GORGO

Biancoshock – New Piece in Lodi

Nuovo progetto firmato da Biancoshock, l’artista italiano si è spostato a Lodi dove ha realizzato una nuova serie di installazioni specifiche.
Uno degli aspetti che abbiamo sempre apprezzato delle produzioni firmate da Biancoshock, è la capacità dell’interprete di veicolare temi e riflessioni differenti, attraverso la forte e risonante atipicità dei suoi stessi interventi. L’artista italiano ha saputo ripetutamente affrontare tematiche delicate e forti, spesso attraverso la rimarcata interattività delle sue opere, portando lo spettatore a confrontarsi all’interno dello spazio urbano, con temi tra i più differenti. Si tratta di un riflesso della società moderna, raccolto e rielaborato attraverso il tipico spirito riflessivo e tagliente che accompagna le produzioni dell’interprete.
Quest’ultima serie di installazioni, dal titolo “Borderlife”, vuole essere una precisa e potente riflessione sulle condizioni di vita di alcune persone che i persone che tutt’oggi sono costrette a vivere in condizioni al limite del disumano.
Attraverso la realizzazione di vere e proprio micro-stanze, l’autore racconta una realtà atroce e sconvolgente, quella di circa 600 giovani che vivono nel sottosuolo e nelle fogne di Bucarest ad esempio.
Ancora una volta, attraverso toni ironici e taglienti, Biancoshock mette a fuoco uno specifico problema, una perplessità legata alla società contemporanea, portandone al limite il senso e impattando fortemente lo spettatore. Qui per approfondire la loro storia.

Pics by The Artist

Biancoshock – New Piece in Lodi

Nuovo progetto firmato da Biancoshock, l’artista italiano si è spostato a Lodi dove ha realizzato una nuova serie di installazioni specifiche.
Uno degli aspetti che abbiamo sempre apprezzato delle produzioni firmate da Biancoshock, è la capacità dell’interprete di veicolare temi e riflessioni differenti, attraverso la forte e risonante atipicità dei suoi stessi interventi. L’artista italiano ha saputo ripetutamente affrontare tematiche delicate e forti, spesso attraverso la rimarcata interattività delle sue opere, portando lo spettatore a confrontarsi all’interno dello spazio urbano, con temi tra i più differenti. Si tratta di un riflesso della società moderna, raccolto e rielaborato attraverso il tipico spirito riflessivo e tagliente che accompagna le produzioni dell’interprete.
Quest’ultima serie di installazioni, dal titolo “Borderlife”, vuole essere una precisa e potente riflessione sulle condizioni di vita di alcune persone che i persone che tutt’oggi sono costrette a vivere in condizioni al limite del disumano.
Attraverso la realizzazione di vere e proprio micro-stanze, l’autore racconta una realtà atroce e sconvolgente, quella di circa 600 giovani che vivono nel sottosuolo e nelle fogne di Bucarest ad esempio.
Ancora una volta, attraverso toni ironici e taglienti, Biancoshock mette a fuoco uno specifico problema, una perplessità legata alla società contemporanea, portandone al limite il senso e impattando fortemente lo spettatore. Qui per approfondire la loro storia.

Pics by The Artist