Artist Featured: Felipe Pantone

artist-featured-felipe-pantone-01

Hi Felipe, Thanks for this interview, we are glad to have you here at Gorgo Magazine! Let’s start from the beginning, what’s your background, who’s Felipe Pantone?

– I started painting graffiti when I was 12 years old, and after many years I accidentally studied fine arts and I eventually became a visual artist.

You are still keeping alive your writer identity, right? How your graffiti style influenced your extant artwork?

– As every graffiti writer I was interested in exploring how to stand out in the street so I started to emphasize on the contrast pictorially ending each piece in black and white so they would really brighten up and make me out stand from my colleagues. I eventually realized that by painting so much black and white I was approaching nearly optical elements, so I ended up deciding to add on the full colour spectrum, which made my pieces more visible, with fluorescent colours. Joan Fontcuberta said there are more images generated than the number which we can consume, and I believe the artist has to out stand, and so as graffiti has so much to do with art, containing the effort of remaining visible and consumable over time.

Ciao Felipe, grazie per la disponibilità siamo molto contenti di averti qui nelle nostre pagine! direi di partire dal tuo background. Chi è Felipe Pantone?

– Ho iniziato con i graffiti quando avevo 12 anni, dopo molti anni ho ‘per sbaglio’ studiato arte ed alla fine sono diventato un artista visivo.

Continui a portare avanti la tua identità di writer giusto? che influenza hanno avuto i graffiti in ciò che proponi ora?

– Come ogni writer ero interessato ad esplorare come emergere in strada, così ho iniziato ad enfatizzare il contrasto pittorico chiudendo ogni pezzo con il bianco ed il nero. In questo modo i lavori sarebbero stati davvero potenti, facendomi spiccare dai miei colleghi.
Alla fine ho capito che dipingendo così tanto bianco e nero, mi stavo avvicinando agli elementi ottici, così ho deciso di aggiungere lo spettro completo dei colori, questo ha reso i miei pezzi più visibili, con colori fluorescenti. Joan Fontcuberta ha detto che ci sono più immagini generate rispetto a quelle che in realtà possiamo fruire, io credo che l’artista debba elevarsi, per questo i graffiti hanno così tanto a che fare con l’arte, contengono lo sforzo di rimanere visibili e fruibili nel tempo.

artist-featured-felipe-pantone-06

How would you describe your job?

– In don’t look at it as a job. I started painting graffiti as a game, and I’ve tried to stay playing, which I believe is the ultimate wish of the artist, unveiling mysteries while playing, and not growing older, which i basically think is what art proposes.

Have you been influenced by any artists in particular or are you still absorbing any influences from an artist or a movement?

– I have been really influenced by the Kinetic art of the 60’s, pretty much by all of them to some extent; artists like Julio Le Parc, Frank Stella, Vasarely, Tomasello, Cruz Díez, etc. And I have also been influenced by some more recent artists such as Jonathan Zawada, Rafaël Rozendaal, Ryoji Ikeda, Jason Revok, and a large etcetera.

Almost 3 years passed from “Ultradinàmica“, the art manifesto released with Demsky. What happened meanwhile? did something change and what this means to you?

– I wrote the Ultradinàmica manifesto and Demsky cosigned it. It was an exercise to place in order many of the ideas i had with no real intention, and keeping i mind i wouldn’t even follow my own rules, writing what i thought at that moment so i could be able to think out of that box. It has been useful to understand what was running through my mind at that time and i haven’t had any problem to disobey my own rules.

Come descriveresti il tuo lavoro?

– Non credo si tratti di un lavoro. Ho iniziato a fare graffiti per gioco, ho cercato di continuare a giocare cercando di non invecchiare, che credo sia il desiderio di ogni artista e che in fondo credo sia ciò che l’arte offre.

C’è qualche artista in particolare che ha influenzato il tuo lavoro?

– Sono stato molto influenzato dall’arte cinetica degli anni ’60, più o meno da tutti gli artisti in una certa misura; artisti come JJulio Le Parc, Frank Stella, Vasarely, Tomasello, Cruz Díez, etc. Sono stato influenzato anche da alcuni artisti più recenti come Jonathan Zawada, Rafaël Rozendaal, Ryoji Ikeda, Jason Revok, etc..

Sono trascorsi quasi 3 anni dalla presentazione di “Ultradinámica“, il personale manifesto artistico presentato con Demsky! cos’è cambiato nel frattempo? e cosa rappresenta ciò per te?

– Ho scritto il manifesto Ultradinàmica e Demsky l’ha co-firmato. E ‘stato un esercizio per mettere in ordine molte delle idee che avevo, senza alcuna reale intenzione, e tenendo presente che non le avrei nemmeno seguite. Scrivendo ciò che pensavo in quel momento, ho potuto di conseguenza ragionare al di fuori degli schemi. E’ stato quindi utile per capire cosa stava passando per la mia testa, e non ho avuto alcun problema a disobbedire alle mie stesse regole.

artist-featured-felipe-pantone-08

In your artwork the geometry influence is very strong, same for kinetic textures, abstract elements and that glitch effect that reminds the digital world. How did you developed this style and what sort of emotion would you like to spread through your work?

– I like to reflex on the current times we live in, the experience I have and my view about life within this times. I believe we live in on of the most interesting times in human history. There have been 3 big turning points throughout history; the beginning of lettering and writing, the invention of printing, which could allow us to reproduce writing and information, and now the internet, which allows us to reproduce the information an infinite amount of times, immediately and worldwide, which came to change everything. I lived the pre internet era, I used to have a walkman,and know I have a smartphone with immediate free universal knowledge in my pocket. Culture is evolving really fast, if I want to make a movie nowadays I don’t need the Paramount anymore neither the women who used to be involved (they edited films as they had better hands to do the job efficiently), I just need to buy a Mac and a camera and I can get everything done, which in my eyes means a democratization of culture. I take a great interest on dynamic compositions, I am an enthusiast of the concepts of speed, immediacy and modern aviation. I try to talk about these concepts using certain elements in my work, which is abstract, I don’t try to send a direct message, I rather try to address questions, so abstractions really fits my work, as it is undefined. On the contrary, figuration is more specific and concrete. I am interested in art which leaves unanswered questions and makes you participe, art that doesn’t indoctrinate.

Nelle tue opere c’è una forte presenza di geometrie, glitch, textures ed elementi astratti, tutti riconducibili al mondo digitale. Come hai sviluppato questo stile e cosa cerchi di trasmettere attraverso il tuo lavoro?

– Mi piace riflettere sul tempo in cui viviamo, sulle esperienze che ho avuto e sull’idea che ho della vita. Credo che viviamo in uno dei più interessanti periodi della storia dell’uomo.
Ci sono stati tre importanti punti di svolta durante la storia: la nascita della lettere e della scrittura, l’invenzione della stampa, che ci ha permesso di riprodurre ciò che scriviamo e le informazioni, ed ora internet. Quest’ultimo ci permette di riprodurre informazioni in un numero infinito di volte, immediatamente ed in tutto il mondo. Ha cambiato tutto.
Ho vissuto l’era prima di internet, utilizzavo il walkman ad esempio, ora ho uno smartphone con un immediato accesso alla conoscenza universale, tutto nella mia tasca. La cultura si sta evolvendo rapidamente, se voglio realizzare un film non ho bisogno della Paramount, ne tantomeno le donne che erano solite essere coinvolte (erano loro ad editare le pellicole avendo mani migliori per eseguire il lavoro efficientemente). Ho solo bisogno di acquistare un Mac e una macchina fotografica e posso fare tutto da solo, ciò ai miei occhi rappresenta una democratizzazione della cultura.
Ho un grande interesse nelle composizioni dinamiche, sono un appassionato di aviazione moderna e di concetti come velocità ed immediatezza. Cerco di trattare questi concetti utilizzando alcuni elementi nel mio lavoro, che è astratto, non inviando un messaggio diretto, piuttosto cercando di rispondere alle domande. Quindi l’astrattismo si adatta veramente al mio lavoro, visto il suo valore indefinito. Al contrario, la figurazione è più specifica e concreta.
Io sono interessato all’arte che lascia domande senza risposta e ti fa partecipe, l’arte che non indottrina.

artist-featured-felipe-pantone-07

What’s your relationship with technology and the digital world? What sort of effect do you think this had on the art world?

– Technology is really important, not only in art but in every discipline and order in life. In art, a pencil is a really good technological tool I like to use to draw. As within the Reinassance oil paint improved everything, whilst before we were at the middle age and some terrible paintings were done. Having such powerful computers nowadays can only be good for art and for every other subject.

The artwork you have done at the Palais de Tokyo is very impressive and one of our favourite, We would like to know a bit more about your experience here!

– Thank you! My experience there was super crazy because it was with short notice and therefore we had little time to organize it, and we also had little time to execute the piece. Finally, the team from Palais gave me so many facilities, I was able to bring 7 assistants with me, a full bunch of cranes were available for us and therefore we could manage to complete the full piece in 5 days. It was an awesome experience and I would like to thank Palais de Tokyo for their help to make it happen! (Covered)

Che relazione hai con la tecnologia e con il mondo digitale? che impatto pensi abbia avuto nel mondo dell’arte?

– La tecnologia è molto importante, non solo nell’arte, ma in ogni disciplina ed anzitutto nella vita. Nell’arte, una matita è un ottimo strumento tecnologico che mi piace usare per disegnare. Così come nel medioevo, dove alcuni dipinti erano davvero fatti in modo terribile, durante il Rinascimento la pittura ad olio ha migliorato tutto. Avere quindi dei computer così potenti al giorni d’oggi, non può che essere un bene per l’arte.

Uno dei lavori che ci ha maggiormente impressionato è quello presentato all’interno del Palais de Tokyo. Ti va di raccontarci qualcosa di più su questa esperienza?

– Grazie! La mia esperienza lì è stata super folle perchè c’è stato un breve preavviso e quindi abbiamo avuto poco tempo per organizzare. Di conseguenza abbiamo avuto poco tempo per realizzare il pezzo. Il team del Palais de Tokyo, mi ha dato tante attrezzature, ho avuto modo di portare 7 assistenti con me, con tante gru ha disposizione per noi e quindi siamo riusciti a completare il pezzo in 5 giorni. E ‘stata un’esperienza fantastica e vorrei ringraziare Palais de Tokyo per il loro aiuto e per averlo fatto accadere! (Leggi l’editoriale)

artist-featured-felipe-pantone-09

After your “creation” in Las vegas you started applying three-dimensional features and elements to your murals. Talk us about that, where this attitude comes from?

– I haven’t really “started” applying these features, for the moment this is my only one. I believe that someone who only sees the world as “paintable” will only have a sight of whatever is visible, and the world can we learnt from the visual, the tangible, the auditive, and any other sensorial way. I have, of course, a painting drive, and it’s a shell i try to escape, so i will intend to do art with every element i come across. I think i sometimes limit myself with the way the work, which is obviously my “comfort zone”, so i am slowly getting out of it.

Abbiamo visto come, nel lavoro realizzato a Las Vegas, hai iniziato ad introdurre elementi fisici e tridimensionali all’interno delle tue pitture in strada. Dicci qualcosa di più!

– Non ho davvero “iniziato” ad introdurre queste caratteristiche, per il momento, quello è l’unico. Credo che una qualcuno che vede unicamente il mondo come “pitturabile” avrà solo uno scorcio di ciò che è visibile, di ciò che può essere appreso dal visivo, dal tangibile, dall’uditivo e da qualsiasi altro impulso sensoriale. Seguo una guida, ed è un guscio dal quale sto cercando di scappare, ho intenzione di fare arte con ogni elemento in cui mi imbatto. Credo che a volte mi autolimito attraverso il modo in cui il lavoro, che è ovviamente la mia “zona di comfort”, così sto lentamente uscendo da essa.

artist-featured-felipe-pantone-13

How is your art research and what’s about that? Do you like to study or to dedicate yourself a bit of time for that?

– I am always researching, I am an avid and enthusiast consumer of all types of art, constantly researching. I try to visit as many museums as possible, i enjoy every type of arts.

