Artist Featured: Graphic Surgery

artist-featuredgraphic-surgery-01

· Hello guys, thank you for this opportunity, then we start from an easy question, where does comes from the name ‘Graphic Surgery’?

Previously we worked under the name EHGZ, after the initials of our names: Erris Huigens and Gysbert Zijlstra. The name Graphic Surgery comes from the time when Gysbert was working in Australia as a signmaker in 2003. During this painfully precise process of sticking vinyl graphics on shopping windows and cars (measuring everything twice and securing you perfect levelling) there were always little things that went wrong. And you had to work very clinically with scalpels and other tools to correct these tiny mistakes. So literally performing Graphic Surgery. It describes our working process. It became our moniker for the fotolog page. That’s when it started to take over our previous name.

· How did you meet?

We met in the north of The Netherlands when we were both in art school. We had some mutual friends and we had a mutual interest in photography, graffiti, art, design, music and visiting desolated places. Plus going out to the same bars and clubs till the early morning.

· There is many years that you are in the streets, how you formed and what is your background?

Quite a while yes. We both always had an interest in so called street culture. From Gysbert’s skateboarding, Erris playing street basketball and eventually a love for painting and wheat pasting in the streets. Gysbert used to write pieces and Erris was painting with graffiti writers, but doing various non letter based things. Besides that we were in art school, learning and reading about heroes like Keith Haring, Basquiat, Theo van Doesburg. Also we were into graffiti magazines, and the first very early books about ‘street art’. Erris’ father is a landscape architect, collecting thousands of books about art and architecture and Gysbert’s brother is an architect. Both people who sort of raised us with a passion of landscape and architecture, plus the dutch design approach.

Gysbert: As a skateboarder you obtain a creative way of interacting with the city, looking for certain spots. Later on as a graffiti writer as well. Both were necessarily captured by taking pictures. That’s where the creative eye came from, taking photos sparkled the interest in looking at things differently.

· Ciao ragazzi, grazie per questa opportunità, allora, partiamo con una domanda facile, da dove arriva il nome Graphic Surgery?

Precedentemente, abbiamo lavorato con il nome di EHGZ, le iniziali dei nostri nomi Erris Huigens e Gysbert Zijlstra. Il nome Graphic Surgery proviene dal periodo in cui Gysbert lavorava come signmaker in Australia, nel 2003. Durante questo preciso e doloroso processo lavorativo, attaccava grafiche in vinile su finestre, negozi ed automobili, tutto doveva necessariamente essere misurato due volte per garantire un livellamento perfetto. Al temo stesso c’erano costantemente piccole cose che andavano storte, per cui bisognava lavorare ciclicamente con bisturi ed altri strumenti per correggere questi piccoli errori. Da qui nasce l’idea di una sorta di ‘Chirurgia Grafica’, una descrizione precisa del nostro processo lavorativo, che poi è diventato il nostro stesso nome per la pagina Fotolog, al posto del precedente nome.

· Come vi siete conosciuti?

Ci siamo conosciuti nel nord dell’Olanda, quando entrambi frequentavamo la scuola d’arte. Avevamo alcuni amici ed interessi in comune come la fotografia, i graffiti, la musica, l’arte ed il design, ed il visitare posti abbandonati, frequentavamo poi gli stessi bar e club.

· Sono parecchi anni che lavorate in strada, qual è la vostra formazione ed il vostro background?

È un po’ di tempo sì. Entrambi abbiamo sempre avuto un interesse per la cosiddetta cultura di strada. Dalla passione per lo skateboard di Gysbert, a quella di Erris per lo street basket, ed infine l’amore per la pittura e l’incollare cose per le strade. Gysbert era solito scrivere pezzi, Erris invece era maggiormente legato alla pittura come writers, in entrambi i casi lavorando al difuori del consueto studio della lettera. Inoltre abbiamo frequentato la scuola d’arte, apprendendo e leggendo di eroi come Keith Haring, Basquiat, Theo Van Doesburg. Anche la passione per i magazine di graffiti ed i primissimi libri sulla street art. Il padre ed il fratello di Erris sono architetti, ed hanno raccolto migliaia di libri di arte ed architettura. In entrambi i casi siamo cresciuti con persone appassionate di paesaggio ed architettura, nonché attraverso un approccio progettuale tipico dell’Olanda.

