fbpx
GORGO

Gaucholadri – “Tremendo” A New Mural in Mendoza, Argentina

Dopo parecchie settimane di silenzio con questo nuovo pezzo torniamo ad approfondire il lavoro dei Gaucholadri, il duo ha infatti da poco terminato un nuovo intervento proseguendo sul personale percorso visivo.
Come abbiamo avuto spesso modo di vedere il lavoro dei Gaucholadri affonda le sue radici su una ricerca visiva sulle ombre, in particolare gli artisti attraverso una riproduzione cosciente di oggetti, cose, animali o persone, tutti rigorosamente dipinti in nero, portano avanti un preciso intento riflessivo che accompagnato da una frase o da un parola offre una chiave di lettura ben precisa ed articolata. Il rapporto tra le parole e le immagine è atto quindi a fornire a chi osserva una precisa chiave di lettura, attraverso questa duplice lettura gli artisti portano a compimento una critica sottile e affilate, le immagini supportate dal testo rappresentano il filtro visivo con il quale poter parlare di temi ed argomenti differenti che spesso sfociano in una critica sociale, economica e talvolta politica. Il fattore immersivo delle produzioni dei Gaucholadri, con chi osserva spinto a capire cosa si nasconde nella silouetthe della figura rappresentata, è di fatto l’arma in più di una produzione divertente ma al contempo profonda per i temi che sceglie di tracciare, ironici e taglienti gli Argentini ci offrono così un nuovo e particolare stimolo.
Con “Tremendo”, questo il titolo dell’ultimo intervento del duo, gli artisti scelgono di andare a pescare direttamente da una delle icone più famose degli anni ’80 e ’90, He-man torna così a vivere in una riproposizione in bianco e nero che ci ha lasciato assolutamente divertiti. Aldilà del sorriso, non può non emergere l’intelligenza del duo di sfruttare proprio l’icona del guerriero invincibile per affrontare ancora una volta un tema decisamente più impegnato. L’idea del guerriero che lotta, del non arrendersi va così a contrapporsi con le difficoltà dei temi moderni che più che mai hanno bisogno di un simbolo di speranza ed in cui identificarsi.
Un lavoro che coglie quindi tutte le caratteristiche degli interpreti, sia nel tratto che nello stile vero e proprio e che non potevamo che apprezzare, in attesa di scoprire nuovi sviluppi con altri interventi vi lasciamo ad alcune immagini con gli scatti del making of e del risultato finale, ma restate sintonizzati qui sul Gorgo, il nuovo anno dei Gaucholadri è appena iniziato.

Thanks to The Artists for The Pics

Gaucholadri – “Tremendo” A New Mural in Mendoza, Argentina

Dopo parecchie settimane di silenzio con questo nuovo pezzo torniamo ad approfondire il lavoro dei Gaucholadri, il duo ha infatti da poco terminato un nuovo intervento proseguendo sul personale percorso visivo.
Come abbiamo avuto spesso modo di vedere il lavoro dei Gaucholadri affonda le sue radici su una ricerca visiva sulle ombre, in particolare gli artisti attraverso una riproduzione cosciente di oggetti, cose, animali o persone, tutti rigorosamente dipinti in nero, portano avanti un preciso intento riflessivo che accompagnato da una frase o da un parola offre una chiave di lettura ben precisa ed articolata. Il rapporto tra le parole e le immagine è atto quindi a fornire a chi osserva una precisa chiave di lettura, attraverso questa duplice lettura gli artisti portano a compimento una critica sottile e affilate, le immagini supportate dal testo rappresentano il filtro visivo con il quale poter parlare di temi ed argomenti differenti che spesso sfociano in una critica sociale, economica e talvolta politica. Il fattore immersivo delle produzioni dei Gaucholadri, con chi osserva spinto a capire cosa si nasconde nella silouetthe della figura rappresentata, è di fatto l’arma in più di una produzione divertente ma al contempo profonda per i temi che sceglie di tracciare, ironici e taglienti gli Argentini ci offrono così un nuovo e particolare stimolo.
Con “Tremendo”, questo il titolo dell’ultimo intervento del duo, gli artisti scelgono di andare a pescare direttamente da una delle icone più famose degli anni ’80 e ’90, He-man torna così a vivere in una riproposizione in bianco e nero che ci ha lasciato assolutamente divertiti. Aldilà del sorriso, non può non emergere l’intelligenza del duo di sfruttare proprio l’icona del guerriero invincibile per affrontare ancora una volta un tema decisamente più impegnato. L’idea del guerriero che lotta, del non arrendersi va così a contrapporsi con le difficoltà dei temi moderni che più che mai hanno bisogno di un simbolo di speranza ed in cui identificarsi.
Un lavoro che coglie quindi tutte le caratteristiche degli interpreti, sia nel tratto che nello stile vero e proprio e che non potevamo che apprezzare, in attesa di scoprire nuovi sviluppi con altri interventi vi lasciamo ad alcune immagini con gli scatti del making of e del risultato finale, ma restate sintonizzati qui sul Gorgo, il nuovo anno dei Gaucholadri è appena iniziato.

Thanks to The Artists for The Pics