fbpx
GORGO

Borondo for DesOrdes Creativas 2016

Uno sguardo all’ultima pittura realizzata da Borondo ad Ordes in Spagna in occasione dei lavori per il DesOrdes Creativas Festival di quest’anno.
Intitolata “Sacrum Fieri”, quest’ultima pittura prende vita direttamente sulla facciata esterna dell’istituto ‘IES Maruxa Mallo’ di Ordes, ed ha visto Borondo riflettere sul senso di sacrificio.
L’idea di sacrificio, in questo particolare momento storico, ha assunto un significato differente ed un conseguente spostamento semantico. Fare un sacrificio implica una rinuncia volontaria a qualcosa di specifico, abbandonare od uccidere una vittima per esempio, spiega l’artista. Con questa nuova fatica il grande artista vuole dare quindi un nuovo e più attinente significato.
La parola sacrificio deriva, infatti dal latino SACRUM FIERI, che significa “essere santificato” e per derivazione, “diventare sacro.” Non vi è quindi alcuna connotazione sanguinosa, tantomeno un idea di privazione di qualsiasi tipo. Il significato della parola risulta perciò strettamente legato ad un passaggio da uno stato laico e legato alla vita di tutti i giorni, ad uno ‘sacro’, divino e soprannaturale. Si tratta quindi una via spirituale attraverso il quale si accede a un diverso stato di coscienza, legato ad una dimensione totalmente staccata da impulsi materiali. Tutto ciò inevitabilmente è alla base non solo di una riflessione religiosa, ma anche di tutte quelle ricerche spirituali ed interpersonali che ciascuno di noi porta avanti giorno dopo giorno.
Partendo da questo Borondo compone una nuova e potente analogia visiva dipingendo una serie di sedie accatastate una sopra l’altra, in una sorta di ascesa cosciente e voluta verso l’alto e qualcosa di diverso.
Null’altro da aggiungere, ad accompagnare il nostro testo alcuni scatti con i dettagli di quest’ultima pittura. Mettetevi comodi e dateci un occhiata, siamo certi che anche voi come noi non mancherete di apprezzare.

Thanks to The Artist for The Pics
Pics by Adrian Locre

Borondo for DesOrdes Creativas 2016

Uno sguardo all’ultima pittura realizzata da Borondo ad Ordes in Spagna in occasione dei lavori per il DesOrdes Creativas Festival di quest’anno.
Intitolata “Sacrum Fieri”, quest’ultima pittura prende vita direttamente sulla facciata esterna dell’istituto ‘IES Maruxa Mallo’ di Ordes, ed ha visto Borondo riflettere sul senso di sacrificio.
L’idea di sacrificio, in questo particolare momento storico, ha assunto un significato differente ed un conseguente spostamento semantico. Fare un sacrificio implica una rinuncia volontaria a qualcosa di specifico, abbandonare od uccidere una vittima per esempio, spiega l’artista. Con questa nuova fatica il grande artista vuole dare quindi un nuovo e più attinente significato.
La parola sacrificio deriva, infatti dal latino SACRUM FIERI, che significa “essere santificato” e per derivazione, “diventare sacro.” Non vi è quindi alcuna connotazione sanguinosa, tantomeno un idea di privazione di qualsiasi tipo. Il significato della parola risulta perciò strettamente legato ad un passaggio da uno stato laico e legato alla vita di tutti i giorni, ad uno ‘sacro’, divino e soprannaturale. Si tratta quindi una via spirituale attraverso il quale si accede a un diverso stato di coscienza, legato ad una dimensione totalmente staccata da impulsi materiali. Tutto ciò inevitabilmente è alla base non solo di una riflessione religiosa, ma anche di tutte quelle ricerche spirituali ed interpersonali che ciascuno di noi porta avanti giorno dopo giorno.
Partendo da questo Borondo compone una nuova e potente analogia visiva dipingendo una serie di sedie accatastate una sopra l’altra, in una sorta di ascesa cosciente e voluta verso l’alto e qualcosa di diverso.
Null’altro da aggiungere, ad accompagnare il nostro testo alcuni scatti con i dettagli di quest’ultima pittura. Mettetevi comodi e dateci un occhiata, siamo certi che anche voi come noi non mancherete di apprezzare.

Thanks to The Artist for The Pics
Pics by Adrian Locre