Gysbert: Come uno skateboarder ottieni un modo creativo di interagire con la città, costantemente alla ricerca di spot. Anche il lavoro come writer e riconducibile a questa continua ricerca, entrambi sono poi collegati allo scattare fotografie, è da qui che viene ‘l’occhio creativo’, con un costante interesse nell’osservare in modo differente.

graphic-surgery-abandoned-minimal-experiments-02

· How you accurately describe your work?

Ordered chaos. Minimal complexity. We love minimal things as well as complex things. In our art we aim to reach the perfect balance between these two aspects. Strong and clear work with depth.

· Last week we were on the train near an industrial landscape, the horizon was covered with interwoven metal and construction engineering, we notice that this images reflects much your work! which impact have the industrial scenarios in your works?

That is exactly where the inspiration comes from. It is all around us in a global scale. Industrial places, architectural structures, towering cranes. Some works, like collages, are almost literally sampled from photos taken in those places and other works are further abstracted.

· What are you trying to express through your work? there is a reflective spirit or is it only to communicate what you hear, see or what you feel?

We simply are, and always have been, fascinated by architectural and industrial elements and urban surroundings. It is where we take inspiration from. We are trying to express what beauty can be found in this. We simply do not feel the urge to create realistic imagery. We prefer to express ourselves through our love for abstraction. But the construction crane is a very persistent element in our work, a purely functional ultimate powertool with a minimal purpose.

Everywhere in cities you see construction cranes, or construction sites, this sort of ongoing urban renewal and destruction is what symbolizes the ever changing city. So it is a symbol of this constant change. Besides that the fact that they are so brutally bare and “undesigned” makes them an interesting “object”. Seen from each different angle the lines all intersect differently, surprisingly this still fascinates us.

· Come descrivereste accuratamente il vostro lavoro?

Caos ordinato. Complessità minimale. Noi amiamo le cose minimali, nonché quelle complesse. Nella nostra arte cerchiamo di raggiungere il perfetto equilibrio tra questi due aspetti. Forte e pulito, per dare vita ad un lavoro profondo.

· Lo scorso week end ero in treno nei pressi di un paesaggio industriale, l’orizzonte era completamente coperto da strutture metalliche intrecciate ed ho notato come in particolare queste immagini riflettano molto il vostro lavoro. Che impatto hanno gli scenari industriali in quello che fate?

Sono questi luoghi a trasmetterci l’ispirazione. E ‘tutto intorno a noi in una scala globale. Luoghi industriali, strutture architettoniche, imponenti gru. Alcune opere, come i collages, sono (quasi) letteralmente campionati da foto scattate in questi luoghi.

· Cosa cercate di esprimere attraverso il vostro lavoro? C’è uno spirito riflessivo o unicamente l’esigenza di comunicare cosa provate, vedete o sentite?

Semplicemente, siamo, e sempre saremo, affascinati dall’architettura e dagli elementi industriali ed urbani che circondano. Proviene tutto da qui. Cerchiamo di esprimere la bellezza che può essere trovata in questi paesaggi. Non abbiamo l’urgenza di creare un immaginario realistico, preferiamo esprimere noi stessi attraverso il nostro amore per l’astrazione. La gru è un elemento piuttosto ricorrente nei nostri lavori, un strumento potente, funzionale e dotato di una forte caratterizzazione minimale. Ovunque in ogni città si possono vedere gru, siti in costruzione, in quello che diviene una continuo rinnovamento urbano di distruzione, simbolo della città in continuo cambiamento. Inoltre sono particolarmente ‘nude’ e prive di design, essenziali, il che le rende ‘oggetti’ particolarmente interessanti. Osservate da differenti punti di vista, le linee che le compongono, si intersecano in modo differente, una sorpresa questa che continua ad affascinarci.

artist-featuredgraphic-surgery-02

artist-featuredgraphic-surgery-03

· One of the typical aspects of your productions is the use of white and black as the only color, why this choice?

