fbpx
GORGO

David de La Mano “Latitude” at Wunderkammern Gallery (Recap)

David De La Mano ha da poco aperto “Latitude”, nuova esibizione ospitata nella sede Milanese della Wunderkammern Gallery.
L’appuntamento rappresenta il primo show dell’artista in Italia, un opportunità per un immersione totale all’interno della sua particolare ricerca. Nel corso del tempo abbiamo seguito gli sviluppi del lavoro di David De La Mano, sia in strada quanto in studio, sottolineando come l’interprete porti avanti una ricerca basata su un approccio pittorico sintetico e legato all’utilizzo del colore nero come unico vettore cromatico.
Partendo da questo preciso setting estetico, l’autore riflette sulla condizione umana, addentrandosi all’interno di tutte quelle sfaccettature che caratterizzano l’essere umano. Si tratta quindi di una pittura altamente poetica, caratterizzata dalla presenza degli iconici personaggi.
Sono i characters dell’artista a farsi carico dei temi e degli spunti trattati. Li vediamo accumularsi, muoversi all’unisono, scandire lo spazio propagando vizi, speranze, conflitti, fragilità, ambizioni e paure. Tutto lo spettro emotivo quindi.
Per questo suo nuovo show David De La Mano propone un allestimento basato sul concetto di latitudine, non geografica, ma piuttosto fisica, legata al corpo. L’esibizione prende spunto dal lavoro del filosofo Francese Gilles Deleuze dove, la latitudine del corpo è definita dal suo stesso movimento, e dalla sua capacità di agire. Per David la latitudine diviene spazio e stato intermedio, tra l’azione attiva ed il subire passivo, con i suoi personaggi, capaci qui che mai di raccontare a chi osserva il viaggio interiore, la ricerca, le odisee personali, ma anche gli esili, le traversate e migrazioni, tutti spunti decisamente attuali.

Wunderkammern Gallery
Via Ausonio, 1A
20123 Milano, Italy

Thanks to The Gallery for The Pics

David de La Mano “Latitude” at Wunderkammern Gallery (Recap)

David De La Mano ha da poco aperto “Latitude”, nuova esibizione ospitata nella sede Milanese della Wunderkammern Gallery.
L’appuntamento rappresenta il primo show dell’artista in Italia, un opportunità per un immersione totale all’interno della sua particolare ricerca. Nel corso del tempo abbiamo seguito gli sviluppi del lavoro di David De La Mano, sia in strada quanto in studio, sottolineando come l’interprete porti avanti una ricerca basata su un approccio pittorico sintetico e legato all’utilizzo del colore nero come unico vettore cromatico.
Partendo da questo preciso setting estetico, l’autore riflette sulla condizione umana, addentrandosi all’interno di tutte quelle sfaccettature che caratterizzano l’essere umano. Si tratta quindi di una pittura altamente poetica, caratterizzata dalla presenza degli iconici personaggi.
Sono i characters dell’artista a farsi carico dei temi e degli spunti trattati. Li vediamo accumularsi, muoversi all’unisono, scandire lo spazio propagando vizi, speranze, conflitti, fragilità, ambizioni e paure. Tutto lo spettro emotivo quindi.
Per questo suo nuovo show David De La Mano propone un allestimento basato sul concetto di latitudine, non geografica, ma piuttosto fisica, legata al corpo. L’esibizione prende spunto dal lavoro del filosofo Francese Gilles Deleuze dove, la latitudine del corpo è definita dal suo stesso movimento, e dalla sua capacità di agire. Per David la latitudine diviene spazio e stato intermedio, tra l’azione attiva ed il subire passivo, con i suoi personaggi, capaci qui che mai di raccontare a chi osserva il viaggio interiore, la ricerca, le odisee personali, ma anche gli esili, le traversate e migrazioni, tutti spunti decisamente attuali.

Wunderkammern Gallery
Via Ausonio, 1A
20123 Milano, Italy

Thanks to The Gallery for The Pics