GORGO

Carne – New Murals Inside an Abandoned Building

Carne fa parte di quella cerchia di artisti che trovano il proprio giusto habitat non propriamente in strada, allo smog, il traffico o i curiosi preferiscono i luoghi abbandonati, quelli invasi dalla muffa, con carcasse di muri, puzza ed odori stantii, a loro va bene così, si sentono a proprio agio nel silenzio che avvolge questi luoghi, a camminare tra i ciottoli a terra schivando questo o quell’altro, luoghi così intatti nella loro controversa purezza eppure così malinconici e riflessivi nelle sensazioni che sanno trasmettere. Un processo inverso quindi dove l’essenziale si sposta sul lato emotivo, cercando di buttare fuori stati d’animo ed emozioni proprie attraverso stili e tematiche personali, lasciando sulle pareti i segni del proprio passaggio così che un altro ignaro avventuriero possa calarsi all’interno delle sensazioni dipinte.

Carne proseguo il suo legame con questi luoghi, li sente suoi e tenta il dialogo con essi e su di essi arrangiando le pareti e facendo emergere il suo particolare immaginario con forza e vigore.

Nell’ultima incursione Carne ha avuto modo di lavorare a due nuovi pezzi, andando ad utilizzare diversi materiali unendo però tematiche care come quella della rosa, presente in ambedue le realizzazioni, e divertendosi a fare interagire pavimento e muro, dateci un occhiata e restate sintonizzati per nuovi aggiornamenti.

Thanks to The Artist for The Pics
Pics by Francesca Tuzzi

Carne – New Murals Inside an Abandoned Building

Carne fa parte di quella cerchia di artisti che trovano il proprio giusto habitat non propriamente in strada, allo smog, il traffico o i curiosi preferiscono i luoghi abbandonati, quelli invasi dalla muffa, con carcasse di muri, puzza ed odori stantii, a loro va bene così, si sentono a proprio agio nel silenzio che avvolge questi luoghi, a camminare tra i ciottoli a terra schivando questo o quell’altro, luoghi così intatti nella loro controversa purezza eppure così malinconici e riflessivi nelle sensazioni che sanno trasmettere. Un processo inverso quindi dove l’essenziale si sposta sul lato emotivo, cercando di buttare fuori stati d’animo ed emozioni proprie attraverso stili e tematiche personali, lasciando sulle pareti i segni del proprio passaggio così che un altro ignaro avventuriero possa calarsi all’interno delle sensazioni dipinte.

Carne proseguo il suo legame con questi luoghi, li sente suoi e tenta il dialogo con essi e su di essi arrangiando le pareti e facendo emergere il suo particolare immaginario con forza e vigore.

Nell’ultima incursione Carne ha avuto modo di lavorare a due nuovi pezzi, andando ad utilizzare diversi materiali unendo però tematiche care come quella della rosa, presente in ambedue le realizzazioni, e divertendosi a fare interagire pavimento e muro, dateci un occhiata e restate sintonizzati per nuovi aggiornamenti.

Thanks to The Artist for The Pics
Pics by Francesca Tuzzi