GORGO

Alexis Diaz for Poliniza Dos Festival 2017 in Valencia

Nei giorni scorsi Alexis Diaz ha terminato il suo intervento per l’ultima edizione del Poliniza Dos Festival di Valencia.
Attraverso un processo minuzioso, le produzioni di Alexis Diaz risultano caratterizzate da una spiccata propensione e sensibilità al dettaglio. L’artista dà forma e sostanza ad incredibili mash-up all’interno dei quali si sviluppano forme e soggetti differenti in grado di suggerire una specifica narrativa.
Realizzato all’interno dell’Università Politecnia di Valencia, come da tradizione per la rassegna Spagnola, l’opera è una potente raffigurazione ispirata alla storia di San Giorgio e di Julia de Burgos. L’artista parte dalla comune accettazione della morte di entrambi per sviluppare una forte ibridazione tra la figura del santo e quella dell’importante poetessa ed attivista politica portoricana.
Julia de Burgos è infatti una figura importantissima per lo sviluppo culturale e dell’identità di Porto Rico. Interessata alla poesia fin da giovane, nella sue pubblicazioni l’autrice si è opposta ad ogni forma di classismo e sfruttamento dei lavoratori, ma soprattutto ha ricercato costantemente una identità per il proprio paese.
Ricchissima di dettagli, parte inferiore dell’opera vediamo una scritta calligrafica, realizzata da Nieves, che recita il titolo dell’intervento: “Dejarse vencer por la vida es peor que dejarse vencer por la muerte”.
Tutti i dettagli di quest’ultima pittura nella serie di scatti presente dopo il salto, dateci un occhiata e restate sintonizzati per nuovi aggiornamenti da Valencia e sul lavoro dell’autore Portoricano

Pics by The Artist

Alexis Diaz for Poliniza Dos Festival 2017 in Valencia

Nei giorni scorsi Alexis Diaz ha terminato il suo intervento per l’ultima edizione del Poliniza Dos Festival di Valencia.
Attraverso un processo minuzioso, le produzioni di Alexis Diaz risultano caratterizzate da una spiccata propensione e sensibilità al dettaglio. L’artista dà forma e sostanza ad incredibili mash-up all’interno dei quali si sviluppano forme e soggetti differenti in grado di suggerire una specifica narrativa.
Realizzato all’interno dell’Università Politecnia di Valencia, come da tradizione per la rassegna Spagnola, l’opera è una potente raffigurazione ispirata alla storia di San Giorgio e di Julia de Burgos. L’artista parte dalla comune accettazione della morte di entrambi per sviluppare una forte ibridazione tra la figura del santo e quella dell’importante poetessa ed attivista politica portoricana.
Julia de Burgos è infatti una figura importantissima per lo sviluppo culturale e dell’identità di Porto Rico. Interessata alla poesia fin da giovane, nella sue pubblicazioni l’autrice si è opposta ad ogni forma di classismo e sfruttamento dei lavoratori, ma soprattutto ha ricercato costantemente una identità per il proprio paese.
Ricchissima di dettagli, parte inferiore dell’opera vediamo una scritta calligrafica, realizzata da Nieves, che recita il titolo dell’intervento: “Dejarse vencer por la vida es peor que dejarse vencer por la muerte”.
Tutti i dettagli di quest’ultima pittura nella serie di scatti presente dopo il salto, dateci un occhiata e restate sintonizzati per nuovi aggiornamenti da Valencia e sul lavoro dell’autore Portoricano

Pics by The Artist