GORGO

Ever – “Abstract Definition of Mexico” New Mural in Queretaro

ge-45546″ />

Con un nuovo aggiornamento della propria pagina scopriamo con piacere un nuovo lavoro del grande Ever, l’artista lo scorso anno si è impegnato nella realizzazione di questa bella parete all’interno del Board Dripper Mural Project di Queretaro in Messico.
Come abbiamo avuto modo di vedere il BoardDripper Festival ci ha offerto un interessante e variegato spaccato della scena Sudamericana con nomi e protagonisti diversi, tra questi scopriamo con piacere la partecipazione del talento Argentino che si è impegnato in un grande lavoro che raccoglie appieno tutti gli elementi che ne stanno distinguendo il lavoro in questi ultimi mesi.
Se abbiamo costantemente messo l’accento sul valore maggiormente viscerale ed emotivo delle ultime produzioni di Ever, con l’interessante binomio tra una pittura decisamente più espressiva e gli elementi più saturi e piatti dei suoi canonici fasci cromatici, in questo intervento veniamo accolti da una sperimentazione più rivolta verso un aspetto astratto che va ad intersecarsi alla perfezione con gli elementi tematici tipici della pittura dell’artista Argentino. In “Abstract Definition of Mexico”, questo il titolo dell’opera, l’interprete sceglie di affidarsi ad una cornice maggiormente astratta, veniamo accolti da due differenti texture, la prima che attraversa tutto lo spazio per orizzontale con una serie di linee bianche su fondo nero, la seconda invece fa da bilanciamento alle figure con un rosso porpora a contrasto anche qui con una serie di linee bianche. Nel dialogo si inserisce una grande volto di donna completamente avvolta da una fitta serie di elementi naturali, lo stesso viso così come le mani, viene dipinto con una forte indole emotiva con colori, effetti e una ricchezza di pennellate pazzesca. A colpire la nostra attenzione è senza dubbio la scelta di far partire il grande fascio di colore questa volta dalla bocca piuttosto che dagli occhi, da qui si sviluppa una sorta di urlo, forte e potente che parte da una scala cromatica di grigi fino ad arrivare la consueta ricchezza di tinte differenti, quasi a simularne la forza e che va a sviluppare la forma di un teschio.
Aldilà degli aspetti grafici emerge quindi la scelta di Ever di sviluppare un tema ben preciso, l’urlo forte e ridondante della donna parla chiaramente di morte, di sofferenza e di tutti quegli aspetti che come suggerisce il titolo vanno a comporre la difficile situazione messicana, un opera quindi che ancora una volta dimostra tutta la sensibilità dell’interprete, tutta la capacità di sviluppare trame ed aspetti visivi diversi in funzioni dei temi trattati.
Vi lasciamo ad una bella serie di immagini con tutti i dettagli di questo splendido intervento, dateci un occhiata per approfondire al meglio tutto l’operato del grande artista Argentino e per riuscire a coglierne tutti gli elementi visivi proposti, se volete approfondire le altre opere realizzate da Alexis Diaz, Sego, JADE, JAZ vi rimandiamo ai nostri precedenti post qui, dateci uno occhiata, siamo certi che non ne rimarrete affatto delusi.

Pics by Balneario

Ever – “Abstract Definition of Mexico” New Mural in Queretaro

ge-45546″ />

Con un nuovo aggiornamento della propria pagina scopriamo con piacere un nuovo lavoro del grande Ever, l’artista lo scorso anno si è impegnato nella realizzazione di questa bella parete all’interno del Board Dripper Mural Project di Queretaro in Messico.
Come abbiamo avuto modo di vedere il BoardDripper Festival ci ha offerto un interessante e variegato spaccato della scena Sudamericana con nomi e protagonisti diversi, tra questi scopriamo con piacere la partecipazione del talento Argentino che si è impegnato in un grande lavoro che raccoglie appieno tutti gli elementi che ne stanno distinguendo il lavoro in questi ultimi mesi.
Se abbiamo costantemente messo l’accento sul valore maggiormente viscerale ed emotivo delle ultime produzioni di Ever, con l’interessante binomio tra una pittura decisamente più espressiva e gli elementi più saturi e piatti dei suoi canonici fasci cromatici, in questo intervento veniamo accolti da una sperimentazione più rivolta verso un aspetto astratto che va ad intersecarsi alla perfezione con gli elementi tematici tipici della pittura dell’artista Argentino. In “Abstract Definition of Mexico”, questo il titolo dell’opera, l’interprete sceglie di affidarsi ad una cornice maggiormente astratta, veniamo accolti da due differenti texture, la prima che attraversa tutto lo spazio per orizzontale con una serie di linee bianche su fondo nero, la seconda invece fa da bilanciamento alle figure con un rosso porpora a contrasto anche qui con una serie di linee bianche. Nel dialogo si inserisce una grande volto di donna completamente avvolta da una fitta serie di elementi naturali, lo stesso viso così come le mani, viene dipinto con una forte indole emotiva con colori, effetti e una ricchezza di pennellate pazzesca. A colpire la nostra attenzione è senza dubbio la scelta di far partire il grande fascio di colore questa volta dalla bocca piuttosto che dagli occhi, da qui si sviluppa una sorta di urlo, forte e potente che parte da una scala cromatica di grigi fino ad arrivare la consueta ricchezza di tinte differenti, quasi a simularne la forza e che va a sviluppare la forma di un teschio.
Aldilà degli aspetti grafici emerge quindi la scelta di Ever di sviluppare un tema ben preciso, l’urlo forte e ridondante della donna parla chiaramente di morte, di sofferenza e di tutti quegli aspetti che come suggerisce il titolo vanno a comporre la difficile situazione messicana, un opera quindi che ancora una volta dimostra tutta la sensibilità dell’interprete, tutta la capacità di sviluppare trame ed aspetti visivi diversi in funzioni dei temi trattati.
Vi lasciamo ad una bella serie di immagini con tutti i dettagli di questo splendido intervento, dateci un occhiata per approfondire al meglio tutto l’operato del grande artista Argentino e per riuscire a coglierne tutti gli elementi visivi proposti, se volete approfondire le altre opere realizzate da Alexis Diaz, Sego, JADE, JAZ vi rimandiamo ai nostri precedenti post qui, dateci uno occhiata, siamo certi che non ne rimarrete affatto delusi.

Pics by Balneario