fbpx
GORGO

Archive for gennaio, 2013

/A Word of Art Gallery “Ways of Seeing” Exhibition | Recap

31/01/2013

A-World-of-Art-Gallery-Ways-of-Seeing-Exhibition-01

Dopo avervi mostrato passo per passo tutti gli spostamenti e le opere degli artisti partecipanti ad Acrylic Walls, è arrivato il momento di concludere in bellezza con le immagini della splendida “Ways of Seeing”.
Gli spazi dello galleria/studio /A Word of Art nel corso del bel progetto organizzato da Freddy Sam, hanno ospitato i lavori dei tre big chiamati, Gaia, JAZ e Know Hope hanno avuto così un base operativa dove poter sperimentare e dalla quale poter partire per dipingere in strada. E’ proprio il frutto di un intero mese in Sudafrica il corpo della mostra, con opere originali dei tre grandi artisti e quelle dello stesso Freddy Sam, e c’è veramente di tutto, si passa da tele, a disegni fino ad arrivare alle incredibili installazione con legno, un ricco immaginario partorito da un esperienza nuova e che ci ha profondamente colpito.
Per mostrarvi al meglio quanto di buono proposto dopo il salto trovate un ampissima galleria con tutte le immagini della splendida mostra, gustatevele.

/A Word of Art Gallery
66 Albert Road, Woodstock,
Cape Town, ZA.

Pics by Matt Ginsburg
Via The Gallery

A-World-of-Art-Gallery-Ways-of-Seeing-Exhibition-26

Tellas – “Diary (april-august 2012)” Presentation Video Recap

31/01/2013

Tellas-Diary-april-august-2012-New-Zine-02

Continuiamo a parlare della bella pubblicazione di Tellas Diary (april-august 2012) , la zine, totalmente autoprodotta, è stata pensata come una raccolta di sketch, disegni, pensieri ed idee dell’artista che ha poi provveduto a stampare il tutto su 30 pagine di carta riciclata in formato A5.
La presentazione ufficiale di tutto il materiale è avvenuto all’interno di KATO in Polonia, uno spazio dedito all’arte in tutte le sue forme ma anche locale e luogo di ritrovo per la gente di Katowice, in Polonia e continuerà fino al 14 di Febbraio.
Così mentre ci avviciniamo all’edizione di quest’anno del Katowice Street Art Festival, i ragazzi di KATO fa uscire questo bel video recap della presentazione, con la possibilità di dare uno sguardo più da vicino alla pubblicazione.
Enjoy It.

JADE – “Desorden” New Illustration Available

31/01/2013

JADE-Desorden-New-Illustration-Available-01

Uno dei nostri artisti preferiti JADE, l’artista sudamericano dopo l’ultimo bellissimo pezzo El Cielo al Revés dipinto nei giorni scorsi nella sua Chorillos a Lima, continua il proprio lavoro alternando sessioni in studio a splendidi lavori in strada.
L’artista ha da poco fatto uscire una nuova spettacolare illustrazione intitolata “Desorden” dove vediamo uno dei suoi canonici personaggi completamente scombinato con occhi, naso, orecchie e bocca completamente in disordine.
Come sempre tutte le creazioni di JADE sono disponibili per l’acquisto, basta contattare direttamente l’artista qui.

Pics by The Artist

JADE-Desorden-New-Illustration-Available-02

Aryz – “Abandoned Spaces” New Mural in Catalunya

31/01/2013

aryz-abandoned-spaces-new-mural-in-catalunya-01

Variando di forma, dimensioni e superficie per i suoi lavori, lo spagnolo Aryz ci lascia sempre con la curiosità di scoprire cosa e come andrà a colpire la prossima volta. A distanza dalla bella serie di camion trattati dall’artista (qui), ecco che scopriamo con molto piacere un nuovo lavoro su muro.
Con “Abandoned Spaces” Aryz torna così a dipingere frutta e natura morta, il suo personalissimo stile tra ombre, riflessi e giochi di trasparenza, ben si amalgama con la tipologia di opera proposta con un risultato finale esaltante.
Sembra che il pezzo sia stato dipinto all’interno di una vecchia fabbrica in Catalogna ma tornate a trovarci per altri aggiornamenti dello street artist spagnolo.

