GORGO

JAZ – New Mural for Artesano Project

Continuiamo a seguire con interesse gli sviluppi dell’eccellente Artesano Project, tra i grandi ospiti ritroviamo JAZ, l’artista Argentino ha infatti da poco terminato questa nuova ed inedita opera interamente realizzata con la carta.

In questi giorni fari puntati su Rio San Juan, nella Repubblica Domenicana, base operativa del bel progetto. Realizzato dalla Inoperable Gallery di Vienna in collaborazione con Evoca1, il progetto vede una serie di star internazionali, perlopiù sudamericani, lavorare ad una serie di interventi in strada con il preciso intento di mostrare uno stile di vita alternativo ai giovani del posto. Al lavoro quindi tra i paesaggi mozzafiato dell’isola e soprattutto in mezzo al tessuto sociale Domenicano, troviamo artisti differenti tutti comunque legati da una particolare sensibilità pittorica verso l’essere umano e per questo certamente interessati ad innescare un dialogo forte ed approfondito.

Aldilà dello spirito del progetto, non possiamo che concentrare la nostra attenzione sull’inedita soluzione stilistica quanto metodologica adottata dall’autore Argentino per questa sua ultima fatica. Eredità diretta del precedente lavoro realizzato a Miami in collaborazione con il nostro 2501 (Covered), dove già avevamo notato i sintomi di un sostanziale cambio visivo, quest’ultimo intervento porta con se un vento nuovo nella dinamiche all’interno delle produzioni dell’artista.

L’utilizzo totale di un supporto come la carta è certamente il primo stimolo di questo intervento, al tempo stesso a catturare la nostra attenzione è senza dubbio la stile pittorico adottato qui da Fasoli. JAZ sceglie di mettere da parte la concentrazione e la profondità pittorica che da sempre fanno parte del dna delle sue opere, per concentrarsi piuttosto su una soluzione stilistica più essenziale, maggiormente piatta e legata ad una rappresentazione certamente più grafica piuttosto che pittorica. In questo senso ad esempio i due soggetti vengono qui raffigurati, vengono proposti attraverso un impostazione maggiormente illustrativa, laddove i colori e le sezioni divengono maggiormente delineate suggerendo giochi di luce ed ombra.

Il risultato finale, sebbene l’impostazione tematica e le idee di fondo rimangano di fatto le stesse, è un opera del tutto nuova. JAZ attraverso questo nuovo indirizzo stilistico mantiene quindi inalterato il valore del proprio operato, con i consueti giochi di mash-up fisici tra animali ed essere umani, rivitalizzando un comporto stilistico attraverso una soluzione visiva forse di maggiore enfasi applicata qui ad uno specifico tema. Come la totalità degli interventi fin qui visti per la rassegna, anche l’autore sudamericano sceglie la via del dialogo diretto proponendo una rappresentazione dei classici giochi da strada in cui è possibile imbattersi percorrendo le strade della cittadina. I due bizzarri characters sono infatti intenti a giocare a domino ed a baseball, due dei giochi più comuni praticati nell’isola.

In attesa di scoprire nuovi aggiornamenti circa questo indirizzo scelto dall’autore, in calce al nostro testo potete trovare una bella serie di scatti con tutti i dettagli di quest’ultima fatica, dateci un occhiata! Qui invece potete trovare tutti i lavori fin qui terminati per il bel progetto.

Pics by Mario E Ramirez of Tostfilms

JAZ – New Mural for Artesano Project

Continuiamo a seguire con interesse gli sviluppi dell’eccellente Artesano Project, tra i grandi ospiti ritroviamo JAZ, l’artista Argentino ha infatti da poco terminato questa nuova ed inedita opera interamente realizzata con la carta.

In questi giorni fari puntati su Rio San Juan, nella Repubblica Domenicana, base operativa del bel progetto. Realizzato dalla Inoperable Gallery di Vienna in collaborazione con Evoca1, il progetto vede una serie di star internazionali, perlopiù sudamericani, lavorare ad una serie di interventi in strada con il preciso intento di mostrare uno stile di vita alternativo ai giovani del posto. Al lavoro quindi tra i paesaggi mozzafiato dell’isola e soprattutto in mezzo al tessuto sociale Domenicano, troviamo artisti differenti tutti comunque legati da una particolare sensibilità pittorica verso l’essere umano e per questo certamente interessati ad innescare un dialogo forte ed approfondito.

Aldilà dello spirito del progetto, non possiamo che concentrare la nostra attenzione sull’inedita soluzione stilistica quanto metodologica adottata dall’autore Argentino per questa sua ultima fatica. Eredità diretta del precedente lavoro realizzato a Miami in collaborazione con il nostro 2501 (Covered), dove già avevamo notato i sintomi di un sostanziale cambio visivo, quest’ultimo intervento porta con se un vento nuovo nella dinamiche all’interno delle produzioni dell’artista.

L’utilizzo totale di un supporto come la carta è certamente il primo stimolo di questo intervento, al tempo stesso a catturare la nostra attenzione è senza dubbio la stile pittorico adottato qui da Fasoli. JAZ sceglie di mettere da parte la concentrazione e la profondità pittorica che da sempre fanno parte del dna delle sue opere, per concentrarsi piuttosto su una soluzione stilistica più essenziale, maggiormente piatta e legata ad una rappresentazione certamente più grafica piuttosto che pittorica. In questo senso ad esempio i due soggetti vengono qui raffigurati, vengono proposti attraverso un impostazione maggiormente illustrativa, laddove i colori e le sezioni divengono maggiormente delineate suggerendo giochi di luce ed ombra.

Il risultato finale, sebbene l’impostazione tematica e le idee di fondo rimangano di fatto le stesse, è un opera del tutto nuova. JAZ attraverso questo nuovo indirizzo stilistico mantiene quindi inalterato il valore del proprio operato, con i consueti giochi di mash-up fisici tra animali ed essere umani, rivitalizzando un comporto stilistico attraverso una soluzione visiva forse di maggiore enfasi applicata qui ad uno specifico tema. Come la totalità degli interventi fin qui visti per la rassegna, anche l’autore sudamericano sceglie la via del dialogo diretto proponendo una rappresentazione dei classici giochi da strada in cui è possibile imbattersi percorrendo le strade della cittadina. I due bizzarri characters sono infatti intenti a giocare a domino ed a baseball, due dei giochi più comuni praticati nell’isola.

In attesa di scoprire nuovi aggiornamenti circa questo indirizzo scelto dall’autore, in calce al nostro testo potete trovare una bella serie di scatti con tutti i dettagli di quest’ultima fatica, dateci un occhiata! Qui invece potete trovare tutti i lavori fin qui terminati per il bel progetto.

Pics by Mario E Ramirez of Tostfilms