fbpx
GORGO

Axel Void for NUART Festival 2016

Con quest’ultima pittura realizzata nei giorni scorsi da Axel Void, continuiamo a seguire con interesse gli sviluppi del NUART Festival 2016.
Il confronto con le produzioni firmate da Axel Void, passa per la particolare sensibilità tematica dell’artista. La sua attività artistica è infatti scandita e profondamente interconnessa con il tessuto sociale all’interno del quale l’artista stesso ha l’opportunità di immergersi. Lo scopo finale è infatti quello di istaurare un dialogo fitto con la gente del posto, attraverso interventi in grado di rielaborare e ricontestualizzare temi e spunti legati al luogo.
Questa particolare scelta esercita ed influenza tutta la produzione del grande artista, in questo senso la strada, l’ambiente e la città, da elementi passivi, divengono protagonisti diretti del lavoro. Così come le storie, le tradizioni, tutto quell’universo tangibile che caratterizza lo spazio urbano, divengono spinta tematica capace di fondersi con le percezioni e gli stimoli dello stesso interprete.
Per il NUART Festival Axel Void presenta “Klosser”. L’opera, dipinta nei pressi di un asilo, è caratterizzata dal ritratto di Gabriel Luca, figlio del fondatore del Festival Martyn Reed, mentre tiene in mano una serie di blocchi in legno, Klosser in Norvegese.
In attesa di scoprire i prossimi progetti e spostamenti del grande artista, vi lasciamo ad alcuni scatti in calce al nostro testo, con i dettagli di questa sua ultima fatica, dateci un occhiata e restate sintonizzati qui sul Gorgo. Enjoy it.

Pics by FranCacirano Via

Axel Void for NUART Festival 2016

Con quest’ultima pittura realizzata nei giorni scorsi da Axel Void, continuiamo a seguire con interesse gli sviluppi del NUART Festival 2016.
Il confronto con le produzioni firmate da Axel Void, passa per la particolare sensibilità tematica dell’artista. La sua attività artistica è infatti scandita e profondamente interconnessa con il tessuto sociale all’interno del quale l’artista stesso ha l’opportunità di immergersi. Lo scopo finale è infatti quello di istaurare un dialogo fitto con la gente del posto, attraverso interventi in grado di rielaborare e ricontestualizzare temi e spunti legati al luogo.
Questa particolare scelta esercita ed influenza tutta la produzione del grande artista, in questo senso la strada, l’ambiente e la città, da elementi passivi, divengono protagonisti diretti del lavoro. Così come le storie, le tradizioni, tutto quell’universo tangibile che caratterizza lo spazio urbano, divengono spinta tematica capace di fondersi con le percezioni e gli stimoli dello stesso interprete.
Per il NUART Festival Axel Void presenta “Klosser”. L’opera, dipinta nei pressi di un asilo, è caratterizzata dal ritratto di Gabriel Luca, figlio del fondatore del Festival Martyn Reed, mentre tiene in mano una serie di blocchi in legno, Klosser in Norvegese.
In attesa di scoprire i prossimi progetti e spostamenti del grande artista, vi lasciamo ad alcuni scatti in calce al nostro testo, con i dettagli di questa sua ultima fatica, dateci un occhiata e restate sintonizzati qui sul Gorgo. Enjoy it.

Pics by FranCacirano Via