fbpx
GORGO

Augustine Kofie – New Mural for Los Angeles Offices of CBRE

[slider] [slide type=”video” title=”” url=”” target=”_self” caption=””] [/slide] [/slider]

Dopo aver preso parte Three The Hard Way l’eccellente group show in combinazione con Jerry ‘Joker’Iscoe e Christopher Derek Bruno, il grande Augustine Kofie ci mostra il risultato del suo intervento indoor all’interno dei nuovi uffici Losangelini del CBRE, un interno piano completamente riarrangiato dalla caratteristica visione artistica dell’interprete statunitense.
Augustine Kofie è senza dubbio uno dei maggiori esponenti della corrente Graffuturism, l’interprete con questa sua nuova magia continua nel portare avanti la particolare inflessione stilistica, destreggiandosi tra forme e configurazione astratte in una totale istintività ragionata, la volontà dell’interprete è quella di dipingere inconsciamente lasciandosi trasportare dal proprio immaginario, incanalandone l’energia visiva in lavoro a stretto contatto con il luogo dove vengono realizzati.
L’impressione è quella di un intervento camaleontico sviluppato su tutta la superficie a disposizione che si muove in un armonia di colori, forme e sistemi differenti, dapprima più decisi e spigolosi per poi incontrare attimi più delicati e morbidi, ed ancora ed ancora, in un cambio repentino nella dinamica stessa delle figure proposte, c’è tanto da osservare, di tutto, tra cerchie e segmenti, a forme più organiche, passando per i sistemi e le configurazioni di poligoni differenti, una meraviglia per lo sguardo che si affida ad una palette cromatica molto delicata, tra colori che appaiono e scompaiono nel bianco delle pareti, tra tonalità maggiormente accese che vanno ad intersecarsi tra di loro, un sistema di tonalità ed angoli che comunica un aura di rinnovamento e progresso, una vera e propria riflessione tra la volontà sulla reinvenzione degli spazi, abbracciare il futuro, e la volontà di chi vuole combattere l’inevitabile.
Ancora una volta quindi Augustine Kofie riflette sulla sua città, sul vento di cambiamento che sta sprezzando la metropoli, lo fà con un lavoro pazzesco, il più grande fin qui realizzato all’interno di uno spazi chiuso e che siamo certi sarà una sorta di pietra miliare all’interno del suo lavoro.
Un lavoro assolutamente incredibile che vi diamo modo di apprezzare attraverso alcuni scatti dell’intervento realizzato, con qualche fase di lavoro, e il bel video realizzato dai ragazzi di Form follows Fuction che documenta tutte le fasi di lavoro del grande Kofie, dateci un occhiata siamo certi che non mancherete di apprezzare il talento espresso in quest’ultimo intervento, enjoy it.

In the Spring of 2013 I was approached by CBRE & Gensler to create a mural for their newly acquired 400 South Hope office space. Though they purchased the entire building, the top 2 floors of the 26 story high rise would be home to their main Los Angeles Headquarters. After many meetings and litigations the project began in the mid summer during mid construction of the space. 2 weeks and some 20 gallons of acrylic later the mural was completed. This would mark my largest privately contracted indoor mural and a milestone in my public display catalogue.

Pics by The Artist

Augustine Kofie – New Mural for Los Angeles Offices of CBRE

[slider] [slide type=”video” title=”” url=”” target=”_self” caption=””] [/slide] [/slider]

Dopo aver preso parte Three The Hard Way l’eccellente group show in combinazione con Jerry ‘Joker’Iscoe e Christopher Derek Bruno, il grande Augustine Kofie ci mostra il risultato del suo intervento indoor all’interno dei nuovi uffici Losangelini del CBRE, un interno piano completamente riarrangiato dalla caratteristica visione artistica dell’interprete statunitense.
Augustine Kofie è senza dubbio uno dei maggiori esponenti della corrente Graffuturism, l’interprete con questa sua nuova magia continua nel portare avanti la particolare inflessione stilistica, destreggiandosi tra forme e configurazione astratte in una totale istintività ragionata, la volontà dell’interprete è quella di dipingere inconsciamente lasciandosi trasportare dal proprio immaginario, incanalandone l’energia visiva in lavoro a stretto contatto con il luogo dove vengono realizzati.
L’impressione è quella di un intervento camaleontico sviluppato su tutta la superficie a disposizione che si muove in un armonia di colori, forme e sistemi differenti, dapprima più decisi e spigolosi per poi incontrare attimi più delicati e morbidi, ed ancora ed ancora, in un cambio repentino nella dinamica stessa delle figure proposte, c’è tanto da osservare, di tutto, tra cerchie e segmenti, a forme più organiche, passando per i sistemi e le configurazioni di poligoni differenti, una meraviglia per lo sguardo che si affida ad una palette cromatica molto delicata, tra colori che appaiono e scompaiono nel bianco delle pareti, tra tonalità maggiormente accese che vanno ad intersecarsi tra di loro, un sistema di tonalità ed angoli che comunica un aura di rinnovamento e progresso, una vera e propria riflessione tra la volontà sulla reinvenzione degli spazi, abbracciare il futuro, e la volontà di chi vuole combattere l’inevitabile.
Ancora una volta quindi Augustine Kofie riflette sulla sua città, sul vento di cambiamento che sta sprezzando la metropoli, lo fà con un lavoro pazzesco, il più grande fin qui realizzato all’interno di uno spazi chiuso e che siamo certi sarà una sorta di pietra miliare all’interno del suo lavoro.
Un lavoro assolutamente incredibile che vi diamo modo di apprezzare attraverso alcuni scatti dell’intervento realizzato, con qualche fase di lavoro, e il bel video realizzato dai ragazzi di Form follows Fuction che documenta tutte le fasi di lavoro del grande Kofie, dateci un occhiata siamo certi che non mancherete di apprezzare il talento espresso in quest’ultimo intervento, enjoy it.

In the Spring of 2013 I was approached by CBRE & Gensler to create a mural for their newly acquired 400 South Hope office space. Though they purchased the entire building, the top 2 floors of the 26 story high rise would be home to their main Los Angeles Headquarters. After many meetings and litigations the project began in the mid summer during mid construction of the space. 2 weeks and some 20 gallons of acrylic later the mural was completed. This would mark my largest privately contracted indoor mural and a milestone in my public display catalogue.

Pics by The Artist