fbpx
GORGO

Il murale di Etnik a Trento per il progetto Finestre Urbane

Nelle scorse settimane Etnik ha realizzato un nuova pittura a Trento come parte dei lavori per il progetto Finestre Urbane.
Finestre Urbane è un progetto di arte pubblica curato da Luca Pichenstein che ha visto durante il mese di aprile Etnik, Mr Fijodor e Dado realizzare tre differenti interventi per le strade della cittadina.
L’artista prosegue nello sviluppo della sua personale ricerca con una nuova composizione caratterizzata da un intreccio di elementi naturali dai quale vediamo emergere alcune forme e volumi.
Le influenze dell’illustrazione e della scenotecnica hanno portato Etnik ha sganciarsi da uno studio puramente estetico delle lettere e ad abbracciare una riflessione sul concetto di città. Egli riflette sul legame tra uomo e spazio urbano e su come questo si sia sempre più isolato all’interno di cattedrali di cemento e mattoni da lui stesso costruite.
Per chi si trovasse in zona la pittura è visibile sul muro del cavalcavia di via Bassano (laterale tangenziale).

Il murale di Etnik a Trento per il progetto Finestre Urbane

Nelle scorse settimane Etnik ha realizzato un nuova pittura a Trento come parte dei lavori per il progetto Finestre Urbane.
Finestre Urbane è un progetto di arte pubblica curato da Luca Pichenstein che ha visto durante il mese di aprile Etnik, Mr Fijodor e Dado realizzare tre differenti interventi per le strade della cittadina.
L’artista prosegue nello sviluppo della sua personale ricerca con una nuova composizione caratterizzata da un intreccio di elementi naturali dai quale vediamo emergere alcune forme e volumi.
Le influenze dell’illustrazione e della scenotecnica hanno portato Etnik ha sganciarsi da uno studio puramente estetico delle lettere e ad abbracciare una riflessione sul concetto di città. Egli riflette sul legame tra uomo e spazio urbano e su come questo si sia sempre più isolato all’interno di cattedrali di cemento e mattoni da lui stesso costruite.
Per chi si trovasse in zona la pittura è visibile sul muro del cavalcavia di via Bassano (laterale tangenziale).