fbpx
GORGO

Black Circle Festival 2014 – Video Recap

A distanza di tempo torniamo all’interno del campo “Skalka” nei pressi di Uzhgorod in Ucraina con piacere ad approfondire l’ultima edizione del Black Circle Festival con un bel video recap.
Dopo avervi mostrato le immagini durante i giorni di lavori (Covered) ed i relativi risultati finali (Covered) andiamo quindi a chiudere il cerchio su uno degli eventi che maggiormente ci hanno interessato in questa ultima parte dell’anno.
L’inedita idea del Black Circle Festival sta tutta nella dinamiche in cui lo stesso progetto prende vita. Una formula in questo senso inedita e stimolante che ha riunito in questa scorcio di Ucraina artisti come: Alberonero, Tybet, 108, Blazej Rusin, Dima, Hir, MH, 7906, 3M, Mok, Viska, Stas Turina, Anton Varga, Orma. Un bel mix capace di rappresentare al meglio le leve Ucraine quanto nomi internazionali, tra alcuni tra gli artisti italiani che maggiormente seguiamo.
Come visto la location, segreta fino alla fine della kermesse, rappresenta gioco forza uno degli aspetti peculiari della rassegna. Ci troviamo immersi all’interno di un paesaggio naturale dove gli artisti, tutti rigorosamente in tenda ed autospesati, nel mese di Agosto hanno avuto modo di cambiare l’aspetto di questo luogo. Il risultato finale è un campionario di stimoli astratti impressionante e capace di coinvolgere attraverso differenti stimoli e visioni, sensi ed emotività differenti.
Lo stimolo qui è chiaramente differente rispetto ad agli approcci a cui siamo abituati, si tratta di riportare gli artisti stessi al centro di tutto, ed approfondendo, sull’esperienza e sulla condivisione che intercorre in occasioni come questa. Il risultato finale è un approccio certamente più puro, di quelli che così tanto continuano ad interessarci.
Null’altro da aggiungere, vi lasciamo piuttosto al bel video in calce al nostro testo, mettetevi comodi e dateci un occhiata, l’appuntamento è per il prossimo anno.

Video by Rusin Blajej

Black Circle Festival 2014 – Video Recap

A distanza di tempo torniamo all’interno del campo “Skalka” nei pressi di Uzhgorod in Ucraina con piacere ad approfondire l’ultima edizione del Black Circle Festival con un bel video recap.
Dopo avervi mostrato le immagini durante i giorni di lavori (Covered) ed i relativi risultati finali (Covered) andiamo quindi a chiudere il cerchio su uno degli eventi che maggiormente ci hanno interessato in questa ultima parte dell’anno.
L’inedita idea del Black Circle Festival sta tutta nella dinamiche in cui lo stesso progetto prende vita. Una formula in questo senso inedita e stimolante che ha riunito in questa scorcio di Ucraina artisti come: Alberonero, Tybet, 108, Blazej Rusin, Dima, Hir, MH, 7906, 3M, Mok, Viska, Stas Turina, Anton Varga, Orma. Un bel mix capace di rappresentare al meglio le leve Ucraine quanto nomi internazionali, tra alcuni tra gli artisti italiani che maggiormente seguiamo.
Come visto la location, segreta fino alla fine della kermesse, rappresenta gioco forza uno degli aspetti peculiari della rassegna. Ci troviamo immersi all’interno di un paesaggio naturale dove gli artisti, tutti rigorosamente in tenda ed autospesati, nel mese di Agosto hanno avuto modo di cambiare l’aspetto di questo luogo. Il risultato finale è un campionario di stimoli astratti impressionante e capace di coinvolgere attraverso differenti stimoli e visioni, sensi ed emotività differenti.
Lo stimolo qui è chiaramente differente rispetto ad agli approcci a cui siamo abituati, si tratta di riportare gli artisti stessi al centro di tutto, ed approfondendo, sull’esperienza e sulla condivisione che intercorre in occasioni come questa. Il risultato finale è un approccio certamente più puro, di quelli che così tanto continuano ad interessarci.
Null’altro da aggiungere, vi lasciamo piuttosto al bel video in calce al nostro testo, mettetevi comodi e dateci un occhiata, l’appuntamento è per il prossimo anno.

Video by Rusin Blajej