Pics by The Artist

aryz-abandoned-spaces-new-mural-in-catalunya-02

C215 – New Amazing Pieces in London

31/01/2013

c215-new-pieces-in-london-01

Uno scatenato C215 (Interview) atterra in Inghilterra dove si è dato seriamente da fare per le strade Londra con una serie di incredibili lavori.
Tra vecchie glorie riproposte con superfici e colorazioni diverse, i nuovi stencil si fanno notare per un uso ancora più dinamico delle colorazioni, con effetti speciali che vi lasceranno letteralmente di sasso.
Al centro della scena come sempre sua figlia Nina, ma anche alcuni ritratti di gatti e persone in generale, dopo il salto tutti i dettagli nell’ampia gallery, tornate a trovarci per nuovi aggiornamenti by C215.

Pics by The Artist

c215-new-pieces-in-london-02

Gaia – “Revisionisme uit te vee” Mural Cancelled in Cape Town

31/01/2013

gaia-revisionisme-uit-te-vee-mural-cancelled-in-cape-town-02

E’ sempre spiacevole assistere a scene come questa, nei suoi ultimi giorni di permanenza in Sud Africa Gaia ha avuto modo di sperimentare su se stesso cosa succede a dipingere qualcosa che non và molto a genio ai locali.
L’artista statunitense alcuni giorni fa aveva dipinto a Cape Town uno dei suoi incredibile mash-up, con un incrocio tra un capriolo ed un ghepardo (qui) la gente del posta non sembra però aver apprezzato l’opera, etichettando le corna dell’animale come quel del diavolo, il risultato è stata un copertura con vernice bianca sull’opera.
Gaia, ovviamente rammaricato, ha risposto alla grande aggiungendo una mano con una gomma da cancellare e la scritta “Revisionisme uit te vee” che in Afrikaans significa Eliminazione del revisionismo, chapeau.

Thanks to Klaus Warschkow for the pics

gaia-revisionisme-uit-te-vee-mural-cancelled-in-cape-town-00

André Saraiva – “Love Henrietta” New Short Film

30/01/2013

André Saraiva -

André Saraiva meglio noto come André recentemente ha portato il proprio progetto “Love Graffiti Project” in quel di Miami nel corso dell’ultimo Art Basel, lo street artist francese con questa nuovo incarnazione vuole dare la possibilità a chiunque di dedicare una facciata al proprio amore. Scegliendo accuratamente la storia d’amore che più lo ha colpito André procede a dipingere su muro il nome di lui o di lei, a seconda del caso.
A distanza di tempo esce ora uno short-film sull’ultimo dipinto, una enorme muro coperto con la scritta Henrietta, intitolato “Love Henrietta” regalando forme fisiche alla donna, il video ci mostra la parte più emotiva del progetto, con la ragazza che cammina e scopre il bel lavoro dipinto esclusivamente per lei.
Schiacciate play e gustatevi la produzione in attesa di vedere nuovi sviluppo sulla bella idea portata avanti dal leggendario artista francese. Enjoy It.

Via

Conor Harrington – New Exhibition at The Outsiders (London)

30/01/2013

Conor-Harrington–New-Exhibition-at-The-Outsiders-London-01

Il lavoro di Conor Harrington si era interrotto a Mexico City con uno splendido pezzo diversi mesi fà (qui), ora l’artista torna alla ribalta e dopo un bel periodo di riposo e relax, lancia la sua prossima esibizione all’interno di una delle gallerie più attive negli ultimi tempi.
Negli spazi della The Outsiders Gallery, nella sede di Londra, Conor Harrington presenta “A Whole Lot of Trouble for a Little Bit of Win” un interessante introspettiva sul lavoro dell’artista Inglese, la grande capacità pittorica dell’artista in mostra con oltre 20 gigantesche tele e disegni con riproduzioni dei propri studi su battaglie ed eventi storici.
Lo show aprirà questo Venerdi 1 Febbraio, se siete in zona vi consigliamo caldamente di farci un salto.