We used to work with more colors and probably will, but through working in black and white only you can focus on shape and composition, rather than color taking away the attention from that. We search for ultimate contrast, the balance between positive and negative space, Besides painting in black and white we tend to work with the actual and pure colors of raw materials and also focus on layering, composition and form and shape.

· Which artists have most influenced your works?

We grew up looking at works by artists from De Stijl, Cobra and of course various classic dutch masters. Besides that there are too many influential artists to mention, from abstract expressionists, minimalists, public space artists to even (electronic) musicians. Dj Shadow, (early) Photek, Aphex Twin and Autechre for instance. From skateboard graphics to lodown magazine and later graphic design and illustration books, towards more about (conceptual) art and art movements. At this moment we collect and read monographies, zines and catalogues.

· In your last exhibition “Contra”, we have seen you at work on different materials, tell us a bit ‘of this new direction.

We always work intuitively on what we feel like, do we want to paint, or sketch, make a collage, or go screenprinting. More and more we look further away from an image applied to “canvas”. Creating objects and installations opens up a whole new world of oppurtunities. Everything started with our love of abandoned places, sometimes a small piece of found wood visually tells an almost complete story. A logical step in abstract architectural work is to add depth and layers to your work. We will always like the restrictions of paint on a surface but there is more to explore. Our inspiration comes from a three-dimensional world, so it is interesting to explore three-dimensional directions also. Combining modern techniques with classic crafts and methods.

graphic-surgery-contra-at-mini-galerie-recap (16)

artist-featuredgraphic-surgery-04

· Uno degli aspetti tipici delle vostre produzioni è l’utilizzo del bianco e del nero come unici colori, come mai questa scelta?

Siamo abituati a lavorare con più colori e probabilmente continueremo, ma unicamente attraverso il bianco ed il nero è possibile concentrarsi sulla forma e sulla composizione, piuttosto che il colore, che inevitabilmente distoglie l’attenzione da questi spunti. Cerchiamo il contrasto finale, l’equilibrio tra spazio positivo e quello negativo. Oltre alla pittura in bianco e nero, tendiamo a lavorare con i colori reali e puri, quelli delle materie prime, concentrandoci sulla stratificazione, sulla composizione di forme e figure.

· Quali artisti hanno maggiormente influenzato il vostro lavoro?

Siamo cresciuti osservando il lavoro del movimento artistico De Stijl (Neoplasticismo), Cobra ed ovviamente i vari maestri classici olandesi. Oltre questi ci sono da menzionare tantissimi artisti che ci hanno influenzato, dagli espressionisti astratti, ai minimalisti, passando per gli artisti di strada, arrivando ai musicisti elettronici. Il primo Dj Shadow, Photek, Aphex Twin e Autechre for instance. La grafica degli skateboard, Lodown Magainze, I libri di graphic design ed illustrazione, e tutti quei movimenti artistici concettuali. In questo momento collezioniamo e leggiamo, monografie, fanzine e cataloghi.

graphic-surgery-contra-at-mini-galerie-recap-5

· Nella vostra ultima esibizione “Contra”, vi abbiamo visto al lavoro su differenti materiali, raccontateci qualcosa in più su questa nuova direzione.

Lavoriamo sempre in modo intuitivo su quello che ci sentiamo, che vogliamo dipingere, o uno scarabocchiare, fare un collage, o realizzare una serigrafia. Sempre di più si spostiamo la nostra attenzione sulle immagini applicate alla tela. La creazione di oggetti ed installazioni, ci ha aperto un nuovo mondo di opportunità. Tutto è partito dal nostro amore per gli spazi abbandonati, alcune volte un piccolo pezzo di legno trovato visualmente, ha saputo ‘raccontarci’ una storia.

Un passo logico nelle opere architettoniche astratte, è quello di aggiungere profondità e livelli ai lavori. Ci piaceranno sempre le restrizioni della vernice su una superficie, ma ci rendiamo conto che non ci siamo più molto esplorare. La nostra ispirazione viene da un mondo tridimensionale, quindi è interessante esplorare anche nuove direzioni tridimensionali combinando tecniche moderne di artigianato, con i metodi più classici.

gs_torino

· The process seems to be one of the key components for modern artists, what is your relationship and how you relate with spaces and with different work surfaces?

