GORGO

Domenico Romeo for MISCITA at Farm Cultural Park

Ci spostiamo all’interno del Farm Cultural Park di Favara in Provincia di Agrigento, qui il nostro Domenico Romeo ha da poco terminato un nuovo intervento all’interno dell’interessante progetto MISCITA.

MISCITA è l’unione di differenti realtà sotto un unico progetto, ALTrove Street Art Festival, La Guarimba Film Festival e Coltivatori di Musica si uniscono all’interno del Farm Cultural Park di Favara, uno dei centri culturali più importanti al mondo. Quello che piace è sicuramente lo slancio positivo del progetto, non si tratta di un unione pragmatica e pensata a tavolino, piuttosto di un vero e proprio destarsi dal torpore, uno slancio pensato per mostrare una Calabria differente, che ricorda si le proprie radici ma che al contempo non vi rimane attaccata, un nuova non staticità segnata da giovani che credono nel proprio territorio ed investono le proprie risorse nell’arte e nella cultura. Ma è anche l’unione di due regioni troppo spesso bistrattate, Calabria e Sicilia diventano un simbolo per il Sud Italia che mai come quest’anno ha saputo proporre e portare avanti progetti di primissimo livello, fungere da vero e proprio propellente di idee mostrando un volto nuovo, piacevole e finalmente cosciente di tutto il proprio personale potenziale.

MISCITA è anche unione di più discipline artistiche con una mostra, un workshop, musica, conference, danza, cinema, cibo, ed appunto pittura ed arte urbana.

Vogliamo iniziare proprio con Domenico Romeo, un figlio del Sud, che all’interno dei sette cortili del FARM, in una delle terrazze, si è impegnato in un bel live painting dal quale andiamo a vedere l’ottimo risultato finale. Ancora una volta l’interprete poggia le basi del proprio lavoro sul personale alfabeto visivo, a differenza dei precedenti lavori qui l’opera si dimostra però maggiormente sinuosa e va ad abbracciare tutta la particolare architettura sulla quale prende vita.

Ci troviamo di fronte non ad una copertura massiccia della totalità delle pareti ma piuttosto ad un arricchimento che in totale simbiosi di mescola con il luogo e con le sue sensazioni. La scelta a nostro avviso non è affatto casuale, l’artista sviluppa una trama delicata, quasi melodica che investe come un vento nuovo e fresco tutta la superficie di lavoro, sembra quasi che l’autore voglia emulare la ventata di freschezza che l’evento porta con se, racchiudendo all’interno delle linee e dei criptici segni, quelle che sono le aspettative, i sogni ed i pensieri dei presenti. Si muove in questo senso un flusso nero a contrasto sul bianco, capace di cogliere le emozioni e gli stati d’animo di un luogo che sembra quasi sospeso dalla realtà, un lento adagio che si posa sull’abitazione e che incontrovertibilmente ne segna l’aspetto e di rimando impatta con l’emotività di chi lo osserva.

Null’altro da aggiungere, vi lasciamo piuttosto ad una bella serie di scatti con tutti i dettagli dell’intervento realizzato, dateci un occhiata e restate sintonizzati qui sul Gorgo nei prossimi giorni vi mostreremo il resto degli interventi realizzati.

Pics by Angelo Jaroszuk Bogasz

Domenico Romeo for MISCITA at Farm Cultural Park

Ci spostiamo all’interno del Farm Cultural Park di Favara in Provincia di Agrigento, qui il nostro Domenico Romeo ha da poco terminato un nuovo intervento all’interno dell’interessante progetto MISCITA.

MISCITA è l’unione di differenti realtà sotto un unico progetto, ALTrove Street Art Festival, La Guarimba Film Festival e Coltivatori di Musica si uniscono all’interno del Farm Cultural Park di Favara, uno dei centri culturali più importanti al mondo. Quello che piace è sicuramente lo slancio positivo del progetto, non si tratta di un unione pragmatica e pensata a tavolino, piuttosto di un vero e proprio destarsi dal torpore, uno slancio pensato per mostrare una Calabria differente, che ricorda si le proprie radici ma che al contempo non vi rimane attaccata, un nuova non staticità segnata da giovani che credono nel proprio territorio ed investono le proprie risorse nell’arte e nella cultura. Ma è anche l’unione di due regioni troppo spesso bistrattate, Calabria e Sicilia diventano un simbolo per il Sud Italia che mai come quest’anno ha saputo proporre e portare avanti progetti di primissimo livello, fungere da vero e proprio propellente di idee mostrando un volto nuovo, piacevole e finalmente cosciente di tutto il proprio personale potenziale.

MISCITA è anche unione di più discipline artistiche con una mostra, un workshop, musica, conference, danza, cinema, cibo, ed appunto pittura ed arte urbana.

Vogliamo iniziare proprio con Domenico Romeo, un figlio del Sud, che all’interno dei sette cortili del FARM, in una delle terrazze, si è impegnato in un bel live painting dal quale andiamo a vedere l’ottimo risultato finale. Ancora una volta l’interprete poggia le basi del proprio lavoro sul personale alfabeto visivo, a differenza dei precedenti lavori qui l’opera si dimostra però maggiormente sinuosa e va ad abbracciare tutta la particolare architettura sulla quale prende vita.

Ci troviamo di fronte non ad una copertura massiccia della totalità delle pareti ma piuttosto ad un arricchimento che in totale simbiosi di mescola con il luogo e con le sue sensazioni. La scelta a nostro avviso non è affatto casuale, l’artista sviluppa una trama delicata, quasi melodica che investe come un vento nuovo e fresco tutta la superficie di lavoro, sembra quasi che l’autore voglia emulare la ventata di freschezza che l’evento porta con se, racchiudendo all’interno delle linee e dei criptici segni, quelle che sono le aspettative, i sogni ed i pensieri dei presenti. Si muove in questo senso un flusso nero a contrasto sul bianco, capace di cogliere le emozioni e gli stati d’animo di un luogo che sembra quasi sospeso dalla realtà, un lento adagio che si posa sull’abitazione e che incontrovertibilmente ne segna l’aspetto e di rimando impatta con l’emotività di chi lo osserva.

Null’altro da aggiungere, vi lasciamo piuttosto ad una bella serie di scatti con tutti i dettagli dell’intervento realizzato, dateci un occhiata e restate sintonizzati qui sul Gorgo nei prossimi giorni vi mostreremo il resto degli interventi realizzati.

Pics by Angelo Jaroszuk Bogasz