fbpx
GORGO

Erosie x Ekta – New Piece in Gothenburg

In occasione del The Jaunt Project il grande Jeroen Erosie è di tappa a Göteborg dove ha da poco terminato questo splendido lavoro in compagnia di un altro big come Ekta, i due, per la prima volta al lavoro insieme, hanno unito alla perfezione le loro differenti dialettiche stilistiche partorendo un lavoro eccezionale.
Passo indietro, è Erosie infatti l’ultimo artisti coinvolto nell’interessante The Jaunt Project, l’idea alla base del progetto è quella di stimolare la creatività degli artisti offrendo loro l’opportunità di vedere e visitare nuovi luoghi, un viaggio quindi verso una specifica destinazione dal quale, una volta arrivati alla meta finale, prenderà vita una serigrafia in edizione limitata ispirata proprio al percorso, agli stimoli ed alle sensazioni vissute durante l’esperienza per una sorta di documento di viaggio unico. Interessante notare che le stampe vengano offerte a scatola chiusa e possono essere acquistate unicamente prima della partenza e di come gli stessi interpreti infine, durante i giorni di viaggio, si dilettino nella scrittura di una sorta di diario/blog con le impressioni e le sensazioni day by day.
Per il progetto Erosie è quindi partito alla volta di Stoccolma dove ha avuto modo di fare una piccola deviazione per andare finalmente a lavorare insieme ad Ekta. Lo spot è un vecchio cartellone pubblicitario più volte utilizzato dallo stesso Ekta, prima in compagnia di Ollio ed in seguito in solitaria, per le sue sperimentazioni visive. L’incontro sancisce l’unione di due stile molto personali all’interno di un’unica cornice, i due artisti danno vita ad un intervento che racchiude in se le impronte e le personali ricerche stilistiche di ognuno dei due partecipanti per un risultato finale che ci ha senza dubbio colpito e coinvolto. Da una parte Ekta che continua a portare avanti una tematica legata al movimento, le prospettive e soprattutto l’equilibrio che rappresenta di fatto il fulcro tematico delle sue produzioni, sono opere fortemente incentrate sulla fragilità alimentata da costruzioni di forme e configurazioni sospese tra elementi organici, astratti ed infine figurativi, raccogliendo quindi tutto il background ed i differenti percorsi sviluppati nel corso del tempo dallo stesso interprete. Queste peculiari figure celano nella loro silhouette spunti sulla natura, oggetti di vario tipo passando per gli inconfondibili volti e sfociando in oggetti ed elementi maggiormente astratti tutti rigorosamente investiti da una sensazione di precarietà visiva. Dal canto suo Erosie invece porta in dote tutto il suo peculiare studio delle forme, l’operato dell’artista viene investito dalle differenti discipline, dai graffiti, all’illustrazione passando per gli studi di tipografia ed una forte inflessione concettuale. Quello che però maggiormente caratterizza il lavoro dell’interprete è la personale inflessione emotiva, gli interventi risultano infatti fortemente influenzati dagli stati d’animo, dall’emozioni e dalle sensazioni del momento che vengono raccolte ed incanalate in una trama visiva che partorisce forme e figure dalla forte cripticità. Nell’idea dell’artista c’è la sensibilità di un dialogo personale, difficile da leggere, celato e profondamente legato agli aspetti personali iniettati al suo interno.
Il risultato finale è una struttura precaria, con un equilibrio scaturito da una danza di forme e figure differenti che pagano le diverse influenze stilistiche dei due artisti, per darvi modo di cogliere al meglio tutta la magia di quest’ultima produzione firmata dai due grandi interpreti, vi abbiamo preparato una bella serie di scatti con i dettagli dell’intervento ed alcune immagini durante le fasi del making of, scrollate giù, è tutto dopo il salto ad attendervi.

Thanks to The Artists for The Pics

Erosie x Ekta – New Piece in Gothenburg

In occasione del The Jaunt Project il grande Jeroen Erosie è di tappa a Göteborg dove ha da poco terminato questo splendido lavoro in compagnia di un altro big come Ekta, i due, per la prima volta al lavoro insieme, hanno unito alla perfezione le loro differenti dialettiche stilistiche partorendo un lavoro eccezionale.
Passo indietro, è Erosie infatti l’ultimo artisti coinvolto nell’interessante The Jaunt Project, l’idea alla base del progetto è quella di stimolare la creatività degli artisti offrendo loro l’opportunità di vedere e visitare nuovi luoghi, un viaggio quindi verso una specifica destinazione dal quale, una volta arrivati alla meta finale, prenderà vita una serigrafia in edizione limitata ispirata proprio al percorso, agli stimoli ed alle sensazioni vissute durante l’esperienza per una sorta di documento di viaggio unico. Interessante notare che le stampe vengano offerte a scatola chiusa e possono essere acquistate unicamente prima della partenza e di come gli stessi interpreti infine, durante i giorni di viaggio, si dilettino nella scrittura di una sorta di diario/blog con le impressioni e le sensazioni day by day.
Per il progetto Erosie è quindi partito alla volta di Stoccolma dove ha avuto modo di fare una piccola deviazione per andare finalmente a lavorare insieme ad Ekta. Lo spot è un vecchio cartellone pubblicitario più volte utilizzato dallo stesso Ekta, prima in compagnia di Ollio ed in seguito in solitaria, per le sue sperimentazioni visive. L’incontro sancisce l’unione di due stile molto personali all’interno di un’unica cornice, i due artisti danno vita ad un intervento che racchiude in se le impronte e le personali ricerche stilistiche di ognuno dei due partecipanti per un risultato finale che ci ha senza dubbio colpito e coinvolto. Da una parte Ekta che continua a portare avanti una tematica legata al movimento, le prospettive e soprattutto l’equilibrio che rappresenta di fatto il fulcro tematico delle sue produzioni, sono opere fortemente incentrate sulla fragilità alimentata da costruzioni di forme e configurazioni sospese tra elementi organici, astratti ed infine figurativi, raccogliendo quindi tutto il background ed i differenti percorsi sviluppati nel corso del tempo dallo stesso interprete. Queste peculiari figure celano nella loro silhouette spunti sulla natura, oggetti di vario tipo passando per gli inconfondibili volti e sfociando in oggetti ed elementi maggiormente astratti tutti rigorosamente investiti da una sensazione di precarietà visiva. Dal canto suo Erosie invece porta in dote tutto il suo peculiare studio delle forme, l’operato dell’artista viene investito dalle differenti discipline, dai graffiti, all’illustrazione passando per gli studi di tipografia ed una forte inflessione concettuale. Quello che però maggiormente caratterizza il lavoro dell’interprete è la personale inflessione emotiva, gli interventi risultano infatti fortemente influenzati dagli stati d’animo, dall’emozioni e dalle sensazioni del momento che vengono raccolte ed incanalate in una trama visiva che partorisce forme e figure dalla forte cripticità. Nell’idea dell’artista c’è la sensibilità di un dialogo personale, difficile da leggere, celato e profondamente legato agli aspetti personali iniettati al suo interno.
Il risultato finale è una struttura precaria, con un equilibrio scaturito da una danza di forme e figure differenti che pagano le diverse influenze stilistiche dei due artisti, per darvi modo di cogliere al meglio tutta la magia di quest’ultima produzione firmata dai due grandi interpreti, vi abbiamo preparato una bella serie di scatti con i dettagli dell’intervento ed alcune immagini durante le fasi del making of, scrollate giù, è tutto dopo il salto ad attendervi.

Thanks to The Artists for The Pics