We are used to work in different ways, exploring various techniques. Each demands a different approach and process, but it is all connected to one story we visualize. We are and will always be wall painters. We like to apply paint to walls. Besides that, in gallery work there is a lot more to explore. We do not solely want to be (wall) painters only. In that we push our own boundaries.

· The constant evolution seems to be another of the key aspects for the work in the street, how about this?

It is important to have a signature style, but the worst is to be a one trick pony. The street and abandoned places are perfect for experimenting and trying out things. For large murals we make a concept/ plan and work from that. In street work we experiment. Searching for a dialogue between a painting and the surroundings. We try minimal things, and more complex things. It is all part of one process. We will keep doing this. It keeps the work and your mind fresh. Working in public space is simply one of the aspects in our work. We are not typical street artists.

· We have seen that often you work inside the abandoned spaces, what is your relationship with these particular location?

First of all we love to visit abandoned spaces. Maybe 50% or more is about the adventure and sometimes finding interesting materials to use in our work. The places can be so beautiful that when you paint a very minimalistic piece there, that is all it needs. It makes for an interesting contract. Though minimal or complex, the paintings blend in with these architectural and industrial surroundings. The problem is that they are very hard to find in The Netherlands. We have a very small overpopulated country where every square metre is carefully planned. As soon as a place is being abandoned, there is a very short span of time to explore. It will be destroyed or developed quite shortly. Not like in belgium or eastern europe for example.

graphic-surgery-in-an-abandoned-factory-16

· Il processo appare essere uno delle componenti chiave degli artisti moderni, quale il vostro rapporto con esso e come vi relazionate con gli spazi e le superfici di lavoro differenti?

Noi lavoriamo attraverso differenti direzioni, esplorando varie tecniche. Ognuna di esse richiede un approccio ed un processo differente, ma è tutto connetto con ciò che noi vogliamo visualizzare. Noi siamo e saremo sempre pittori, ci piace applicare la vernice sulle pareti. Aldilà di questo, nei lavori in galleria c’è molto di più da esplorare. Non vogliamo unicamente essere pittori, è da quest’idea che spingiamo i nostri personali limiti.

· La costante evoluzione appare essere un altro aspetto chiave del lavoro in strada, cosa ne pensate?

È importante avere una cifra stilistica riconoscibile, ma è certamente peggio rimanere ancorati ad un unico concetto stilistico. La strada ed i luoghi abbandonati sono ambienti perfetti per sperimentare e provare a far uscire fuori nuove cose. Per i progetti di grande dimensione, facciamo un concept/piano e partiamo da questo. In strada invece sperimentiamo, cercando il dialogo tra la pittura e ciò che è presente intorno alla stessa, provando cose minimale e maggiormente complesse. Fa parte di un unico processo che pensiamo di portare avanti per mantenere il lavoro, e la mente, freschi. Lavorare nello spazio pubblico è semplicemente uno degli aspetti del nostro lavoro, noi non siamo degli street artists tipici.

· Vi abbiamo visto spesso lavorare all’interno degli spazi abbandonati, quale la vostra relazione con queste particolari location?

Prima di tutto ci piace visitare gli spazi abbandonati. Diciamo che al 50% c’è l’idea di un avventura o di trovare qualche materiale interessante da utilizzare per i lavori. Alcuni luoghi possono essere davvero così belli che basta unicamente dipingere un opera molto minimalistica, è tutto ciò che serve. Tuttavia, minimale o complesse che siano, le pittura si fondono con questi ambienti architettonici ed industriali. Il problema è che queste strutture sono difficili da trovare nei Paesi Bassi, si tratta di una nazione piccola a sovrappopolata in cui tutto quanto viene attentamente pianificato per ogni metro quadrato. Non appena un luogo viene abbandonato, c’è un brevissimo lasso di tempo per esplorare, verrà infattii distrutto o rimodernato in un brevissimo tempo, qualcosa di completamente differente rispetto a quanto accade in Belgio o in Europa orientale, ad esempio.

