fbpx
GORGO

3ttman – New Mural at Relazioni Festival

Proseguiamo il nostro viaggio all’interno del bel Relazioni Festival di Rosarno, la rassegna ha chiuso le porta da un po’ di giorni e noi vi stiamo mostrando l’operato degli artisti presenti in questa ricca edizione, è il turno di 3ttman.
Siamo rimasti piacevolmente colpiti ed interessati dal lavoro di 3ttman, il grande artista sviluppa attraverso l’inserimento di grandi configurazione di colore le forme e le silhouette dei propri personaggi, l’uso intensivo di colore al servizio di una sequenza interminabile di personaggi sopra le righe rappresentano l’ inconfondibile e principale fulcro visivo. Le opere dell’interprete vengono sviluppata attraverso un imaginario proprio, il movimento dei character proposti viene alimentato dalle tonalità, mai casuale la scelta, gli intermezzi cromatici alimentano la sensazione non di grandi macchie ma piuttosto di una grande e multi sfaccettata creazione che cela al proprio interno una moltitudine di spunti. L’artista però oltre ad impegnarsi su grandi superficie, parallelamente porta avanti progetti di natura più minuti, piccoli elaborati e pitture realizzate attraverso un utilizzo non convenzionale del cemento, le opere prendono così una dimensione fisica e tangibile, abbracciando di fatto le tre dimensioni.
Proprio quest’ultimo filone viene abbracciato dall’artista per il suo intervento all’interno del Festival, 3ttman prende possesso di questa porzione di muro disegnando prima una vago bozzetto per poi andare ad inserire la colata di cemento che viene poi incisa con il disegno desiderato per poi infine essere colorata. Un lavoro decisamente minuzioso e dettagliato che rivela tutta capacità dell’artista, stimolate vedere poi come la figura prende l’aspetto di un vero e proprio arazzo, dove all’interno si scatenano i divertenti personaggi dell’interprete, animali surreali e uomini mostro che assomigliano al parto dell’immaginario di un bambino dove colore e forme imprecise regnano sovrani.
Più di altre volte è interessante vedere il processo produttivo di un opera così intensa, ecco perché vi lasciamo in compagnia di una bella serie di scatti con l’artista all’opere e con l’eccellente risultato finale, ma restate sintonizzati presto nuovi aggiornamenti.

Thanks to The Festival for The Pics
Pics by Danilo Muratore

3ttman – New Mural at Relazioni Festival

Proseguiamo il nostro viaggio all’interno del bel Relazioni Festival di Rosarno, la rassegna ha chiuso le porta da un po’ di giorni e noi vi stiamo mostrando l’operato degli artisti presenti in questa ricca edizione, è il turno di 3ttman.
Siamo rimasti piacevolmente colpiti ed interessati dal lavoro di 3ttman, il grande artista sviluppa attraverso l’inserimento di grandi configurazione di colore le forme e le silhouette dei propri personaggi, l’uso intensivo di colore al servizio di una sequenza interminabile di personaggi sopra le righe rappresentano l’ inconfondibile e principale fulcro visivo. Le opere dell’interprete vengono sviluppata attraverso un imaginario proprio, il movimento dei character proposti viene alimentato dalle tonalità, mai casuale la scelta, gli intermezzi cromatici alimentano la sensazione non di grandi macchie ma piuttosto di una grande e multi sfaccettata creazione che cela al proprio interno una moltitudine di spunti. L’artista però oltre ad impegnarsi su grandi superficie, parallelamente porta avanti progetti di natura più minuti, piccoli elaborati e pitture realizzate attraverso un utilizzo non convenzionale del cemento, le opere prendono così una dimensione fisica e tangibile, abbracciando di fatto le tre dimensioni.
Proprio quest’ultimo filone viene abbracciato dall’artista per il suo intervento all’interno del Festival, 3ttman prende possesso di questa porzione di muro disegnando prima una vago bozzetto per poi andare ad inserire la colata di cemento che viene poi incisa con il disegno desiderato per poi infine essere colorata. Un lavoro decisamente minuzioso e dettagliato che rivela tutta capacità dell’artista, stimolate vedere poi come la figura prende l’aspetto di un vero e proprio arazzo, dove all’interno si scatenano i divertenti personaggi dell’interprete, animali surreali e uomini mostro che assomigliano al parto dell’immaginario di un bambino dove colore e forme imprecise regnano sovrani.
Più di altre volte è interessante vedere il processo produttivo di un opera così intensa, ecco perché vi lasciamo in compagnia di una bella serie di scatti con l’artista all’opere e con l’eccellente risultato finale, ma restate sintonizzati presto nuovi aggiornamenti.

Thanks to The Festival for The Pics
Pics by Danilo Muratore