fbpx
GORGO

2501 – Glimpse of America Project (Chicago)

Esagerato 2501! il grande artista prosegue il suo viaggio per Glimpse of America Project, di tappa a Chicago, l’autore Italiano ha da poco terminato di realizzare una nuova e potente pittura sulla facciata esterna di questo grande edificio.
Dopo Detroit ecco che l’artista si è spostato a Chicago dove, con l’organizzazione della Vertical Gallery e del Wabash Arts Corridor per il loro “Living Urban Canvas”, ha avuto modo di realizzare questa nuova e grande pittura.
Stiamo seguendo 2501 in giro per gli Stati Uniti nell’ambito del suo ultimo progetto artistico. Si tratta di un viaggio che vedrà l’interprete dal 15 di Giugno fino al 24 di Luglio spostarsi rapidamente per alcune delle città più importanti degli States. Realizzata in collaborazione con All City Canvas, l’impresa vede l’autore riflettere sugli aspetti contraddittori e differenti che scandiscono la relazione tra spazio collettivo e la vita dell’essere umano. La capacità di quest’ultimo di adattarsi, di trasformarsi all’interno dell’ambiente.
In questo senso le particolarità architettoniche e paesaggistiche degli USA, rappresentano l’ideale canale comunicativo di una riflessione di questo genere, con i suoi cittadini sempre più adattati ai continui cambiamenti che scuotono il loro ambiente di vita, animato e vivo. Elemento cardine dell’esperienza è la volontà dell’artista di sottolineare, attraverso le personalissime pittura, come la città ed il territorio rappresentino una sorta di organismo vivente, un vero e proprio labirinto immerso nello spazio e nel tempo, con cui confrontarsi giorno dopo giorno. Ancora una volta, l’artista si sposterà continuamente producendo una serie di opere differenti, sperimentando costantemente nuova soluzioni estetiche direttamente interconnesse con ciò che percepisci in base ai differenti ambienti che andrà a visitare. Nuovo universi, sensazioni e stimoli pittorici, nuovi strumenti, superfici e visioni in grado di definire una città in costantemente movimento e trasformazione.
Questa sua ultima fatica vede 2501 confrontarsi con una grande parete e proiettare all’interno della stessa forme, elementi e figure differenti. Ancora una volta è la linea e la sua capacità di tracciare e dare forma e sostanza all’immaginario dell’autore attraverso il consueto binomio cromatico, a scandire l’intero intervento. L’interazione rimarcata, con le particolarità architettoniche, la tonalità della parete, divengono parte attiva dell’opera e tracciano, in simbiosi con la pittura, una nuova e potente rappresentazione emotiva. Pollice in su!
Ad accompagnare le nostre parole una ricca dose di immagini con tutti i dettagli e le vedute di quest’ultima fatica, un bel video recap, mettetevi quindi comodi e dateci un occhiata. Nei prossimi giorni proseguirà il viaggio dell’artista per l’America, perciò, restate sintonizzati qui sul Gorgo!

2501 – Glimpse of America Project (Chicago)

Esagerato 2501! il grande artista prosegue il suo viaggio per Glimpse of America Project, di tappa a Chicago, l’autore Italiano ha da poco terminato di realizzare una nuova e potente pittura sulla facciata esterna di questo grande edificio.
Dopo Detroit ecco che l’artista si è spostato a Chicago dove, con l’organizzazione della Vertical Gallery e del Wabash Arts Corridor per il loro “Living Urban Canvas”, ha avuto modo di realizzare questa nuova e grande pittura.
Stiamo seguendo 2501 in giro per gli Stati Uniti nell’ambito del suo ultimo progetto artistico. Si tratta di un viaggio che vedrà l’interprete dal 15 di Giugno fino al 24 di Luglio spostarsi rapidamente per alcune delle città più importanti degli States. Realizzata in collaborazione con All City Canvas, l’impresa vede l’autore riflettere sugli aspetti contraddittori e differenti che scandiscono la relazione tra spazio collettivo e la vita dell’essere umano. La capacità di quest’ultimo di adattarsi, di trasformarsi all’interno dell’ambiente.
In questo senso le particolarità architettoniche e paesaggistiche degli USA, rappresentano l’ideale canale comunicativo di una riflessione di questo genere, con i suoi cittadini sempre più adattati ai continui cambiamenti che scuotono il loro ambiente di vita, animato e vivo. Elemento cardine dell’esperienza è la volontà dell’artista di sottolineare, attraverso le personalissime pittura, come la città ed il territorio rappresentino una sorta di organismo vivente, un vero e proprio labirinto immerso nello spazio e nel tempo, con cui confrontarsi giorno dopo giorno. Ancora una volta, l’artista si sposterà continuamente producendo una serie di opere differenti, sperimentando costantemente nuova soluzioni estetiche direttamente interconnesse con ciò che percepisci in base ai differenti ambienti che andrà a visitare. Nuovo universi, sensazioni e stimoli pittorici, nuovi strumenti, superfici e visioni in grado di definire una città in costantemente movimento e trasformazione.
Questa sua ultima fatica vede 2501 confrontarsi con una grande parete e proiettare all’interno della stessa forme, elementi e figure differenti. Ancora una volta è la linea e la sua capacità di tracciare e dare forma e sostanza all’immaginario dell’autore attraverso il consueto binomio cromatico, a scandire l’intero intervento. L’interazione rimarcata, con le particolarità architettoniche, la tonalità della parete, divengono parte attiva dell’opera e tracciano, in simbiosi con la pittura, una nuova e potente rappresentazione emotiva. Pollice in su!
Ad accompagnare le nostre parole una ricca dose di immagini con tutti i dettagli e le vedute di quest’ultima fatica, un bel video recap, mettetevi quindi comodi e dateci un occhiata. Nei prossimi giorni proseguirà il viaggio dell’artista per l’America, perciò, restate sintonizzati qui sul Gorgo!