Graphic Surgery in-an-abandoned-factory-11

· Among the various works that you produced or painted, there is one in particular with which you are most linked or who that has left you a good memory?

Not one piece of art or painting. The most special ones are personal, because of the adventure. Spending time and exploring with artists friends like for instance Erosie, Late and Zime from eindhoven, Wood from Utrecht and many foreign friends, mostly from france and italy!

Yet the bauhaus wall we painted in Dresden for the Citybilder Festival in 2011 was our first really big mural, we learned a great deal, and had a great time as well.

· Tra le varie opere che avere realizzato o dipinto, ce n’è una in particolare a cui siete più legati o che vi ha lasciato un bel ricordo?

Si, non si tratta però di un opera o di una pittura. I più speciali sono personali, a causa dell’avventura che c’è dietro. Passare del tempo esplorando con amici artisti, come ad esempio Jeroen Erosie, Late e Zime da Eindhoven, Wood da Utrecht e molti amici anche dall’estero, per lo più provenienti da Francia e Italia!

Nonostante questo, certamente la parete dipinta a Dresden in occasione del Citybilder Festival del 2011. È stato il nostro primo intervento murale davvero grande, abbiamo imparato molto, e ci siamo trovati benissimo.

Graphic Surgery

· What should we expect from you in the coming months?

Many things going on: Mini Galerie showed new works of us, Boris Tellegen and Jeroen Erosie at Scope art fair in New York. We will paint an entire interior space in Amsterdam during a week’s project with Orpheu De Jong from Red Light Radio, curated by Converse. Working for a brand can be tricky but we get total artistic freedom, so that is why we really like the project. Looking forward to Altrove Festival in Italy alongside an amazing lineup of international artists. Currently we are creating large metal object for a client that is being finished at this very moment which we are very excited about. There is a group exhibition with many great dutch artists and wall painters at ACEC in Apeldoorn coming in may. Plus one collage at the Collage 2.0 group show at the Mini galerie. Besides that we do vinyl artwork for many releases of electronic music imprint Delsin from Amsterdam. Also cooking up things for the second part of the year.

· Thanks for your time guys! a final message for the readers of Gorgo?

Ciao bravi ragazzi! Thanks for reading, and thank you Gorgo for the support!

· Cosa dobbiamo aspettarci da voi nei prossimi mesi?

Molte cose in corso e verranno: Mini Galerie di Amsterdam ha mostrato le nostre opere, quelle di Boris Tellegen e Jeroen Erosie durante i giorni dello Scope Art Fair di New York. Faremo dipingere un intero spazio interno ad Amsterdam durante il progetto di una settimana con Orpheu De Jong di Red Light Radio, a cura di Converse. Lavorare ad esempio per un marchio può essere difficile, ma abbiamo ottenuto totale libertà artistica, motivo per il quale ci piace molto questo progetto. Saremo all’Altrove Festival di Catanzaro al fianco di una straordinaria gamma di artisti internazionali. Attualmente stiamo creando grande oggetto metallico per un cliente, lo stiamo completando in questo momento, e ne siamo molto entusiasti. Ci sarà una mostra collettiva con molti grandi artisti olandesi e muralisti presso l’ACEC ad Apeldoorn a Maggio. In più presenteremo un collage per la collettiva Collage 2.0 firmata sempre da Mini Galerie. Oltre a siamo al lavoro sugli artowrks delle copertine dei vinile dell’etichetta elettronica Delsin di Amsterdam. Tutto questo in attesa di nuovo sviluppi per la seconda parte dell’anno.

· Grazie per il Vostro tempo ragazzi! Un messaggio per i lettori di Gorgo?

Ciao bravi ragazzi! Thanks for reading, and thank you Gorgo for the support!

Graphic Surgery contra-at-mini-galerie-recap-03

2 Comments

  1. Pingback: Graphic Surgery for Faces&Laces in Moscow — GORGO Magazine

  2. Pingback: Graphic Surgery for The Jaunt Project — GORGO Magazine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *