fbpx
GORGO

GoddoG – New Mural in Quinta do Mocho, Loures

Ci spostiamo a Loures nei pressi di Lisbona per dare uno sguardo all’ultima pittura realizzata da GoddoG per il Festival Arte Publica.
Come visto già diverse volte, l’immaginario di GoddoG è caratterizzato da una particolare miscela di forme, elementi e figure differenti. L’autore porta avanti una ricerca astratta all’interno della quale vediamo emergere volti, oggetti e voluimi irregolari, con lo spettatore stimolato a ricercare una personale chiave di lettura.
Quest’ultima pittura dell’artista prende vita nel quartiere “Quinta do Mocho”, zona caratterizzata da differenti problemi di natura sociale, da una pressante presenza delle forze dell’ordine. Partendo da questi spunti l’interprete sceglie anzitutto di caratterizzare l’opera attraverso tinte e tonalità particolarmente accese. Al confronto con questa grande parete GoddoG sviluppa un grande totem caratterizzato da tre differenti volti, due dei quali rivolti verso destra ed uno a sinistra. La scelta non è affatto casuale ma rivendica la volontà dell’artista di ispirarsi al contesto, in particolare ai giovani, ovvero coloro che rimangono sempre all’interno del proprio quartiere.
Scrollate giù, dopo il salto ad accompagnare il nostro testo una ricca serie di scatti con tutti i dettagli di quest’ultima pittura, dateci un occhiata e restate sintonizzati qui sul Gorgo per nuovi e succosi aggiornamenti sul lavoro dell’artista.

Thanks to The Artist for The Pics

GoddoG – New Mural in Quinta do Mocho, Loures

Ci spostiamo a Loures nei pressi di Lisbona per dare uno sguardo all’ultima pittura realizzata da GoddoG per il Festival Arte Publica.
Come visto già diverse volte, l’immaginario di GoddoG è caratterizzato da una particolare miscela di forme, elementi e figure differenti. L’autore porta avanti una ricerca astratta all’interno della quale vediamo emergere volti, oggetti e voluimi irregolari, con lo spettatore stimolato a ricercare una personale chiave di lettura.
Quest’ultima pittura dell’artista prende vita nel quartiere “Quinta do Mocho”, zona caratterizzata da differenti problemi di natura sociale, da una pressante presenza delle forze dell’ordine. Partendo da questi spunti l’interprete sceglie anzitutto di caratterizzare l’opera attraverso tinte e tonalità particolarmente accese. Al confronto con questa grande parete GoddoG sviluppa un grande totem caratterizzato da tre differenti volti, due dei quali rivolti verso destra ed uno a sinistra. La scelta non è affatto casuale ma rivendica la volontà dell’artista di ispirarsi al contesto, in particolare ai giovani, ovvero coloro che rimangono sempre all’interno del proprio quartiere.
Scrollate giù, dopo il salto ad accompagnare il nostro testo una ricca serie di scatti con tutti i dettagli di quest’ultima pittura, dateci un occhiata e restate sintonizzati qui sul Gorgo per nuovi e succosi aggiornamenti sul lavoro dell’artista.

Thanks to The Artist for The Pics