Is there any new artists or that you recently noticed that worth a look?

– All of the artist i mentioned on the question above (Rafaël Rozendaal, Ryoji Ikeda, Jason Revok…) have really amazing and interesting proposals.

Where is your favourite art scene in the world and why? (USA, Europe, Oceania, East Europe, Asia..?)

– In Europe there is a disposition towards making slower digestion art, much less histrionic, while in USA everything is done with much more intensity, kind of ‘pedal to the metal’. There are loads of museums and galleries doing interesting things in Europe and in American. Here things are much louder and I find that very interesting.

Looks like you literally wanna break the balance of the physical space through your compositions. How do you relate with physical space? What you thing when you have this physical space to fill up? We imagine you in front of a wall and you go something like “You know what? F**k off Einstein, I’m gonna make my own rules!

– That would be more like a Fuck Off Newton thing (haha). I find that playing with perception es really cool, I have always felt an inclination towards it, it is an experience I live in my everyday life, with all the information and stimulation we are bombed with and reach us from every angle. I always think of it as a guy in the 50’s who watches TV for the first time.

Come è la tua ricerca artistica e di cosa tratta? Ti piace studiare o dedichi a te stesso un pò di tempo per questo?

– Sono un avido consumatore di tutti i tipi di arte e porto avanti la mia ricerca. Cerco di visitare il maggior numero di musei, mi piace ogni tipo di arte.

C’è qualche nuovo artista che hai recentemente notato o che vale la pena seguire?

– Tutti gli artisti che ho menzionato nella domanda di cui sopra: Rafaël Rozendaal, Ryoji Ikeda, Jason Revok…) hanno proposte davvero soprendenti ed interessanti.

Dove si trova la tua scena artistica preferita nel mondo? (USA, Europa, Oceania, Est Europa, Asia..?)

– In Europa la ‘digestione’ dell’arte è più lenta, molto meno istrionica, mentre negli USA tutto è fatto con molta più intensità, è come se il piede fosse sempre sull’acceleratore. Ci sono un sacco di musei e gallerie che fanno cose interessanti in Europa ed in America. Qui le cose sono più ‘alte’ e trovo questo molto interessante.

• Sembra che tu voglia letteralmente rompere l’equilibrio dello spazio fisico attraverso le tue composizioni. Come ti rapporti con questo? come ti relazioni con la superfice di lavoro? Ti immaginiamo di fronte ad un muro e dire qualcosa tipo “Fanculo Einstein”, sto per sconvolgere questo muro con le mie regole.

– Sarebbe più come “Fuck Off Newton” (haha). Trovo che giocare con la percezione è davvero divertente, ho sempre sentito una inclinazione verso questo, è un’esperienza che vivo nella mia vita di tutti i giorni, tutte le informazioni e gli stimoli con cui siamo bombardati, ci raggiungono in ogni angolo. Penso a questo come un ragazzo degli anni 50 che guarda la TV per la prima volta.

artist-featured-felipe-pantone-11

Tell us the name of an artist you would like to collaborate with and why.

– It would love to make a movie with Kraftwerk and Alexander Jodorowsky, both involved.

Tell us more about your recent collaboration with the streetwear label Wrung on a capsule collection.

– Mi friend Eric from Wrung in Hong Kong proposed this idea to me, which i loved since the start since he gave me full total creative control over the project. We were all really happy with the final results! It is such a pleasure to work with people you know and trust, with no limits. Really really good experience.

Un artista con cui vorresti collaborare? e perchè?

– Mi piacerebbe fare a film insieme ai Kraftwerk ed Alexander Jodorowsky.

Recentemente hai collaborato con Wrung per una capsule collection di abbigliamento, raccontaci qualcosa!

– Il mio amico Eric di Wrung, con base ad Hong Kong, mi ha proposto questa idea che ho amato fin dall’inizio, in quanto mi ha dato il pieno controllo creativo del progetto. Siamo rimasti tutti molto soddisfatti dei risultati finali! E ‘un piacere lavorare con persone che conosci e di fiducia, senza alcun limite. Davvero una bella esperienza.

artist-featured-felipe-pantone-12

2016 has been a big year for you, you also have a book now in your resume: “Race Flag” co-authored with friend and photographer Omar Quiñones. Would you be interested in making other books? Did this editorial experience got your creativity involved?

– Without a doubt, it got my creativity involved. Every time I talk about mixing disciplines I refer specifically to this type of project. This book is far away from being a catalogue type book, I look at it as a piece of art itself, and so we planned it to be.

Tell us more about “Scroll Panorama“, your show recent hosted at Celaya Brothers Gallery

– It is a residencial show. I was there for a full month, something I am far to being used to. I usually create and produce at my studio in Valencia, so this type of show has its own pros and cons. On one hand, I can’t even find the hammer when I need it but the on the other hand it’s incredible as I’ve had the full month to think about it and create it, in a secluded environment. It is actually the first time since I started painting that I have been a full month without painting in the street, just a few tags here and there. I was able to think, investigate new techniques and formats, and new ways to express myself.

What’s in store for the rest of this 2016?

– I’m in Miami right now while I answer this interview, we just finished painting the Miami Dolphins Studio in collaboration with GoldmanGlobalArts and currently painting at Wynwood. I’ll be heading to Taiwan to paint at Pow!Wow! and to paint some offices and then I’ll go to Valencia to watch my studio getting built (currently under construction!). I’d it has been a great and complete year!

Thank you so much for your time! Please, leave a message for Gorgo Magazine’s readers!

– Thank you!!! Keep on writing and reading Gorgo!

Il 2016 è stato un grande anno per te, hai anche un libro ora nel vostro curriculum: “Race Flag” di cui sei co-autore con l’amico e fotografo Omar Quiñones. Saresti interessato a fare altri libri? Questa esperienza editoriale ha coinvolto la tua creatività?

– Senza dubbio ha coinvolto la mia creatività. Ogni volta che parlo di mescolare discipline, faccio riferimento proprio a questo tipo di progetto. Questo libro è lontano dall’essere un libro catalogo, lo guardo come se si trattasse di un opera d’arte a sé, così l’abbiamo programmato e così è.

Dicci qualcosa di più su “Scroll Panorama“, il tuo recente show ospitato negli spazi della Celaya Brothers Gallery

– Si tratta di uno show in residenza. Sono stato lì per un mese intero, qualcosa di lontano dalle mie abitudini. Di solito creo e produco nel mio studio a Valencia, quindi questo tipo di mostra ha i suoi pro e contro. Da un lato, non riesco nemmeno a trovare il martello quando ne ho bisogno, ma d’altro canto è incredibile come abbia avuto l’intero mese per pensare e crearla, il tutto in un ambiente appartato.
In realtà è la prima volta, da quando ho iniziato a dipingere, che sono stato un mese intero, senza la pittura in strada, eccetto per qualche tag qui e là. Ho avuto modo pensare, studiare nuove tecniche e formati, e nuovi modi per esprimere me stesso.

Cosa dobbiamo aspettarci da te nei prossimi mesi?

– Ora, mentre rispondo alle domande, mi trovo a Miami. Abbiamo appena terminato di dipingere lo stadio dei Miami Dolphin in collaborazione con GoldmanGlobalArts, ora sto dipingendo a Wynwood. Sarò a Taiwan per dipingere al Pow Wow! ed alcuni uffici. Successivamente andrò a Valencia per assistere alla costruzione de mio studio. È stato un grande anno!

• Grazie per il tuo tempo ! Un messaggio per i lettori di Gorgo Magazine?

– Grazie a voi! Continuate a scrivere e leggere Gorgo!

artist-featured-felipe-pantone-14

Pics by Selina Miles and The Artist
Thanks to Celaya Brothers Gallery for make this happen
Thanks Judy for translation

3 Comments

  1. Pingback: Felipe Pantone - New Mural in Madrid — GORGO Magazine

  2. Pingback: Felipe Pantone - New Mural in Seoul, South Korea — GORGO Magazine

  3. Pingback: Felipe Pantone – New Mural in Lisboa — GORGO Magazine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *