fbpx
GORGO

Banksy – “Better Out Than In” New Pieces in New York Part 3

Ormai lo avrete capito, il lunedi apriamo la nostra programmazione mostrandovi un resoconto di quello che Banksy ha combinato nella settimana precedente, preferiamo così visto che piuttosto che lanciarci una critica affrettata abbiamo il tempo di riflettere sull’operato del famoso artista, darci uno sguardo decisamene più approfondito e con esso sviscerare le nostre impressioni e pareri personali. Per questo mese di ottobre Banksy è la vera notizia, c’è poco da dire, la nomea che accompagna l’artista ed il grande furore mediatico ad ogni sua opera è stato elevato alla massima potenza dopo l’annuncio dell’ultimo progetto.
“Better Out Than In” rappresenta nella visione dell’interprete un escamotage per liberarsi e scrollarsi di dosso in un attimo l’ingombrante presenza delle gallerie offrendo piuttosto una grande esibizione in strada. Un progetto atipico che proprio per questo mira anzitutto a far riflettere sul ruolo delle gallerie in un ambiente come la street art che sta sempre più diventando interessante e di conseguenza redditizio per le stesse, argomento spinoso che vorremmo approfondire con calma e nel giusto spazio in futuro.
Banksy oltretutto con una mossa a sorpresa rilancia in grande stile la propria stessa figura, dirottando su di se tutta l’attenzione e realizzando, un opera al giorno per tutto il mese di Ottobre, ci offre in un unica volta l’opportunità di vedere con estrema profondità tutto l’immaginario che caratterizza da sempre il suo lavoro, su diversi fronti, dai consueti lavori su muro passando per l’esuberanti installazioni. Il velo valore aggiunto dei lavori di Banksy è senza dubbio la velata critica che traspare dai suoi lavori accompagnata da un velo di divertimento intrinseco negli stessi, come detto noi preferiamo le installazioni ed a ragione l’artista, aldilà dei lavori su muro, ci sta offrendo il meglio proprio attraverso quest’ultime.
Dopo il truck con all’interno un paradiso naturale ecco arrivare un camion zeppo di peluche che fà capolino per le strade della grande mela, in un installazione mobile che mette l’accento sullo sfruttamento animale che abbiamo decisamente apprezzato. Decisamente più d’impatto la mossa che vede l’artista allestire una bancarella in strada per vendere le sue opere originali a 60 dollari, un bello smacco per chi ha comprato i suoi lavori a cifre esorbitanti, una fortuna invece per chi ignaro si è portato a casa un opera di uno degli artisti più quotati e di conseguenza costosi, l’ennesima genialata.
Vi lasciamo in compagnia della ricca galleria, se volete approfondire ed ascoltare le tracce audio che accompagnano i lavori non vi resta che dare un occhiata al sito ufficiale dell’interprete.

Pics by The Artist

Banksy – “Better Out Than In” New Pieces in New York Part 3

Ormai lo avrete capito, il lunedi apriamo la nostra programmazione mostrandovi un resoconto di quello che Banksy ha combinato nella settimana precedente, preferiamo così visto che piuttosto che lanciarci una critica affrettata abbiamo il tempo di riflettere sull’operato del famoso artista, darci uno sguardo decisamene più approfondito e con esso sviscerare le nostre impressioni e pareri personali. Per questo mese di ottobre Banksy è la vera notizia, c’è poco da dire, la nomea che accompagna l’artista ed il grande furore mediatico ad ogni sua opera è stato elevato alla massima potenza dopo l’annuncio dell’ultimo progetto.
“Better Out Than In” rappresenta nella visione dell’interprete un escamotage per liberarsi e scrollarsi di dosso in un attimo l’ingombrante presenza delle gallerie offrendo piuttosto una grande esibizione in strada. Un progetto atipico che proprio per questo mira anzitutto a far riflettere sul ruolo delle gallerie in un ambiente come la street art che sta sempre più diventando interessante e di conseguenza redditizio per le stesse, argomento spinoso che vorremmo approfondire con calma e nel giusto spazio in futuro.
Banksy oltretutto con una mossa a sorpresa rilancia in grande stile la propria stessa figura, dirottando su di se tutta l’attenzione e realizzando, un opera al giorno per tutto il mese di Ottobre, ci offre in un unica volta l’opportunità di vedere con estrema profondità tutto l’immaginario che caratterizza da sempre il suo lavoro, su diversi fronti, dai consueti lavori su muro passando per l’esuberanti installazioni. Il velo valore aggiunto dei lavori di Banksy è senza dubbio la velata critica che traspare dai suoi lavori accompagnata da un velo di divertimento intrinseco negli stessi, come detto noi preferiamo le installazioni ed a ragione l’artista, aldilà dei lavori su muro, ci sta offrendo il meglio proprio attraverso quest’ultime.
Dopo il truck con all’interno un paradiso naturale ecco arrivare un camion zeppo di peluche che fà capolino per le strade della grande mela, in un installazione mobile che mette l’accento sullo sfruttamento animale che abbiamo decisamente apprezzato. Decisamente più d’impatto la mossa che vede l’artista allestire una bancarella in strada per vendere le sue opere originali a 60 dollari, un bello smacco per chi ha comprato i suoi lavori a cifre esorbitanti, una fortuna invece per chi ignaro si è portato a casa un opera di uno degli artisti più quotati e di conseguenza costosi, l’ennesima genialata.
Vi lasciamo in compagnia della ricca galleria, se volete approfondire ed ascoltare le tracce audio che accompagnano i lavori non vi resta che dare un occhiata al sito ufficiale dell’interprete.

Pics by The Artist