fbpx
GORGO

Il murale di Hitnes ad Angers per Echappées d’Art 2018

Hitnes ha dipinto un nuovo murale ad Angers in Francia come parte dei lavori per la terza edizione del progetto Echappées d’Art.
Organizzato dal comune di Angers e curato quest’anno da Eric Surmont di Winterlong Galerie e Le 4ème Mur Festival, il festival in questa edizione ha visto al lavoro oltre al grande artista romano, Tellas e Daniel Muñoz SAN, il terzetto fa seguito agli interventi realizzati lo scorso anno da Okuda e Vhils.

Per questa sua ultima pittura Hitnes si è ispirato ed ha reinterpretato “La Tapisserie de l’Apocalypse”, lo splendido arazzo realizzato nel 13^ secolo e conservato all’interno del Castello di Angers.
Realizzato tra il 1373 e il 1377 dall’arazziere Robert Poisson con i disegni del pittore Jean de Bruges per il Duca Luigi D’Angiò, l’opera è un ciclo di arazzi composto da 7 pezzi (a noi ne sono giunti unicamente sei) per un totale di 140 metri e 90 scene diverse.
Ispirata dall’apocalisse di San Giovanni, l’opera è il più antico arazzo francese, uno dei capolavori del patrimonio artistico francese e una delle più importanti raffigurazioni dell’Apocalisse.

Il murale di Hitnes ad Angers per Echappées d’Art 2018

Hitnes ha dipinto un nuovo murale ad Angers in Francia come parte dei lavori per la terza edizione del progetto Echappées d’Art.
Organizzato dal comune di Angers e curato quest’anno da Eric Surmont di Winterlong Galerie e Le 4ème Mur Festival, il festival in questa edizione ha visto al lavoro oltre al grande artista romano, Tellas e Daniel Muñoz SAN, il terzetto fa seguito agli interventi realizzati lo scorso anno da Okuda e Vhils.

Per questa sua ultima pittura Hitnes si è ispirato ed ha reinterpretato “La Tapisserie de l’Apocalypse”, lo splendido arazzo realizzato nel 13^ secolo e conservato all’interno del Castello di Angers.
Realizzato tra il 1373 e il 1377 dall’arazziere Robert Poisson con i disegni del pittore Jean de Bruges per il Duca Luigi D’Angiò, l’opera è un ciclo di arazzi composto da 7 pezzi (a noi ne sono giunti unicamente sei) per un totale di 140 metri e 90 scene diverse.
Ispirata dall’apocalisse di San Giovanni, l’opera è il più antico arazzo francese, uno dei capolavori del patrimonio artistico francese e una delle più importanti raffigurazioni dell’Apocalisse.