GORGO

La Pandilla – New Mural in Vienna, Austria

Dopo l’eccellente facciata a Bratislava (qui), Alexis Diaz del duo portoricano La Pandilla si sposta e fà tappa a Vienna in Austria dove la scorsa settimana ha portato a termine una nuova facciata.

Lo spazio a disposizione questa volta è decisamente minore, aldilà di questo però l’artista riesce comunque ancora una volta a stupirci, il lavoro de La Pandilla infatti è ben famoso per l’elevato livello di dettaglio presente nelle opere ricercato attraverso una paziente lavorazione con piccoli pennelli con i quali dipingere segni e minuscole tracce. I risultati finali sono lavori incredibili per la profondità scenica, le minuscoli linee si intersecano dando vita ad effetti di luce ed ombra garantendo al contempo una realisticità incredibile spezzata unicamente dall’immaginario proposto.

Anche qui Alexis Diaz propone un nuovo mesh-up, un pesce diventa così un sommergibile con tanto di oblò, le mani attaccante ai lati rappresentano gli ipotetici remi, nella parte più alta, quella che emerge dall’acqua troviamo un nido di uccello, la coda invece è stata trasformata con una serie di tentacoli ed infine anche qui notiamo, seppur leggermente abbozzato, ancora una volta un paesaggio che fà da scenografia al lavoro.

Per non perdervi neppur un dettaglio, scrollate giù ed ammirate le immagini che trovate in calce, siamo sicuri che anche voi ne rimarrete rapiti aspettando come sempre di proporvi nuovi aggiornamenti sul lavoro de La Pandilla.

Pics by Street Art News

La Pandilla – New Mural in Vienna, Austria

Dopo l’eccellente facciata a Bratislava (qui), Alexis Diaz del duo portoricano La Pandilla si sposta e fà tappa a Vienna in Austria dove la scorsa settimana ha portato a termine una nuova facciata.

Lo spazio a disposizione questa volta è decisamente minore, aldilà di questo però l’artista riesce comunque ancora una volta a stupirci, il lavoro de La Pandilla infatti è ben famoso per l’elevato livello di dettaglio presente nelle opere ricercato attraverso una paziente lavorazione con piccoli pennelli con i quali dipingere segni e minuscole tracce. I risultati finali sono lavori incredibili per la profondità scenica, le minuscoli linee si intersecano dando vita ad effetti di luce ed ombra garantendo al contempo una realisticità incredibile spezzata unicamente dall’immaginario proposto.

Anche qui Alexis Diaz propone un nuovo mesh-up, un pesce diventa così un sommergibile con tanto di oblò, le mani attaccante ai lati rappresentano gli ipotetici remi, nella parte più alta, quella che emerge dall’acqua troviamo un nido di uccello, la coda invece è stata trasformata con una serie di tentacoli ed infine anche qui notiamo, seppur leggermente abbozzato, ancora una volta un paesaggio che fà da scenografia al lavoro.

Per non perdervi neppur un dettaglio, scrollate giù ed ammirate le immagini che trovate in calce, siamo sicuri che anche voi ne rimarrete rapiti aspettando come sempre di proporvi nuovi aggiornamenti sul lavoro de La Pandilla.

Pics by Street Art News