fbpx
GORGO

Escif – New Murals at ICONE5.9 Street Art Event

Anche Escif è tra gli artisti al lavoro per ICONE5.9, il grande artista spagnolo torna così in Italia portando con se tutto il suo indiscusso bagaglio di ironia tagliente e riflessione su i temi più delicati della società moderna.
Dotato di un fortissimo senso critico con il quale copre le sue pareti, lo spagnolo fa emergere situazioni in cui i suoi personaggi prendono una chiara posizione, spesso sono attacchi diretti alle controversie del potere, alla situazione economica internazionale oppure a fatti di cronaca ed attualità, il lavoro di Escif non ha limiti e barriere, come una lama fine ed affilata arriva dritto al punto del problema dipingendolo con ironia ed intelligenza, ed altre volte con un ermeticità che spinge l’osservatore ad una attenta analisi di quello che ha di fronte. Proprio quest’ultima sempre essere la soluzione utilizzata da Escif per il suo primo intervento, su una lunga parete il valenciano dipinge un irriverente cartello di senso unico, proprio uno di quelli che vediamo nelle nostre strade, il dipinto si apre a diversi spunti di riflessione, potrebbe trattarsi di un parallelo sull’unica direzione e scelta ed intraprese, e costretta, dalla nostra politica nazionale, ma qui vogliamo lasciarvi il massimo d’interpretazione.
Sulla seconda facciata pochi dubbi, oltre a divertirsi ad interagire con il muro stesso creando un bel effetto tridimensionale, Escif muove un braccio che porta in mano una bottiglietta che recita “Sulp Hate of Happiness” che può essere tradotta con un poltiglia di odio della felicità, tutto chiaro insomma no?

Pics by Daniele Casciari

Escif – New Murals at ICONE5.9 Street Art Event

Anche Escif è tra gli artisti al lavoro per ICONE5.9, il grande artista spagnolo torna così in Italia portando con se tutto il suo indiscusso bagaglio di ironia tagliente e riflessione su i temi più delicati della società moderna.
Dotato di un fortissimo senso critico con il quale copre le sue pareti, lo spagnolo fa emergere situazioni in cui i suoi personaggi prendono una chiara posizione, spesso sono attacchi diretti alle controversie del potere, alla situazione economica internazionale oppure a fatti di cronaca ed attualità, il lavoro di Escif non ha limiti e barriere, come una lama fine ed affilata arriva dritto al punto del problema dipingendolo con ironia ed intelligenza, ed altre volte con un ermeticità che spinge l’osservatore ad una attenta analisi di quello che ha di fronte. Proprio quest’ultima sempre essere la soluzione utilizzata da Escif per il suo primo intervento, su una lunga parete il valenciano dipinge un irriverente cartello di senso unico, proprio uno di quelli che vediamo nelle nostre strade, il dipinto si apre a diversi spunti di riflessione, potrebbe trattarsi di un parallelo sull’unica direzione e scelta ed intraprese, e costretta, dalla nostra politica nazionale, ma qui vogliamo lasciarvi il massimo d’interpretazione.
Sulla seconda facciata pochi dubbi, oltre a divertirsi ad interagire con il muro stesso creando un bel effetto tridimensionale, Escif muove un braccio che porta in mano una bottiglietta che recita “Sulp Hate of Happiness” che può essere tradotta con un poltiglia di odio della felicità, tutto chiaro insomma no?

Pics by Daniele Casciari