fbpx
GORGO

Aakash Nihalani x Know Hope – “Uncornered” in Brooklyn

A distanza di tempo torniamo ad approfondire il lavoro di Aakash Nihalani, l’artista newyorkese torna infatti al lavoro con un nuovo intervento che segna la collaborazione con il grande Know Hope, i due uniscono i personali istinti visivi per dare vita ad un lavoro riuscitissimo.
Aakash Nihalani è ben noto per il peculiare approccio in strada che lo vede portare a compimento grandi o piccole figure, si tratta di vere e propri installazioni isometriche vanno ad interagire con gli spazi ed il paesaggio cambiandone completamente la fisionomia finale, attraverso i propri interventi l’interprete trasforma completamente la profondità e la dimensione del panorama attraverso la creazione di effetti ottici tutti realizzati servendosi unicamente del nastro adesivo e dei cartoni come unici strumenti di lavoro. Il nastro adesivo negli anni ha rappresentato il vero marchio di fabbrica delle opere dell’interprete, attraverso un utilizzo di colori sgargianti, l’artista andava a creare figure ed inganni ipnotici che, tra lo stupore e meraviglia di chi ci si imbatteva, facevano emergere una profonda ricerca visiva ed architettonica degli spazi cittadini. A distanza di anni l’artista a proseguito la propria personale visione avvicendandosi anche con altri strumenti, in particolere il cartone che rappresenta in questo particolare momento, l’elemento in più delle sue produzioni. Il fattore geometrico, il piano visivo rigorosamente piatto, vengono mobilitati da forme e figure semplici che vengono poste a contrasto con la prospettiva proposta negli interventi, attraverso gli stessi Aakash Nihalani esplora tutte e tre le dimensioni, invoglia l’interazione con lo spettatore offrendogli l’opportunità di giocare con il proprio operato.
Dal canto suo Know Hope, attraverso la sua particolare e personale dialettica visiva e testuale, ha sempre avuto per noi un certo fasciano, spingendoci verso sensazioni e riflessioni profonde, e avvicinandoci ad una visione fortemente poetica, che è senza ombra di dubbio una delle spinte maggiori all’interno dei suoi lavori. Emblematica è la capacità di interagire con gli spazi ma soprattutto il suo entrare in contatto con le persone, con i loro sentimenti, stimolandone emozioni e riflessioni, il tratto è piuttosto pulito e viene sostenuto da tematiche e spunti sempre piuttosto impegnati che vanno a toccare tasti delicati spingendo chi ha l’opportunità di vedere i suoi a lavori a porsi dubbi e domande. Tutte le produzioni dell’artista vengono sospinte dai suoi caratteristici characters, sia per la parte istallativa, realizzata attraverso materiali di recupero, oppure sugli interventi su parete, le produzioni vengono accompagnate da frasi od un breve testo, quasi a decretarne la chiave di lettura ed alimentando i toni poetici e sensibili di una produzione assolutamente viva.
L’incontro tra queste due realtà così differenti scaturisce un lavoro che unisce la poesia dell’artista Israeliano con l’impatto visivo di Aakash Nihalani, restituendoci un intervento assolutamente unico, splendido.

Pics via Unurth

Aakash Nihalani x Know Hope – “Uncornered” in Brooklyn

A distanza di tempo torniamo ad approfondire il lavoro di Aakash Nihalani, l’artista newyorkese torna infatti al lavoro con un nuovo intervento che segna la collaborazione con il grande Know Hope, i due uniscono i personali istinti visivi per dare vita ad un lavoro riuscitissimo.
Aakash Nihalani è ben noto per il peculiare approccio in strada che lo vede portare a compimento grandi o piccole figure, si tratta di vere e propri installazioni isometriche vanno ad interagire con gli spazi ed il paesaggio cambiandone completamente la fisionomia finale, attraverso i propri interventi l’interprete trasforma completamente la profondità e la dimensione del panorama attraverso la creazione di effetti ottici tutti realizzati servendosi unicamente del nastro adesivo e dei cartoni come unici strumenti di lavoro. Il nastro adesivo negli anni ha rappresentato il vero marchio di fabbrica delle opere dell’interprete, attraverso un utilizzo di colori sgargianti, l’artista andava a creare figure ed inganni ipnotici che, tra lo stupore e meraviglia di chi ci si imbatteva, facevano emergere una profonda ricerca visiva ed architettonica degli spazi cittadini. A distanza di anni l’artista a proseguito la propria personale visione avvicendandosi anche con altri strumenti, in particolere il cartone che rappresenta in questo particolare momento, l’elemento in più delle sue produzioni. Il fattore geometrico, il piano visivo rigorosamente piatto, vengono mobilitati da forme e figure semplici che vengono poste a contrasto con la prospettiva proposta negli interventi, attraverso gli stessi Aakash Nihalani esplora tutte e tre le dimensioni, invoglia l’interazione con lo spettatore offrendogli l’opportunità di giocare con il proprio operato.
Dal canto suo Know Hope, attraverso la sua particolare e personale dialettica visiva e testuale, ha sempre avuto per noi un certo fasciano, spingendoci verso sensazioni e riflessioni profonde, e avvicinandoci ad una visione fortemente poetica, che è senza ombra di dubbio una delle spinte maggiori all’interno dei suoi lavori. Emblematica è la capacità di interagire con gli spazi ma soprattutto il suo entrare in contatto con le persone, con i loro sentimenti, stimolandone emozioni e riflessioni, il tratto è piuttosto pulito e viene sostenuto da tematiche e spunti sempre piuttosto impegnati che vanno a toccare tasti delicati spingendo chi ha l’opportunità di vedere i suoi a lavori a porsi dubbi e domande. Tutte le produzioni dell’artista vengono sospinte dai suoi caratteristici characters, sia per la parte istallativa, realizzata attraverso materiali di recupero, oppure sugli interventi su parete, le produzioni vengono accompagnate da frasi od un breve testo, quasi a decretarne la chiave di lettura ed alimentando i toni poetici e sensibili di una produzione assolutamente viva.
L’incontro tra queste due realtà così differenti scaturisce un lavoro che unisce la poesia dell’artista Israeliano con l’impatto visivo di Aakash Nihalani, restituendoci un intervento assolutamente unico, splendido.

Pics via Unurth