fbpx
GORGO

Hope & Gig – “Tane Popolari” New Mural in Trani

A distanza di tempo torniamo con piacere ad approfondire il lavoro di Hope & Gig, il duo ha infatti da poco terminato un nuovo intervento all’interno degli spazi dell’Atomic Room, laboratorio/spazio dello storico Circolo degli Artisti di Trani.
Ancora una volta mettiamo l’accento sul personale tratto visivo del duo italiano, gli artisti attraverso una pittura precisa sviluppano una visione stilistica che riesce ad assecondare al meglio le personali tematiche scelte, affidandosi ad un tratto ricco di pennellate morbide e dettagliate, che trovano la perfetta declinazione nella rappresentazione degli animali, unici e veri protagonisti del lavoro dei due interpreti, i due artisti sviluppano i loro interventi affidandosi unicamente al bianco ed al nero come unici interlocutori cromatici, una scelta questa che ne alimenta il sapore onirico nelle creazioni ma soprattutto porta avanti la personale rivisitazione dell’immaginario fiabesco e fanciullesco dal quale gli Hope & Gig attingono per i loro lavori. Proprio la scelta di focalizzare i propri sforzi su questo preciso filone tematico, viene sviluppata attraverso quello che un tratto stilistico che si fa alle immagini dei libri di una volta, quelli di fiabe e racconti popolari così saldamente scolpiti nella memoria collettivo e che ora con il passare degli anni scivolano via tra le piaghe del tempo e che ritrovano proprio attraverso l’operato dei due artisti un nuovo spolvero e soprattutto una nuova contestualizzazione. Singolare e peculiare è la scelta del duo di proporre temi e racconti legati a queste storie ed, attraverso gli stessi, sviluppare una riflessione su quella che è l’attualità, sui problemi che sentiamo tutti i giorni e che letti attraverso questo particolare filtro visivo, risultano senza dubbio più familiari e di facile comprensione. La forza degli interventi degli Hope & Gig risulta quindi duplice, da una parte l’esigenza di mantenere vivo un solco tradizionale, sia stilistico che tematico, dall’altra invece una ricerca ed un indagine personale su quelli che sono i temi e le vicende della vita di tutti i giorni siano esse di tipo sociale, economico oppure politico e di come le stesse possano essere raccontate servendosi proprio dei racconti popolari. Non più racconti quindi fini a se stessi ma piuttosto sottili e affilati paragoni tra quelli che sono personaggi inventati e contesti reali, tangibili in un immedesimazione quanto mai riuscita.
L’ultimo intervento dal titolo “Tane Popolari”, raccoglie appieno tutti gli elementi stilistici del duo portando a compimento un immagine in cui vediamo due animali nascondersi sottoterra, il titolo e la trama visiva rendono perfettamente il significato dell’opera.
Dopo il salto una ricchissima galleria che ripercorre passo per passo tutto lo sviluppo di questo nuovo lavoro, il consiglio è quello di darci un occhiata per cogliere tutto lo stile del duo, scrollate giù, se volete approfondire qui invece il video recap ma restate sintonizzati per nuovi e succosi aggiornamenti sul loro lavoro.

Thanks to The Artist for The Pics

Hope & Gig – “Tane Popolari” New Mural in Trani

A distanza di tempo torniamo con piacere ad approfondire il lavoro di Hope & Gig, il duo ha infatti da poco terminato un nuovo intervento all’interno degli spazi dell’Atomic Room, laboratorio/spazio dello storico Circolo degli Artisti di Trani.
Ancora una volta mettiamo l’accento sul personale tratto visivo del duo italiano, gli artisti attraverso una pittura precisa sviluppano una visione stilistica che riesce ad assecondare al meglio le personali tematiche scelte, affidandosi ad un tratto ricco di pennellate morbide e dettagliate, che trovano la perfetta declinazione nella rappresentazione degli animali, unici e veri protagonisti del lavoro dei due interpreti, i due artisti sviluppano i loro interventi affidandosi unicamente al bianco ed al nero come unici interlocutori cromatici, una scelta questa che ne alimenta il sapore onirico nelle creazioni ma soprattutto porta avanti la personale rivisitazione dell’immaginario fiabesco e fanciullesco dal quale gli Hope & Gig attingono per i loro lavori. Proprio la scelta di focalizzare i propri sforzi su questo preciso filone tematico, viene sviluppata attraverso quello che un tratto stilistico che si fa alle immagini dei libri di una volta, quelli di fiabe e racconti popolari così saldamente scolpiti nella memoria collettivo e che ora con il passare degli anni scivolano via tra le piaghe del tempo e che ritrovano proprio attraverso l’operato dei due artisti un nuovo spolvero e soprattutto una nuova contestualizzazione. Singolare e peculiare è la scelta del duo di proporre temi e racconti legati a queste storie ed, attraverso gli stessi, sviluppare una riflessione su quella che è l’attualità, sui problemi che sentiamo tutti i giorni e che letti attraverso questo particolare filtro visivo, risultano senza dubbio più familiari e di facile comprensione. La forza degli interventi degli Hope & Gig risulta quindi duplice, da una parte l’esigenza di mantenere vivo un solco tradizionale, sia stilistico che tematico, dall’altra invece una ricerca ed un indagine personale su quelli che sono i temi e le vicende della vita di tutti i giorni siano esse di tipo sociale, economico oppure politico e di come le stesse possano essere raccontate servendosi proprio dei racconti popolari. Non più racconti quindi fini a se stessi ma piuttosto sottili e affilati paragoni tra quelli che sono personaggi inventati e contesti reali, tangibili in un immedesimazione quanto mai riuscita.
L’ultimo intervento dal titolo “Tane Popolari”, raccoglie appieno tutti gli elementi stilistici del duo portando a compimento un immagine in cui vediamo due animali nascondersi sottoterra, il titolo e la trama visiva rendono perfettamente il significato dell’opera.
Dopo il salto una ricchissima galleria che ripercorre passo per passo tutto lo sviluppo di questo nuovo lavoro, il consiglio è quello di darci un occhiata per cogliere tutto lo stile del duo, scrollate giù, se volete approfondire qui invece il video recap ma restate sintonizzati per nuovi e succosi aggiornamenti sul loro lavoro.

Thanks to The Artist for The Pics