fbpx
GORGO

Land on Art Festival with Ciredz, Tellas and Caterina Sega

Roberto Ciredz, Tellas e Caterina Sega hanno realizzato una serie di interventi site-specific per il Land on Art Festival.
Arrivato al terzo appuntamento, il festival diffuso si sviluppa questa volta all’interno del magico scenario di Fonte Regina. Le origini di questa sorgente risalgono all’epoca dei Romani, i quali si ingegnarono nella costruzione di un sistema di approvvigionamento idrico: l’acqua scorreva in tubature di pietra e collegava direttamente le sorgenti alle abitazioni. All’interno di questo contesto prendono vita gli interventi realizzati da Caterina Sega, Tellas e Ciredz, tutti realizzati in funzione ed in aperto dialogo con il paesaggio e gli elementi naturali presenti nel luogo.
Caterina Sega presenta “Ninfee” ovvero un’opera galleggiante, composta da cinque grandi fiori realizzati intrecciando piccoli petali realizzati con pneumatici e cartelli pubblicitari. L’opera dell’autrice interagisce con le piccole cascate di Fonte Regina, animandosi e muovendosi in funzione del corso d’acqua.
Tellas propone invece “Spettro”, un nuova installazione dell’omonima serie realizzata tra gli alberi del parco ed interamente costruita con le lenza da pesca. L’intento è quello di dialogare con l’ambiente circostante proponendo un opera altamente effimera, capace di integrarsi in modo egregio con il paesaggio, ed al tempo stesso spezzarne la linearità.
Last but not least Roberto Ciredz. L’artista presenta una nuova installazione parte della sue serie “VOLUMI“. Realizzata in legno e pittura acrilica, l’opera è una nuova illusione, un immagine appartenente al mondo digitale e che al tempo stesso non esiste realmente. La dimensione piatta dà l’illusione di una forma tridimensionale attraverso la consueta ed ormai iconica scala di grigi.
Tutti i dettagli degli interventi realizzati nell’ampia galleria di scatti in calce al nostro testo, dateci un occhiata!

Pics by Anthony Onno Brower

Land on Art Festival with Ciredz, Tellas and Caterina Sega

Roberto Ciredz, Tellas e Caterina Sega hanno realizzato una serie di interventi site-specific per il Land on Art Festival.
Arrivato al terzo appuntamento, il festival diffuso si sviluppa questa volta all’interno del magico scenario di Fonte Regina. Le origini di questa sorgente risalgono all’epoca dei Romani, i quali si ingegnarono nella costruzione di un sistema di approvvigionamento idrico: l’acqua scorreva in tubature di pietra e collegava direttamente le sorgenti alle abitazioni. All’interno di questo contesto prendono vita gli interventi realizzati da Caterina Sega, Tellas e Ciredz, tutti realizzati in funzione ed in aperto dialogo con il paesaggio e gli elementi naturali presenti nel luogo.
Caterina Sega presenta “Ninfee” ovvero un’opera galleggiante, composta da cinque grandi fiori realizzati intrecciando piccoli petali realizzati con pneumatici e cartelli pubblicitari. L’opera dell’autrice interagisce con le piccole cascate di Fonte Regina, animandosi e muovendosi in funzione del corso d’acqua.
Tellas propone invece “Spettro”, un nuova installazione dell’omonima serie realizzata tra gli alberi del parco ed interamente costruita con le lenza da pesca. L’intento è quello di dialogare con l’ambiente circostante proponendo un opera altamente effimera, capace di integrarsi in modo egregio con il paesaggio, ed al tempo stesso spezzarne la linearità.
Last but not least Roberto Ciredz. L’artista presenta una nuova installazione parte della sue serie “VOLUMI“. Realizzata in legno e pittura acrilica, l’opera è una nuova illusione, un immagine appartenente al mondo digitale e che al tempo stesso non esiste realmente. La dimensione piatta dà l’illusione di una forma tridimensionale attraverso la consueta ed ormai iconica scala di grigi.
Tutti i dettagli degli interventi realizzati nell’ampia galleria di scatti in calce al nostro testo, dateci un occhiata!

Pics by Anthony Onno Brower