GORGO

Laguna – New Mural in Chalkida, Greece

Prosegue l’ottimo periodo di Laguna, il grande interprete Spagnolo nei giorni scorsi si è spostato a Chalkida in Grecia dove ha avuto modo di realizzare questa nuova ed intensa pittura, calamitando ancora una volta tutto il suo particolare approccio pittorico.

Dopo la recente collaborazione con i Blaqk (Covered), l’interprete ha quindi avuto l’opportunità di lavorare in solitaria sviluppando una nuova forma direttamente connessa con le personali fascinazioni e stimoli visivi.

La pittura dell’autore è certamente tra quelle che maggiormente incontrano il nostro favore, uno spirito altamente viscerale, capace più che mai di stimolare emozioni, impulsi e riflessioni di vario genere. Quella che emerge è una produzione stratificata dalle molteplici sfaccettature percettive, sia che lo stesso artista sente, sia che la sua stessa pittura riesce ad imbastire.

Quando affrontiamo gli interventi dell’artista, non possiamo scindere la componenti pittorica da quella tematica, si tratta di una unica e diretta raffigurazione in cui l’interprete sceglie di confrontarsi con lo spazio attraverso un approccio personale, criptico, ed in grado di dare forme e sostanza ad interventi altamente catartici. Non appare quindi semplice la lettura, non ci troviamo a confronto con immagini od una narrativa visiva, quanto piuttosto con una costante sperimentazione pittorica. L’interprete fa dello spazio la sua tela è vero, ma al tempo stesso ne disintegra l’equilibrio, la staticità, proponendo intensità, cambi cromatici, una pittura profondissima che inevitabilmente stuzzica le corde più sensibili di chi osserva. Si tratta di una danza ciclica, in costante mutamente, arricchita da una forte varietà tonale, da continuo capovolgimenti. La forma si assottiglia, si ingrandisce, gravita nello spazio come se fosse liquida, intangibile. Come acqua, scorre libera, traccia e suggerisce figure, elementi differenti e soggettivi che assumono la forma e l’aspetto in connessione con la nostra mente, le nostra esperienze di vita, tramutandosi e trasformandosi di volta in volta in qualcosa di differente.

Per questa sua ultima fatica ancora una volta Laguna entra a contatto con le nostre percezioni, l’intervento eredita tutta la particolarità stilistica ed emotiva che da sempre contraddistingue gli interventi dell’autore. Una nuova figura quindi, difficile da leggere, da scardinare, da accostare, eppure così familiare, densa, grondante di sentimento.

Ad accompagnare il nostro testo alcuni scatti dell’intervento, dateci un occhiata e restate sintonizzati, presto infatti nuovi aggiornamenti sul soggiorno dell’artista in Grecia con tutti i lavori e le collaborazioni realizzate.

Pics by The Artist

Laguna – New Mural in Chalkida, Greece

Prosegue l’ottimo periodo di Laguna, il grande interprete Spagnolo nei giorni scorsi si è spostato a Chalkida in Grecia dove ha avuto modo di realizzare questa nuova ed intensa pittura, calamitando ancora una volta tutto il suo particolare approccio pittorico.

Dopo la recente collaborazione con i Blaqk (Covered), l’interprete ha quindi avuto l’opportunità di lavorare in solitaria sviluppando una nuova forma direttamente connessa con le personali fascinazioni e stimoli visivi.

La pittura dell’autore è certamente tra quelle che maggiormente incontrano il nostro favore, uno spirito altamente viscerale, capace più che mai di stimolare emozioni, impulsi e riflessioni di vario genere. Quella che emerge è una produzione stratificata dalle molteplici sfaccettature percettive, sia che lo stesso artista sente, sia che la sua stessa pittura riesce ad imbastire.

Quando affrontiamo gli interventi dell’artista, non possiamo scindere la componenti pittorica da quella tematica, si tratta di una unica e diretta raffigurazione in cui l’interprete sceglie di confrontarsi con lo spazio attraverso un approccio personale, criptico, ed in grado di dare forme e sostanza ad interventi altamente catartici. Non appare quindi semplice la lettura, non ci troviamo a confronto con immagini od una narrativa visiva, quanto piuttosto con una costante sperimentazione pittorica. L’interprete fa dello spazio la sua tela è vero, ma al tempo stesso ne disintegra l’equilibrio, la staticità, proponendo intensità, cambi cromatici, una pittura profondissima che inevitabilmente stuzzica le corde più sensibili di chi osserva. Si tratta di una danza ciclica, in costante mutamente, arricchita da una forte varietà tonale, da continuo capovolgimenti. La forma si assottiglia, si ingrandisce, gravita nello spazio come se fosse liquida, intangibile. Come acqua, scorre libera, traccia e suggerisce figure, elementi differenti e soggettivi che assumono la forma e l’aspetto in connessione con la nostra mente, le nostra esperienze di vita, tramutandosi e trasformandosi di volta in volta in qualcosa di differente.

Per questa sua ultima fatica ancora una volta Laguna entra a contatto con le nostre percezioni, l’intervento eredita tutta la particolarità stilistica ed emotiva che da sempre contraddistingue gli interventi dell’autore. Una nuova figura quindi, difficile da leggere, da scardinare, da accostare, eppure così familiare, densa, grondante di sentimento.

Ad accompagnare il nostro testo alcuni scatti dell’intervento, dateci un occhiata e restate sintonizzati, presto infatti nuovi aggiornamenti sul soggiorno dell’artista in Grecia con tutti i lavori e le collaborazioni realizzate.

Pics by The Artist