Andreco – “Parata della Fine” at Centro Pecci in Prato

L’ultimo progetto/performance di Andreco, realizzato presso il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato durante i giorni di Carnevale.
Curato da Giada Pellicari e realizzato con il supporto di Traffic Grallery e Studio la Città, il progetto è stato pensato appositamente per il Centro Pecci. L’artista ha coinvolto attivamente la comunità locale attraverso una performance collettiva. Il pubblico è stato infatti invitato a vestirsi di nero ed a recarsi presso uno specifico punto di partenza, in cui sono state distribuite mappe ed alcune maschere appositamente realizzate dall’artista.
Sempre più a proprio agio con progetti di questa natura, Andreco presenta “Parata della Fine”. La performance è pensata come dialogo con i temi della mostra ‘La fine del mondo’, show aperto fino al 19 Marzo proprio all’interno del Centro Pecci.
Al tempo stesso il progetto vede ancora una volta l’autore Italiano riflettere sul complesso e turbolento rapporto tra uomo e natura. Quest’ultimo, già tema cardine dell’esperienza artistica di Andreco, diviene qui incipit per un nuovo omaggio alla stessa, sotto forma di parata altamente simbolica e molto vicina all’idea di rituale pagano.
“Parata della Fine” si riferisce in particolare all’Antropocene, anche detta Capitalocene, ovvero l’era geologica in cui viviamo. Andreco riflette su questo periodo, sull’essere umano, su come quest’ultimo stia sempre più compromettendo l’ecosistema fino alla sua distruzione.
In questo senso la performance vuole delineare una possibile fine del mondo. I cittadini, mossi da una consapevolezza e da un sentimento ecologista, portando con loro i simboli della geologia ferita (sintetizzati dallo stesso interprete) rendono omaggio alla natura con l’intento di risanare un rapporto ormai incrinato.
In alto potete dare un occhiata al video recap, dopo il salto invece un ampia serie di scatti con tutti i dettagli di quest’ultimo bel progetto. Dateci un occhiata!

Thanks to The Artist for The Pics

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *