GORGO

Francesco Barbieri “Terra di Nessuno” at Square23 Gallery (Preview)

Con il vernissage fissato per il prossimo 26 di Marzo andiamo a dare una sbriciata a “Terra di Nessuno” ultimo progetto espositivo firmato da Francesco Barbieri all’interno degli spazi della Square23 Gallery di Torino.

E’ l’opportunità per tornare ad immergerci all’interno del particolare universo visivo dell’interprete Italiano, attraverso un nuova esibizione, capace di farsi carico dei particolari spunti visivi che contraddistinguono la pittura dello stesso. Con un personale e radicato background nel mondo dei graffiti, Francesco Barbieri ha successivamente spostato la propria attrazione e ricerca visiva, verso una rievocazione dello spazio urbano. A differenza di molti, che utilizzano e vedono l’ambiente cittadino come ‘palcoscenico’,’contenitore’ nonché ideale propellente per i propri interventi, l’autore rivolge il proprio lavoro ad una personale rielaborazione di tutti quegli scorci cittadini che involontariamente la nostra mente sceglie di escludere.

Il rapporto tra uomo e spazio urbano diviene ideale catarsi per un nuovo e cosciente viaggio percettivo in grado di sensibilizzare chi osserva. Lo spettatore di fronte alle opere od agli interventi dell’artista, viene colto da una rappresentazione scandita da ombre nere, che miscelandosi, vanno a comporre la silhouette, di palazzi, gru, cunicoli, ferrovie ed edifici, restituendoci scorci industriali catalizzati da cieli acidi e sensibili. Queste immagini, che costantemente siamo abituati ad osservare e che involontariamente abbiamo scelto di cancellare dal nostro sguardo, divengono ideale volano emotivo per una nuova riflessione sull’ambiente in cui viviamo quotidianamente. La città esplode in tutta la sua malinconica bellezza, le architetture rapidamente accennate, i cavi elettrici che si intrecciano e si confondono all’orizzonte, i palazzi che accarezzano il cielo, ci vengono proposte attraverso un nuovo e sensibile scenario. Veniamo calati all’interno del filtro dell’autore, accompagnati in un nuovo viaggio personale in grado di sottolineare la bellezza delle periferie, dei palazzoni, dei binari che attraversano e tagliano le interiore di un universo freddo e silenzioso. Torniamo a contatto con un habitat dai noi stesso costruito, in cui ogni giorno viviamo la nostra esistenza, dimenticandoci di esso. Francesco Barbiere nel coglie l’essenza, realizzare un poetica visiva altamente sensibili ed attraverso il proprio filtro, ci fa piombare in un nuovo stato percettivo.

Dal titolo Terra di nessuno, questa nuova mostra rappresenta una riflessione sul modo in cui siamo soliti vivere lo spazio urbano. Un approccio passivo, un transito silenzioso, a cui l’interprete mette un freno spingendo per una interazione nuova e più cosciente, la città non è mai stata così bella.

Nell’attesa che ci separa da un corposo recap, vi lasciamo al bel video di presentazione ed ad alcune immagini delle opere che comporranno l’allestimento, dateci un occhiata e restate sintonizzati qui sul Gorgo per nuovi aggiornamenti.

Square23 Gallery
Via San Massimo, 45
10123 Torino

Francesco Barbieri “Terra di Nessuno” at Square23 Gallery (Preview)

Con il vernissage fissato per il prossimo 26 di Marzo andiamo a dare una sbriciata a “Terra di Nessuno” ultimo progetto espositivo firmato da Francesco Barbieri all’interno degli spazi della Square23 Gallery di Torino.

E’ l’opportunità per tornare ad immergerci all’interno del particolare universo visivo dell’interprete Italiano, attraverso un nuova esibizione, capace di farsi carico dei particolari spunti visivi che contraddistinguono la pittura dello stesso. Con un personale e radicato background nel mondo dei graffiti, Francesco Barbieri ha successivamente spostato la propria attrazione e ricerca visiva, verso una rievocazione dello spazio urbano. A differenza di molti, che utilizzano e vedono l’ambiente cittadino come ‘palcoscenico’,’contenitore’ nonché ideale propellente per i propri interventi, l’autore rivolge il proprio lavoro ad una personale rielaborazione di tutti quegli scorci cittadini che involontariamente la nostra mente sceglie di escludere.

Il rapporto tra uomo e spazio urbano diviene ideale catarsi per un nuovo e cosciente viaggio percettivo in grado di sensibilizzare chi osserva. Lo spettatore di fronte alle opere od agli interventi dell’artista, viene colto da una rappresentazione scandita da ombre nere, che miscelandosi, vanno a comporre la silhouette, di palazzi, gru, cunicoli, ferrovie ed edifici, restituendoci scorci industriali catalizzati da cieli acidi e sensibili. Queste immagini, che costantemente siamo abituati ad osservare e che involontariamente abbiamo scelto di cancellare dal nostro sguardo, divengono ideale volano emotivo per una nuova riflessione sull’ambiente in cui viviamo quotidianamente. La città esplode in tutta la sua malinconica bellezza, le architetture rapidamente accennate, i cavi elettrici che si intrecciano e si confondono all’orizzonte, i palazzi che accarezzano il cielo, ci vengono proposte attraverso un nuovo e sensibile scenario. Veniamo calati all’interno del filtro dell’autore, accompagnati in un nuovo viaggio personale in grado di sottolineare la bellezza delle periferie, dei palazzoni, dei binari che attraversano e tagliano le interiore di un universo freddo e silenzioso. Torniamo a contatto con un habitat dai noi stesso costruito, in cui ogni giorno viviamo la nostra esistenza, dimenticandoci di esso. Francesco Barbiere nel coglie l’essenza, realizzare un poetica visiva altamente sensibili ed attraverso il proprio filtro, ci fa piombare in un nuovo stato percettivo.

Dal titolo Terra di nessuno, questa nuova mostra rappresenta una riflessione sul modo in cui siamo soliti vivere lo spazio urbano. Un approccio passivo, un transito silenzioso, a cui l’interprete mette un freno spingendo per una interazione nuova e più cosciente, la città non è mai stata così bella.

Nell’attesa che ci separa da un corposo recap, vi lasciamo al bel video di presentazione ed ad alcune immagini delle opere che comporranno l’allestimento, dateci un occhiata e restate sintonizzati qui sul Gorgo per nuovi aggiornamenti.

Square23 Gallery
Via San Massimo, 45
10123 Torino