GORGO

CANEMORTO for Clorofilla Project in Belluno

Al lavoro per l’ottimo Clorofilla Project di Belluno anche i Canemorto che hanno da poco terminato una nuova pittura all’interno della Casa dei Beni Comuni.
Il progetto, curato quest’anno da Andrea D’Ascanio, Kiki Skipi ed Ericailcane, ha visto artisti di livello nazionale ed internazionale confrontarsi con i paesaggi e le atmosfere della Provincia di Belluno. Si tratta di un inedito progetto pittorico che per la prima volta ha portato l’arte per le strade di Belluno e dintornI, con base proprio all’interno della Casa dei Beni Comuni, già Ex Caserma Piave di Belluno.
In questo contesto, sulla superfice di una delle grandi pareti presenti all’interno della struttura, i Canemorto portano in dote tutto il loro particolare immaginario visivo. Ancora una volta la visione degli autori Italiani abbraccia una rappresentazione cruda, diretta e velenosa dell’essere umano. Gli artisti sviluppano qui, attraverso tre differenti figure, il setting tipico delle loro produzioni. Ritroviamo i corpi martoriati ed irregolari, gli sguardi duri e tetri, in una nuova manifestazione delle controversie, fragilità e violenze che l’essere umano porta con sé.
Null’altro da aggiungere, ad accompagnare il nostro testo una bella serie di scatti con tutti i dettagli di quest’ultima fatica, mettetevi comodi e dateci un occhiata, siamo certi che anche voi come noi non mancherete di apprezzare.

Thanks to The Artists for The Pics
Pics by Illy Noize

CANEMORTO for Clorofilla Project in Belluno

Al lavoro per l’ottimo Clorofilla Project di Belluno anche i Canemorto che hanno da poco terminato una nuova pittura all’interno della Casa dei Beni Comuni.
Il progetto, curato quest’anno da Andrea D’Ascanio, Kiki Skipi ed Ericailcane, ha visto artisti di livello nazionale ed internazionale confrontarsi con i paesaggi e le atmosfere della Provincia di Belluno. Si tratta di un inedito progetto pittorico che per la prima volta ha portato l’arte per le strade di Belluno e dintornI, con base proprio all’interno della Casa dei Beni Comuni, già Ex Caserma Piave di Belluno.
In questo contesto, sulla superfice di una delle grandi pareti presenti all’interno della struttura, i Canemorto portano in dote tutto il loro particolare immaginario visivo. Ancora una volta la visione degli autori Italiani abbraccia una rappresentazione cruda, diretta e velenosa dell’essere umano. Gli artisti sviluppano qui, attraverso tre differenti figure, il setting tipico delle loro produzioni. Ritroviamo i corpi martoriati ed irregolari, gli sguardi duri e tetri, in una nuova manifestazione delle controversie, fragilità e violenze che l’essere umano porta con sé.
Null’altro da aggiungere, ad accompagnare il nostro testo una bella serie di scatti con tutti i dettagli di quest’ultima fatica, mettetevi comodi e dateci un occhiata, siamo certi che anche voi come noi non mancherete di apprezzare.

Thanks to The Artists for The Pics
Pics by Illy Noize