fbpx
GORGO

L’AM – L’Arte della Memoria Teaser

In questo particolare momento storico l’arte urbana sta sempre più ricoprendo il ruolo di veicolo non solo sociale ma anche urbanistico, L’AM – L’Arte delle Memoria in questo senso fa un po’ da eco a quelli che sono stati lungimiranti progetti come La Tour 13 ed andando ancora più in là nel tempo quello de Les Bains Douches Project, anche quest’ultimo come il precedente a Parigi, utilizzare quindi edifici in disuso e vicini alla demolizione per farne dei veri e propri lavori temporali offrendo ad artisti qualificati e di grande spessore, l’opportunità di lavorare in tranquillità su grandi spazi e stanze sporacchiate e semi distrutte. Interventi del genere richiamano da vicino l’operato di quelli che sono gli artisti che si avvicinano a questi luoghi in modo non legale, cimentandosi in vere e proprie esplorazioni, cosa che dal canto nostro apprezziamo in particolari modo per il carattere emotivo ed impattante di queste opere.
L’AM – L’Arte della Memoria in questo nuovo approccio rappresenta la prima volta per la Svizzera Italiana in cui un abitazione privata viene investita dalle arti e aperta al pubblico prima della sua distruzione. Il progetto vede coinvolte le realtà più sensibili ed attive come l’Ego Gallery, Spazio 1929 e Sonnenstube, con il sostegno di Arte Urbana Lugano, tutti soggetti che stanno portando in questi luoghi l’energia e la bellezza delle arte visive applicate alla strada.
Ad intervenire ed a prestare il proprio talento troviamo una ricchissima flotta di interpreti tra cui 108, Antimo B., Thomas Berra, Luigi Boccadamo, Bros, Demian Conrad, Dem, Alex Dorici, Hitnes, Ivan il Poeta, Geshe Janchup + Lama Tenzin, Nicola Magrin, Marta Margnetti, Damiano Mengozzi, Mossitup, Mp5, Nevercrew, OLG, Orticanoodles, Matteo Pulvirenti, Seacreative, Urbansolid, Francesca Wilkins, nomi di cui siamo soliti mostrarvi l’operato tra eccellenti esponti dell’arte nostrana, internazionale e locale ed alcuni che siamo certi si riveleranno delle piacevoli sorprese. A differenza degli altri progetti fin qui visti, L’AM – L’Arte della Memoria poggia le sue basi proprio sul concetto di Memoria investendo il luogo attraverso pittura, lavori installatori e vere e proprie performance, inoltre se alcuni artisti hanno già di fatto concluso il loro intervento altri lavoreranno a stretto contatto con il pubblico aumentando quindi il fattore di condivisione ed interattività che tanto ci piace.
Un luogo effimero che verrà interamente demolito insieme agli interventi il prossimo Gennaio e che questo week-end apre le sue porte al pubblico con musica da vivo, un grande stand per poter familiarizzare con il mondo dell’editoria legata al mondo dell’arte, ed infine una zona ristoro dove poter gustare le esperienze culinarie originali e tipiche all’interno di questo inusuale spazio.
Un progetto quindi a 360 gradi che ci ha particolarmente convinto ed interessato e di cui siamo curiosi di vedere il risultato finale, se vi trovate in zona e siete interessati l’appuntamento è appunto per questo week, diversamente restate sintonizzati qui sul Gorgo presto un approfondito recap dell’evento.

L’AM – L’Arte della Memoria
Villa Ambrosetti – Via Nocc 7
Gentilino (CH)

L’AM – L’Arte della Memoria Teaser

In questo particolare momento storico l’arte urbana sta sempre più ricoprendo il ruolo di veicolo non solo sociale ma anche urbanistico, L’AM – L’Arte delle Memoria in questo senso fa un po’ da eco a quelli che sono stati lungimiranti progetti come La Tour 13 ed andando ancora più in là nel tempo quello de Les Bains Douches Project, anche quest’ultimo come il precedente a Parigi, utilizzare quindi edifici in disuso e vicini alla demolizione per farne dei veri e propri lavori temporali offrendo ad artisti qualificati e di grande spessore, l’opportunità di lavorare in tranquillità su grandi spazi e stanze sporacchiate e semi distrutte. Interventi del genere richiamano da vicino l’operato di quelli che sono gli artisti che si avvicinano a questi luoghi in modo non legale, cimentandosi in vere e proprie esplorazioni, cosa che dal canto nostro apprezziamo in particolari modo per il carattere emotivo ed impattante di queste opere.
L’AM – L’Arte della Memoria in questo nuovo approccio rappresenta la prima volta per la Svizzera Italiana in cui un abitazione privata viene investita dalle arti e aperta al pubblico prima della sua distruzione. Il progetto vede coinvolte le realtà più sensibili ed attive come l’Ego Gallery, Spazio 1929 e Sonnenstube, con il sostegno di Arte Urbana Lugano, tutti soggetti che stanno portando in questi luoghi l’energia e la bellezza delle arte visive applicate alla strada.
Ad intervenire ed a prestare il proprio talento troviamo una ricchissima flotta di interpreti tra cui 108, Antimo B., Thomas Berra, Luigi Boccadamo, Bros, Demian Conrad, Dem, Alex Dorici, Hitnes, Ivan il Poeta, Geshe Janchup + Lama Tenzin, Nicola Magrin, Marta Margnetti, Damiano Mengozzi, Mossitup, Mp5, Nevercrew, OLG, Orticanoodles, Matteo Pulvirenti, Seacreative, Urbansolid, Francesca Wilkins, nomi di cui siamo soliti mostrarvi l’operato tra eccellenti esponti dell’arte nostrana, internazionale e locale ed alcuni che siamo certi si riveleranno delle piacevoli sorprese. A differenza degli altri progetti fin qui visti, L’AM – L’Arte della Memoria poggia le sue basi proprio sul concetto di Memoria investendo il luogo attraverso pittura, lavori installatori e vere e proprie performance, inoltre se alcuni artisti hanno già di fatto concluso il loro intervento altri lavoreranno a stretto contatto con il pubblico aumentando quindi il fattore di condivisione ed interattività che tanto ci piace.
Un luogo effimero che verrà interamente demolito insieme agli interventi il prossimo Gennaio e che questo week-end apre le sue porte al pubblico con musica da vivo, un grande stand per poter familiarizzare con il mondo dell’editoria legata al mondo dell’arte, ed infine una zona ristoro dove poter gustare le esperienze culinarie originali e tipiche all’interno di questo inusuale spazio.
Un progetto quindi a 360 gradi che ci ha particolarmente convinto ed interessato e di cui siamo curiosi di vedere il risultato finale, se vi trovate in zona e siete interessati l’appuntamento è appunto per questo week, diversamente restate sintonizzati qui sul Gorgo presto un approfondito recap dell’evento.

L’AM – L’Arte della Memoria
Villa Ambrosetti – Via Nocc 7
Gentilino (CH)