fbpx
GORGO

Il murale di AEC Interesni Kazki a Querétaro in Messico

Prosegue il tour Messicano di AEC degli Interesni Kazki, l’artista Ucraino ha recentemente realizzato una grande pittura Querétaro come parte dei lavori per il progetto Macromurales.
Intitolata “Year 1531 AD” l’opera è una personale reinterpretazione degli eventi accaduti nel 1531 quando i conquistadores spagnoli arrivarono su queste terre e incontrarono gli Otomi.
Secondo la leggenda gli Otomi accettarono di combattere senza armi per decidere il padrone di queste terre. Durante i lunghi combattimenti erano vicini alla vittoria quando il cielo all’improvviso si fece buio e un cavaliere scese dal cielo con una croce di fuoco decretando la sconfitta del popolo indigeno spaventato dall’eclissi di sole.
Come gli Spagnoli sapessero dell’eclissi rimane tutt’ora un mistero, ma è interessante notare come il cavaliere della leggenda sia in realtà il patrono dei conquistatori: l’apostolo di San Giacomo il Maggiore. Conosciuto anche come Il Moro, protettore degli spagnoli durante la reconquista di Spagna e Portogallo, secondo la leggenda San Giacomo nelle vesti di Santiago Matamoros (Ammazza-mori) e in sella a un cavallo bianco aiutò l’esercito asturiano contro le truppe islamiche durante la battaglia di Clavijo del 844.

Photo Credit: The Artist

Il murale di AEC Interesni Kazki a Querétaro in Messico

Prosegue il tour Messicano di AEC degli Interesni Kazki, l’artista Ucraino ha recentemente realizzato una grande pittura Querétaro come parte dei lavori per il progetto Macromurales.
Intitolata “Year 1531 AD” l’opera è una personale reinterpretazione degli eventi accaduti nel 1531 quando i conquistadores spagnoli arrivarono su queste terre e incontrarono gli Otomi.
Secondo la leggenda gli Otomi accettarono di combattere senza armi per decidere il padrone di queste terre. Durante i lunghi combattimenti erano vicini alla vittoria quando il cielo all’improvviso si fece buio e un cavaliere scese dal cielo con una croce di fuoco decretando la sconfitta del popolo indigeno spaventato dall’eclissi di sole.
Come gli Spagnoli sapessero dell’eclissi rimane tutt’ora un mistero, ma è interessante notare come il cavaliere della leggenda sia in realtà il patrono dei conquistatori: l’apostolo di San Giacomo il Maggiore. Conosciuto anche come Il Moro, protettore degli spagnoli durante la reconquista di Spagna e Portogallo, secondo la leggenda San Giacomo nelle vesti di Santiago Matamoros (Ammazza-mori) e in sella a un cavallo bianco aiutò l’esercito asturiano contro le truppe islamiche durante la battaglia di Clavijo del 844.

Photo Credit: The Artist