fbpx
GORGO

Banksy – “Better Out Than In” New Pieces in New York Part 4

Come consuetudine per questo inizio di settimana torniamo a puntare lo sguardo su New York continuando il nostro focus sull’avvincente progetto “Better Out Than In” firmato da Banksy e sui lavori presentati durante la settimana appena conclusasi.
L’idea dietro questa sequenza di incursioni lo ricordiamo è legata ad un progetto che vede Banksy letteralmente invadere le strade delle grande mela proponendo una sorta di esibizione in strada, l’allestimento e corpo del lavoro è dato dalle opere stesse che nel loro insieme rappresentano un nuovo ed eccentrico modo di esporre il proprio lavoro. L’artista mira ad un distacco netto dal circuito delle gallerie attraverso un riavvicinamento non solo simbolico ma anche totale alla gente comune ed appunto alla strada, quello che abbiamo visto fino ad ora rappresenta un pò la summa della carriera dell’interprete con lavori su muro, installazioni e progetti folli – abbiamo ancora negli occhi l’idea del banchetto in strada – che ci offrono l’opportunità di capire affondo ed al meglio il pensiero visionario dell’inglese.
Dopo l’escalation precedente Banksy abbassa leggermente i toni, giusto un pò però, presentando un variegato numero di opere, immancabili i canonici lavori su muro su cui sentiamo di voler mettere l’accento in particolare su quello con dedica alle torri gemelle, passando poi per la grande installazione con il simbolo del consumismo made in usa, quel Ronald Mc Donald che sta facendo il giro delle strade della grande mela con tanto di lustra scarpe al seguito. Infine menzione particolare per l’allestimento in strada su quello che è un sottopasso del treno di due opere su tela elaborate insieme agli Os Gemeos, due opere irriverenti che uniscono i tratti caratteristici del trio e che rappresentano forse il simbolo di tutto il progetto nonchè della non appartenenza alle gallerie del lavoro dell’artista.
Insomma una bella infornata di pezzi che vi diamo modo di vedere da vicino attraverso l’ampia selezione di scatti, manca veramente poco alla fine del progetto, tra opere distrutte e coperte, lavori rubati e tutto il chiacchiericcio che sta seguendo costantemente gli sviluppi del lavoro siamo più che mai curiosi di vedere quale sarà il botto finale, stay tuned!

Pics by The Artist

Banksy – “Better Out Than In” New Pieces in New York Part 4

Come consuetudine per questo inizio di settimana torniamo a puntare lo sguardo su New York continuando il nostro focus sull’avvincente progetto “Better Out Than In” firmato da Banksy e sui lavori presentati durante la settimana appena conclusasi.
L’idea dietro questa sequenza di incursioni lo ricordiamo è legata ad un progetto che vede Banksy letteralmente invadere le strade delle grande mela proponendo una sorta di esibizione in strada, l’allestimento e corpo del lavoro è dato dalle opere stesse che nel loro insieme rappresentano un nuovo ed eccentrico modo di esporre il proprio lavoro. L’artista mira ad un distacco netto dal circuito delle gallerie attraverso un riavvicinamento non solo simbolico ma anche totale alla gente comune ed appunto alla strada, quello che abbiamo visto fino ad ora rappresenta un pò la summa della carriera dell’interprete con lavori su muro, installazioni e progetti folli – abbiamo ancora negli occhi l’idea del banchetto in strada – che ci offrono l’opportunità di capire affondo ed al meglio il pensiero visionario dell’inglese.
Dopo l’escalation precedente Banksy abbassa leggermente i toni, giusto un pò però, presentando un variegato numero di opere, immancabili i canonici lavori su muro su cui sentiamo di voler mettere l’accento in particolare su quello con dedica alle torri gemelle, passando poi per la grande installazione con il simbolo del consumismo made in usa, quel Ronald Mc Donald che sta facendo il giro delle strade della grande mela con tanto di lustra scarpe al seguito. Infine menzione particolare per l’allestimento in strada su quello che è un sottopasso del treno di due opere su tela elaborate insieme agli Os Gemeos, due opere irriverenti che uniscono i tratti caratteristici del trio e che rappresentano forse il simbolo di tutto il progetto nonchè della non appartenenza alle gallerie del lavoro dell’artista.
Insomma una bella infornata di pezzi che vi diamo modo di vedere da vicino attraverso l’ampia selezione di scatti, manca veramente poco alla fine del progetto, tra opere distrutte e coperte, lavori rubati e tutto il chiacchiericcio che sta seguendo costantemente gli sviluppi del lavoro siamo più che mai curiosi di vedere quale sarà il botto finale, stay tuned!

Pics by The Artist