati e che in seguito all’abbattimento faranno posto ad appartamenti di lusso, più affondo l’interprete lancia un monito sulla mancanza di libertà che con il passare del tempo sta interessando gli States a causa delle controverse leggi.
Date un occhiata alle immagini per tutti i dettagli del caso, ma restate sintonizzati qui sul Gorgo, a breve infatti dovrebbe uscire un interessante video di tutto il work in progress del lavoro, perciò stay tuned!

As much as we love to work with artists from other sides of the ocean it’s always important to support local artists as they are the most relevant to our neighborhoods in creating our distinct art culture. With that being said here’s another addition to the streets of Jersey City, NJ continuing our Savage Habbit murals project done by none other than LNY. Inspired by a quote from Adam Smith’s The Wealth of Nations (1776) “all for ourselves, and nothing for other people, seems, in every age of the world, to have been the vile maxim of the masters of mankind,” LNY created a masterful piece taking a more traditional painterly approach to the wall. Using only a brush in hand he hints at our fallen government in the bigger scheme of things and at local political drama, i.e. Lady Liberty’s flame at the end of the crown for a more direct reference to our area and lack of “America the free.”

Thanks to The Artist for The Pics
Pics by Stephen Olweck