GORGO

Escif – “Heil!” New Mural in Moscow

Il silenzio prolungato di uno degli artisti dal quale siamo maggiormente ispirati ci ha lasciato a bocca asciutta per diverse settimane, Escif fa il suo ritorno e lo fa in grandissimo stile dimostrando ancora una volta tutta l’agilità di dialogo ed al contempo tutta la forza intrinseca dell’arte urbana, colpendo duro, sganciando una delle sue classiche pareti e lasciandoci definitivamente a bocca aperta.
L’intervento riveste un importanza storica oseremmo dire, in un contesto in cui la Russia attraverso la stretta del proprio governo sta lentamente perdendo tutte gli anni di sviluppo sociale che hanno caratterizzato il 20esimo secoli, sono anni questi in cui l’uguaglianza è di nuovo messa in discussione attraverso la visione ottusa e dispotica dei pochi. In questo particolare attimo storico Escif cala la sua mannaia mostrandoci l’intelligenza di un’artista che non si ricicla mai, che non perde l’occasione di dire la propria attraverso un tratto pulito ed assolutamente coinvolgente, dai lavori più piccoli a quelli più grandi, il grande artista Valenciano proseguo il suo dialogare con la gente, mostrare loro le complessità e le differenti sfaccettature dell’uomo e soprattutto della politica, del sociale ed in generale della società moderna scagliandosi contro di esse, contro le sue menzogne, contro i potenti, dimostrando tutto il carattere popolare e sociale dei suoi interventi.
Per questo dipinto Escif affronta di petto le controverse scelte politiche russe, gli aspetti singolarmente di destra estrema per uno stato che ha fatto del comunismo uno dei suoi emblemi storici, l’interprete lo fa attraverso la sua semplicità e nascondendo con il consueto velo ironico il vero significato dell’opera. La grande mano che si erge su questa immensa parete per chi ha sovvenzionato, approvato e sostenuto il lavoro è un saluto, nella loro miopia non ne colgono l’irriverenza ed il veleno, per il popolo che legge tra le righe, per chi capisce le intenzioni del valenciano e per chi ne vuole vedere, quella mano rappresenta un attimo funesto, una mano di morte ed oppressione, una mano nera in netta contrapposizione con quelle rosse dei tempi trascorsi, in fondo il lavoro s’intitola “Heil!”, cosa vi aspettavate?

I was invited to paint a façade in Moscow for an event called “the best city on the Earth”…. Ups!! Sounds like Moscow government need to do some positive propaganda to recover certain credibility and Street Art is always a good choice. I´m totally agree!

After one denied sketch that “aparently” occupied bigger space than available at the wall, I tryed with a friendlier idea: a big hand making a big salute.

The idea was approved in three diferent levels (Curators, Culture Departement and Government), so I was so happy that so many people liked the drawing.

The façade was located in a privileged site ( Звонарский переулок, Moscow, Rusia), in the main centre of Moscow. Just in front of Sanduny Banya, the most famous bathhouse in the city, where rich people go to relax, naked and in good company, share some vodka and caviar with friends. That´s a perfect location to draw this big hand and say Hello!

Escif – “Heil!” New Mural in Moscow

Il silenzio prolungato di uno degli artisti dal quale siamo maggiormente ispirati ci ha lasciato a bocca asciutta per diverse settimane, Escif fa il suo ritorno e lo fa in grandissimo stile dimostrando ancora una volta tutta l’agilità di dialogo ed al contempo tutta la forza intrinseca dell’arte urbana, colpendo duro, sganciando una delle sue classiche pareti e lasciandoci definitivamente a bocca aperta.
L’intervento riveste un importanza storica oseremmo dire, in un contesto in cui la Russia attraverso la stretta del proprio governo sta lentamente perdendo tutte gli anni di sviluppo sociale che hanno caratterizzato il 20esimo secoli, sono anni questi in cui l’uguaglianza è di nuovo messa in discussione attraverso la visione ottusa e dispotica dei pochi. In questo particolare attimo storico Escif cala la sua mannaia mostrandoci l’intelligenza di un’artista che non si ricicla mai, che non perde l’occasione di dire la propria attraverso un tratto pulito ed assolutamente coinvolgente, dai lavori più piccoli a quelli più grandi, il grande artista Valenciano proseguo il suo dialogare con la gente, mostrare loro le complessità e le differenti sfaccettature dell’uomo e soprattutto della politica, del sociale ed in generale della società moderna scagliandosi contro di esse, contro le sue menzogne, contro i potenti, dimostrando tutto il carattere popolare e sociale dei suoi interventi.
Per questo dipinto Escif affronta di petto le controverse scelte politiche russe, gli aspetti singolarmente di destra estrema per uno stato che ha fatto del comunismo uno dei suoi emblemi storici, l’interprete lo fa attraverso la sua semplicità e nascondendo con il consueto velo ironico il vero significato dell’opera. La grande mano che si erge su questa immensa parete per chi ha sovvenzionato, approvato e sostenuto il lavoro è un saluto, nella loro miopia non ne colgono l’irriverenza ed il veleno, per il popolo che legge tra le righe, per chi capisce le intenzioni del valenciano e per chi ne vuole vedere, quella mano rappresenta un attimo funesto, una mano di morte ed oppressione, una mano nera in netta contrapposizione con quelle rosse dei tempi trascorsi, in fondo il lavoro s’intitola “Heil!”, cosa vi aspettavate?

I was invited to paint a façade in Moscow for an event called “the best city on the Earth”…. Ups!! Sounds like Moscow government need to do some positive propaganda to recover certain credibility and Street Art is always a good choice. I´m totally agree!

After one denied sketch that “aparently” occupied bigger space than available at the wall, I tryed with a friendlier idea: a big hand making a big salute.

The idea was approved in three diferent levels (Curators, Culture Departement and Government), so I was so happy that so many people liked the drawing.

The façade was located in a privileged site ( Звонарский переулок, Moscow, Rusia), in the main centre of Moscow. Just in front of Sanduny Banya, the most famous bathhouse in the city, where rich people go to relax, naked and in good company, share some vodka and caviar with friends. That´s a perfect location to draw this big hand and say Hello!