fbpx
GORGO

Jaybo Monk – “Paper Tears” Show at Soze Gallery Preview

Un talento incredibile quello di Jaybo Monk, l’artista è fortemente legato al corpo umano con il quale ha una relazione artistica che lo porta ad approfondirne gli aspetti più intimi, proponendo interessanti intrecci fisici e visivi il lavoro di Monk si evolve seguendo una struttura a frame, un fermo immagine in movimento, i risultati sono volti e corpi talvolta sfocati, rapidi, un istantanea del movimento in cui l’artista va poi ad immettere dettagli di colori facendo risaltare le parti che maggiormente ne hanno colpito l’immaginazione.
Il prossimo step di Jaybo Monk è “Paper Tears”, in apertura il prossimo 10 Agosto presso la Soze Gallery, si tratta di uno show complesso, elaborato e masticato durante il soggiorno europeo tra il Portogallo e Berlino. Monk tenta una nuova direzione si affida al metodo del caso, lascia accadere le cose senza pretenderne una significato, istinto puro. Attraverso una serie di collage elaborati su diversi livelli l’artista da vita ad una decostruzione per costruire, in cui emergono interessanti paralleli tra ruvito e pulito, calma e violenza sia nelle immagini che nel tratto.

Uno show che si annuncia assolutamente imperdibile, segnatevi la data, se vi trovate in zona infatti l’appuntamento è per questo sabato, diversamente invece restate sintonizzati qui sul Gorgo, a suo tempo vi mosteremo tutto l’allestimento proposto da Jaybo Monk con una bella selezione di scatti ed un recap approfondito. Nel frattempo vi lasciamo in compagnia di alcune immagini in preview, giusto per darvi un assaggio ed un idea dello show che il grande interprete si appresta ad aprire, enjoy it.

Soze Gallery
2020 E. 7th St Suite B
Los Angeles, CA. 90021

My work is a journey into the bits and pieces of my memories. I am working with the method of chance, which means, I let things happen without trying to get any meaning into them. I neither know in advance what it is meant to look like nor during the process what i am aiming at and what to do about getting there . I am attached to the idea of cutting things up and putting them together. I think, the concept of a collage is important in all aspects of our century-I deconstruct to reconstruct. I use the force of contrast between rough and clean, between violent and calm. I am researching some new stimulation to learn how to create new mistakes. I basically do what I love to do and what I love to do confuses me sometimes. But I guess, I like to be confused.

Drawings is a blind, beautiful and desperate effort to be surrounded by the incomprehensible In this particular pieces , i try to keep influences playing with me during a travel to Portugal to see how it will affect the work. i started all pieces in Berlin , let them evolve in Portugal , than finishing them in Berlin . some of the title has been selected before the drawings some after . the small sized drawings allowed me to be able to work on them simultaneously and also it was a kind showing love to the not so fortunate collectors out there who helped me to be what i am now.

Jaybo Monk – “Paper Tears” Show at Soze Gallery Preview

Un talento incredibile quello di Jaybo Monk, l’artista è fortemente legato al corpo umano con il quale ha una relazione artistica che lo porta ad approfondirne gli aspetti più intimi, proponendo interessanti intrecci fisici e visivi il lavoro di Monk si evolve seguendo una struttura a frame, un fermo immagine in movimento, i risultati sono volti e corpi talvolta sfocati, rapidi, un istantanea del movimento in cui l’artista va poi ad immettere dettagli di colori facendo risaltare le parti che maggiormente ne hanno colpito l’immaginazione.
Il prossimo step di Jaybo Monk è “Paper Tears”, in apertura il prossimo 10 Agosto presso la Soze Gallery, si tratta di uno show complesso, elaborato e masticato durante il soggiorno europeo tra il Portogallo e Berlino. Monk tenta una nuova direzione si affida al metodo del caso, lascia accadere le cose senza pretenderne una significato, istinto puro. Attraverso una serie di collage elaborati su diversi livelli l’artista da vita ad una decostruzione per costruire, in cui emergono interessanti paralleli tra ruvito e pulito, calma e violenza sia nelle immagini che nel tratto.

Uno show che si annuncia assolutamente imperdibile, segnatevi la data, se vi trovate in zona infatti l’appuntamento è per questo sabato, diversamente invece restate sintonizzati qui sul Gorgo, a suo tempo vi mosteremo tutto l’allestimento proposto da Jaybo Monk con una bella selezione di scatti ed un recap approfondito. Nel frattempo vi lasciamo in compagnia di alcune immagini in preview, giusto per darvi un assaggio ed un idea dello show che il grande interprete si appresta ad aprire, enjoy it.

Soze Gallery
2020 E. 7th St Suite B
Los Angeles, CA. 90021

My work is a journey into the bits and pieces of my memories. I am working with the method of chance, which means, I let things happen without trying to get any meaning into them. I neither know in advance what it is meant to look like nor during the process what i am aiming at and what to do about getting there . I am attached to the idea of cutting things up and putting them together. I think, the concept of a collage is important in all aspects of our century-I deconstruct to reconstruct. I use the force of contrast between rough and clean, between violent and calm. I am researching some new stimulation to learn how to create new mistakes. I basically do what I love to do and what I love to do confuses me sometimes. But I guess, I like to be confused.

Drawings is a blind, beautiful and desperate effort to be surrounded by the incomprehensible In this particular pieces , i try to keep influences playing with me during a travel to Portugal to see how it will affect the work. i started all pieces in Berlin , let them evolve in Portugal , than finishing them in Berlin . some of the title has been selected before the drawings some after . the small sized drawings allowed me to be able to work on them simultaneously and also it was a kind showing love to the not so fortunate collectors out there who helped me to be what i am now.