fbpx
GORGO

DissensoCognitivo – A New Series of Rusted Pieces

Con quest’ultima serie di interventi realizzati su alcuni pannelli pubblicitari, ritorniamo a confrontarci con l’oscura visione del DissensoCognitivo.
Specialmente per questa particolare serie di opere, l’aspetto pittorico ed i temi cardine della pittura del DissensoCognitivo, risultano profondamente connessi. La scelta di lavorare su questa particolari superfici arrugginite, ben si sposta con la peculiare narrativa visiva tipica dell’immaginario dell’autore Italiano.
Il senso di distruzione, di totale declino, di orrore e di sinistro, che emerge dalla visioni e dagli abomini futuristici dell’interprete, viene appunto incarnato da una analogia perfetta. Il declino dell’essere umano, il percorso di autodistruzione che proprio in questi anni pare aver intrapreso, è rappresentato dalla ruggine e dal metallo freddo di questi spazi.
Il DissensoCognitivo continua quindi ad aprire strappi e finestre temporali, mostrandoci ciò che potrebbe accadere, ponendoci di fronte alla natura più brutta, all’essenza più oscura e maledetta dell’uomo moderno. Lo fa attraverso visioni distorte, mash-up mostruosi che si impossessano degli spazi, mostrandoci carne flaccida mista metallo, corpi rugosi e sconfitti, volti sinistri e silenti, ponendoci di fronte a noi stessi, attraverso una divagazione immaginata, eppure così dannatamente possibile.
In attesa di scoprire i prossimi spostamenti dell’interprete, vi invitiamo a dare un occhiata alle immagini in calce al nostro testo. Restate sintonizzati qui sul Gorgo per nuovi e succosi aggiornamenti.

Pics by The Artist

DissensoCognitivo – A New Series of Rusted Pieces

Con quest’ultima serie di interventi realizzati su alcuni pannelli pubblicitari, ritorniamo a confrontarci con l’oscura visione del DissensoCognitivo.
Specialmente per questa particolare serie di opere, l’aspetto pittorico ed i temi cardine della pittura del DissensoCognitivo, risultano profondamente connessi. La scelta di lavorare su questa particolari superfici arrugginite, ben si sposta con la peculiare narrativa visiva tipica dell’immaginario dell’autore Italiano.
Il senso di distruzione, di totale declino, di orrore e di sinistro, che emerge dalla visioni e dagli abomini futuristici dell’interprete, viene appunto incarnato da una analogia perfetta. Il declino dell’essere umano, il percorso di autodistruzione che proprio in questi anni pare aver intrapreso, è rappresentato dalla ruggine e dal metallo freddo di questi spazi.
Il DissensoCognitivo continua quindi ad aprire strappi e finestre temporali, mostrandoci ciò che potrebbe accadere, ponendoci di fronte alla natura più brutta, all’essenza più oscura e maledetta dell’uomo moderno. Lo fa attraverso visioni distorte, mash-up mostruosi che si impossessano degli spazi, mostrandoci carne flaccida mista metallo, corpi rugosi e sconfitti, volti sinistri e silenti, ponendoci di fronte a noi stessi, attraverso una divagazione immaginata, eppure così dannatamente possibile.
In attesa di scoprire i prossimi spostamenti dell’interprete, vi invitiamo a dare un occhiata alle immagini in calce al nostro testo. Restate sintonizzati qui sul Gorgo per nuovi e succosi aggiornamenti.

Pics by The Artist