fbpx
GORGO

ABSTRACTA: Un secolo di pittura astratta italiana al Museo Gagliardi di Noto

Il Museo Gagliardi di Noto ospita in questi giorni ABSTRACTA, una mostra collettiva che ripercorre un secolo di pittura astratta italiana partendo dai precursori del Futurismo fino alle ultime sperimentazioni legate al nuovo muralismo.

La mostra, aperta lo scorso 15 Giugno e curata da Giuseppe Stagnitta, Giancarlo Carpi e Raffaella Bozzini, è inserita all’interno della programmazione dell’Emergence Festival vede gli artisti storici italiani dialogare con le opere dei contemporanei all’interno di un percorso immersivo e variegato.
La cornice di Palazzo Trigona, dimora del neonato Museo Gagliardi, un nuovo spazio espositivo della città totalmente dedicato all’arte contemporanea, ospita oltre 70 opere provenienti da fondazioni, gallerie, archivi e collezioni private.
La mostra descrive e guida lo spettatore nell’evoluzione dell’astrattismo italiano partendo dai primi esperimenti di Giacomo Balla e arrivando alle ricerche astratte di alcuni dei nomi più importanti legati alla scena urbana del nostro paese.

La collettiva sarà visibile fino al prossimo 30 Settembre e ospita le opere di: Balla, Depero, Evola, Prampolini, Ciacelli, Dottori, Radice, Rho, Reggiani, Soldati, Badiali, Magnelli, Melotti, Bertini, Biglione, Bogliardi, Bordoni, Galvano, Nigro, Pantaleoni, Pecciarini, Leppien, Parisot, Regina, Di Salvatore, Bozzola, Dorazio, Accardi, Perilli, Turcato, Sanfilippo, Fontana, Crippa, Cagli, Ruggieri, Capogrossi, Afro, Biggi, Verna, Cossyro, Leinardi, Catani, Hafif, Alviani, Biasi, Varisco, Nido, Pan, Montanino, Parres, fino ad arrivare al lavoro di 108, 2501, Alberonero, Bros, CT, Etnik, GUE, Moneyless, Salvo Ligama, Sten & Lex e Tellas.

Museo Gagliardi di Noto c/o Palazzo Trigona
Via Camillo Benso Conte di Cavour 95
96017 Noto

ABSTRACTA: Un secolo di pittura astratta italiana al Museo Gagliardi di Noto

Il Museo Gagliardi di Noto ospita in questi giorni ABSTRACTA, una mostra collettiva che ripercorre un secolo di pittura astratta italiana partendo dai precursori del Futurismo fino alle ultime sperimentazioni legate al nuovo muralismo.

La mostra, aperta lo scorso 15 Giugno e curata da Giuseppe Stagnitta, Giancarlo Carpi e Raffaella Bozzini, è inserita all’interno della programmazione dell’Emergence Festival vede gli artisti storici italiani dialogare con le opere dei contemporanei all’interno di un percorso immersivo e variegato.
La cornice di Palazzo Trigona, dimora del neonato Museo Gagliardi, un nuovo spazio espositivo della città totalmente dedicato all’arte contemporanea, ospita oltre 70 opere provenienti da fondazioni, gallerie, archivi e collezioni private.
La mostra descrive e guida lo spettatore nell’evoluzione dell’astrattismo italiano partendo dai primi esperimenti di Giacomo Balla e arrivando alle ricerche astratte di alcuni dei nomi più importanti legati alla scena urbana del nostro paese.

La collettiva sarà visibile fino al prossimo 30 Settembre e ospita le opere di: Balla, Depero, Evola, Prampolini, Ciacelli, Dottori, Radice, Rho, Reggiani, Soldati, Badiali, Magnelli, Melotti, Bertini, Biglione, Bogliardi, Bordoni, Galvano, Nigro, Pantaleoni, Pecciarini, Leppien, Parisot, Regina, Di Salvatore, Bozzola, Dorazio, Accardi, Perilli, Turcato, Sanfilippo, Fontana, Crippa, Cagli, Ruggieri, Capogrossi, Afro, Biggi, Verna, Cossyro, Leinardi, Catani, Hafif, Alviani, Biasi, Varisco, Nido, Pan, Montanino, Parres, fino ad arrivare al lavoro di 108, 2501, Alberonero, Bros, CT, Etnik, GUE, Moneyless, Salvo Ligama, Sten & Lex e Tellas.

Museo Gagliardi di Noto c/o Palazzo Trigona
Via Camillo Benso Conte di Cavour 95
96017 Noto