fbpx
GORGO

Escif – New Pieces in Horsens, Denmark

Continuiamo a mostrarvi i lavori all’interno del bel Festival Public Art in Horsens, la rassegna danese sta proponendo, attraverso un folto gruppo di star internazionali, uno degli eventi più riusciti sfoggiando molte opere concettuali accompagnate da eccellenti dipinti. L’ultimo big a fare il proprio ingresso è Escif che irrompe con forza alla kermesse divertendosi ad occupare tre distinte pareti attraverso il suo stile diverte ed ironico.
Escif lo sappiamo ama scuotere le menti, il grande artista spagnolo da anni mette l’accento sui problemi sociali di una società malata e contraddittoria, lo fà attraverso il proprio personale stile, pulito, tagliente ed ironico quanto basta per farci strappare si un sorriso ma anche sbattendoci in faccia la realtà dei fatti, lasciandoci divertiti ma con l’amaro in bocca.
Per il festival Escif fà sfoggio di tutto il suo campionario, sulla prima facciata dipinge una grande sequenza, non sarà paragonabile ad El Vandalismo Ilustrado ma il pezzo, dal titolo “How to survive Horsens” è una divertente sequenza di una rissa tra due uomini in giacca e cravatta, movimenti lenti e goffi si susseguono fino alla inevitabile resa di uno dei due, un cenno alla cattiva reputazione della città che sta lentamente migliorando, con la sua forte attenzione per l’arte e la cultura.
La seconda facciata è stata occupata con l’immagine di un ranger a cavallo, spuntano i guanti in plastica quelli che usa la mamma per pulire casa, il tutto accompagnato dalla laconica frase “What The Hell!”, infine l’ultima performance che vede Escif impegnato a riprodurre fedelmente un chiosco di pizza – si anche noi ci abbiamo messo un pò a capirlo – per la gioia del divertito proprietario.

Pics by Henrik Haven

Escif – New Pieces in Horsens, Denmark

Continuiamo a mostrarvi i lavori all’interno del bel Festival Public Art in Horsens, la rassegna danese sta proponendo, attraverso un folto gruppo di star internazionali, uno degli eventi più riusciti sfoggiando molte opere concettuali accompagnate da eccellenti dipinti. L’ultimo big a fare il proprio ingresso è Escif che irrompe con forza alla kermesse divertendosi ad occupare tre distinte pareti attraverso il suo stile diverte ed ironico.
Escif lo sappiamo ama scuotere le menti, il grande artista spagnolo da anni mette l’accento sui problemi sociali di una società malata e contraddittoria, lo fà attraverso il proprio personale stile, pulito, tagliente ed ironico quanto basta per farci strappare si un sorriso ma anche sbattendoci in faccia la realtà dei fatti, lasciandoci divertiti ma con l’amaro in bocca.
Per il festival Escif fà sfoggio di tutto il suo campionario, sulla prima facciata dipinge una grande sequenza, non sarà paragonabile ad El Vandalismo Ilustrado ma il pezzo, dal titolo “How to survive Horsens” è una divertente sequenza di una rissa tra due uomini in giacca e cravatta, movimenti lenti e goffi si susseguono fino alla inevitabile resa di uno dei due, un cenno alla cattiva reputazione della città che sta lentamente migliorando, con la sua forte attenzione per l’arte e la cultura.
La seconda facciata è stata occupata con l’immagine di un ranger a cavallo, spuntano i guanti in plastica quelli che usa la mamma per pulire casa, il tutto accompagnato dalla laconica frase “What The Hell!”, infine l’ultima performance che vede Escif impegnato a riprodurre fedelmente un chiosco di pizza – si anche noi ci abbiamo messo un pò a capirlo – per la gioia del divertito proprietario.

Pics by Henrik Haven