fbpx
GORGO

Eron – New Mural in Rome

Ci spostiamo nella capitale per dare un occhiata all’ultimo intervento realizzato da Eron, all’interno dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani.
L’opera è stata realizzata in occasione del convegno sui trent’anni di storia del graffiti writing e della street art, ed ha visto il grande autore Italiano, inserito come voce all’interno dell’enciclopedia, impegnato in una sessione live di pittura.
Organizzato all’interno dell’atrio dell’Istituto, l’intervento vede ancora una volta Eron interagire con la superficie di lavoro e soprattutto trattare temi ed argomenti di spessore attraverso la sua tipica sensibilità estetica. Al lavoro mediante la sua incredibile tecnica, Eron realizza un lavoro incentrato sull’emigrazione. L’autore rende infatti omaggio alle migliaia di profughi che rischiano la vita ogni giorni attraversando il Mediterraneo alla ricerca di una vita differente e migliore. In particolare l’artista sembra voler sottolineare tutti coloro che, nel tentativo di arrivare in Europa, hanno perso la loro vita.
L’opera, dal titolo “Soul of the Sea” prende vita su un relitto di una imbarcazione, e viene elaborata da Eron attraverso il consueto utilizzo di bombolette spray. Ancora una volta il risultato è assolutamente sorprendente, una sorta di raffigurazione onirica e spettrale in grado di pungolare le corde più sensibili di chi osserva.
Scrollate giù, ad attendervi alcuni scatti del making of e le immagini dell’eccellente risultato finale, dateci un occhiata.

Thanks to The Artist for The Pics

Eron – New Mural in Rome

Ci spostiamo nella capitale per dare un occhiata all’ultimo intervento realizzato da Eron, all’interno dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani.
L’opera è stata realizzata in occasione del convegno sui trent’anni di storia del graffiti writing e della street art, ed ha visto il grande autore Italiano, inserito come voce all’interno dell’enciclopedia, impegnato in una sessione live di pittura.
Organizzato all’interno dell’atrio dell’Istituto, l’intervento vede ancora una volta Eron interagire con la superficie di lavoro e soprattutto trattare temi ed argomenti di spessore attraverso la sua tipica sensibilità estetica. Al lavoro mediante la sua incredibile tecnica, Eron realizza un lavoro incentrato sull’emigrazione. L’autore rende infatti omaggio alle migliaia di profughi che rischiano la vita ogni giorni attraversando il Mediterraneo alla ricerca di una vita differente e migliore. In particolare l’artista sembra voler sottolineare tutti coloro che, nel tentativo di arrivare in Europa, hanno perso la loro vita.
L’opera, dal titolo “Soul of the Sea” prende vita su un relitto di una imbarcazione, e viene elaborata da Eron attraverso il consueto utilizzo di bombolette spray. Ancora una volta il risultato è assolutamente sorprendente, una sorta di raffigurazione onirica e spettrale in grado di pungolare le corde più sensibili di chi osserva.
Scrollate giù, ad attendervi alcuni scatti del making of e le immagini dell’eccellente risultato finale, dateci un occhiata.

Thanks to The Artist for The Pics