fbpx
GORGO

Aakash Nihalani – New Mural in Rome

Come annunciatovi il grande Aakash Nihalani si trova a Roma per aprire la sua prima mostra in Italia “Vantage” all’interno degli spazi della bella Wunderkammern Gallery di Roma, in occasione proprio dello show l’interprete si è lanciato in un nuovo intervento in strada.
Come abbiamo avuto modo di vedere più volte Aakash Nihalani poggia le basi del suo solido lavoro su una forte caratterizzazione visiva, nell’idea dell’artista risiede infatti la volontà di andare a trasformare quelle che sono le percezioni visivi, architettoniche e dimensionali dello spazio urbano attraverso i suoi peculiari interventi. Utilizzando unicamente il nastro adesivo iper colorato l’artista va a costruire una serie di figure isometriche che inondano lo spazio andando a ribaltarne la percezione collettiva, gioca con la terza dimensione il newyorkese sperimentando forme, geometrie e soluzioni differenti atte ad alimentare anzitutto una forte interattività con lo spettatore, che si ritrova di fatto catapultato all’interno delle suggestività elaborate, ed a celare la vera natura degli spazi cambiandone completamente i connotato od interagendo con gli stessi. Il dialogo costante con la strada fa si che l’artista vada a servirsi delle sue stesse peculiarità architettoniche per alimentare gli effetti surreali del suo stesso operato, nascono così intricate figure che giocano con la profondità, con la tridimensionalità, per una immersione profonda e variegata alimentata dai suoi stessi effetti ottici. Se il nastro adesivo per anni a caratterizzato il lavoro dell’interprete, nei suoi ultimi lavori sta emergendo con sempre più intensità la scelta di affidarsi a forme e figure di cartone per portare avanti la personale ricerca visiva ed architettonica, questo nuovo strumento di lavoro permette all’interprete di andare ad interagire ed a cambiare con maggiore efficacia gli elementi urbani, le opere si trasformano in vere e propri installazioni. Il carattere geometrico unito alla scelta di lavorare su un piano visivo unicamente piatto, viene sfruttato per l’elaborazione di forme e configurazioni semplici che vanno a porsi in contrasto con la prospettiva scelta invogliando chi osserva a giocare con le sue finzioni ed a calarcisi al loro interno. E’ interessante notare come l’artista stia inoltre intensificando il proprio rapporto con la pittura, mantenendo infatti inalterate le prerogative del proprio lavoro, l’interprete sta mano a mano portando avanti un percorso analogo dove va a creare dei veri e propri break visivi dove anzitutto è possibile notare la scelta di tinte e colori piuttosto accesi dove, quasi a sottolinearne la presenza, vediamo le pareti letteralmente scavate e trasformante nel loro interno. L’idea è quindi quella di uno studio sulle profondità della superficie che viene trasformata e combinata, si fanno spazio colori sgargianti, una spaccatura all’interno del tessuto urbano che porta con se i consueti effetti dimensionali, stupendo ed affascinando chi ci capita di fronte.
Proprio quest’ultimo intervento nella capitale raccoglie a piene mani il percorso pittorico di Aakash Nihalani, su questa grande parete l’artista va infatti a lavorare trasformando lo spazio, l’opera finale si erge grazie ad un verde vivo, che rappresenta le interiora della parete, e dalle forme che ne delimitano lo spazio che ci offrono il peculiare effetto tridimensionale per un risultato finale da rimanerci a bocca aperta.
In attesa di mostrarvi attraverso il consueto ed ampio recap tutte le immagini dell’allestimento proposto dall’artista per la sua ultima fatica, ripercorriamo assieme gli istanti di creazione di questo suo ultimo lavoro fino allo splendido risultato finale, è tutto dopo il salto, dateci un occhiata siamo certi che anche voi come noi non mancherete di apprezzare.

Pics by Giorgio Coen Cagli

Aakash Nihalani – New Mural in Rome

Come annunciatovi il grande Aakash Nihalani si trova a Roma per aprire la sua prima mostra in Italia “Vantage” all’interno degli spazi della bella Wunderkammern Gallery di Roma, in occasione proprio dello show l’interprete si è lanciato in un nuovo intervento in strada.
Come abbiamo avuto modo di vedere più volte Aakash Nihalani poggia le basi del suo solido lavoro su una forte caratterizzazione visiva, nell’idea dell’artista risiede infatti la volontà di andare a trasformare quelle che sono le percezioni visivi, architettoniche e dimensionali dello spazio urbano attraverso i suoi peculiari interventi. Utilizzando unicamente il nastro adesivo iper colorato l’artista va a costruire una serie di figure isometriche che inondano lo spazio andando a ribaltarne la percezione collettiva, gioca con la terza dimensione il newyorkese sperimentando forme, geometrie e soluzioni differenti atte ad alimentare anzitutto una forte interattività con lo spettatore, che si ritrova di fatto catapultato all’interno delle suggestività elaborate, ed a celare la vera natura degli spazi cambiandone completamente i connotato od interagendo con gli stessi. Il dialogo costante con la strada fa si che l’artista vada a servirsi delle sue stesse peculiarità architettoniche per alimentare gli effetti surreali del suo stesso operato, nascono così intricate figure che giocano con la profondità, con la tridimensionalità, per una immersione profonda e variegata alimentata dai suoi stessi effetti ottici. Se il nastro adesivo per anni a caratterizzato il lavoro dell’interprete, nei suoi ultimi lavori sta emergendo con sempre più intensità la scelta di affidarsi a forme e figure di cartone per portare avanti la personale ricerca visiva ed architettonica, questo nuovo strumento di lavoro permette all’interprete di andare ad interagire ed a cambiare con maggiore efficacia gli elementi urbani, le opere si trasformano in vere e propri installazioni. Il carattere geometrico unito alla scelta di lavorare su un piano visivo unicamente piatto, viene sfruttato per l’elaborazione di forme e configurazioni semplici che vanno a porsi in contrasto con la prospettiva scelta invogliando chi osserva a giocare con le sue finzioni ed a calarcisi al loro interno. E’ interessante notare come l’artista stia inoltre intensificando il proprio rapporto con la pittura, mantenendo infatti inalterate le prerogative del proprio lavoro, l’interprete sta mano a mano portando avanti un percorso analogo dove va a creare dei veri e propri break visivi dove anzitutto è possibile notare la scelta di tinte e colori piuttosto accesi dove, quasi a sottolinearne la presenza, vediamo le pareti letteralmente scavate e trasformante nel loro interno. L’idea è quindi quella di uno studio sulle profondità della superficie che viene trasformata e combinata, si fanno spazio colori sgargianti, una spaccatura all’interno del tessuto urbano che porta con se i consueti effetti dimensionali, stupendo ed affascinando chi ci capita di fronte.
Proprio quest’ultimo intervento nella capitale raccoglie a piene mani il percorso pittorico di Aakash Nihalani, su questa grande parete l’artista va infatti a lavorare trasformando lo spazio, l’opera finale si erge grazie ad un verde vivo, che rappresenta le interiora della parete, e dalle forme che ne delimitano lo spazio che ci offrono il peculiare effetto tridimensionale per un risultato finale da rimanerci a bocca aperta.
In attesa di mostrarvi attraverso il consueto ed ampio recap tutte le immagini dell’allestimento proposto dall’artista per la sua ultima fatica, ripercorriamo assieme gli istanti di creazione di questo suo ultimo lavoro fino allo splendido risultato finale, è tutto dopo il salto, dateci un occhiata siamo certi che anche voi come noi non mancherete di apprezzare.

Pics by Giorgio Coen Cagli