A Whole Lot of Trouble for a Little Bit of Win features Conor Harrington’s sought-after study paintings.

Conor has given his studies the name Morning Glories as he paints them daily, first thing upon arrival at his east London studio. These particular studies were painted during Conor’s work on the painting A Whole Lot of Trouble for a Little Bit of Win itself, originally exhibited at Lazarides Rathbone’s Bedlam exhibition in October 2012. The painting and its accompanying works from the same series, Whose World is This? and For Want of a Kingdom, the Battle was Lost, concern the transition of power from the West to new superpowers in the East, specifically China.

The show is planned to include over 20 studies on canvas board and framed, plus larger studies on paper.

The Outsiders London
8 Greek Street, Soho
London UK

Pics by Ian Cox/Wallcandy

Conor-Harrington–New-Exhibition-at-The-Outsiders-London-02

Geometricbang – “The Sea in Winter” New Textile Print

30/01/2013

Geometricbang-The-Sea-in-The-Winter-New-Textile-Print-01

Dividendosi tra lavoro all’aperto e sessioni in studio, Geometricbang ci ha da poco regalato due spettacolari pezzi dipinti durante l’incursione a Somaglia, vicino Lodi (qui). L’artista ora è tornato in studio dove ha da poco terminato una nuovo lavoro.
Intitolato “The Sea in Winter” è una nuova stampa, dipinta direttamente su tela, mostra tutte le caratteristiche tipiche del bel lavoro che l’artista porta avanti, troviamo quindi le consuete forme dentro le forme, fasci di colore, e repentini cambi di tonalità, in un lunghissimo lavoro che saprà emozionarvi.
La stampa misura 50 x 150 cm ed esce in edizione limitata di sole 10 copie firmate e numerate ad un prezzo di soli 50 Euro, se siete interessati non vi resta che contattare direttamente l’artista all’indirizzo num_del_bang@hotmail.it, affrettarsi che sono poche vanno via come il pane.

Pic by The Artist

DRAW – New Mural at Who Lives Next Door? in Porto

30/01/2013

DRAW-New-Mural-at-Who-Lives-Next-Door-in-Porto-01

E’ DRAW l’artista scelto da Dedalò Magazine per il suo evento Who Lives Next Door? a Oporto in Portogallo.
Lo street artist portoghese si fa notare per la capacità di riprodurre su muro grandi ritratti, completamente in bianco e nero, attraverso una tecnica pittorica fatta di ricche pennellati non uniformi i lavori, oltre ad essere assolutamente realistici, presentano una profondità incredibile e spiazzano lo spettatore che si trova ad osservarli.
DRAW per la rassegna si è dedicato a questa facciata proponendo due emozionanti espressioni dello stesso volto, dopo il salto potete dare un occhiata ai dettagli dell’opera grazie all’ampia gallery.

Pics by The Artist

DRAW-New-Mural-at-Who-Lives-Next-Door-in-Porto-02

Rone – “Once Bitten, Twice Shy” New Mural in Melbourne

30/01/2013

Rone-Once-Bitten-Twice-Shy-New-Mural-in-Melbourne-01

Dopo la spettacolare incursione all’interno del Larundel Mental Asylum (qui), Rone è tornato in strada ed insieme al suo socio Meggs in compagnia di Wonderlust, Sofles, Roach & Numskull dando vita ad uno spettacolare, e lunghissimo, dipinto in combo.
L’opera, dipinta a Melbourne all’Hosie Lane, s’intitola “Once Bitten, Twice Shy” e mette in mostra tutto lo stile personale di ogni singolo artista, vediamo il consueto volto di donna dipinto da Rone, come anche l’intricato e colorato immaginario di Meggs, con il bel serpente al lato.
Gustatevi tutti i dettagli dello splendido lavoro li potete vedere meglio nell’ampia gallery dopo il salto.

Pics by Everfreshstudio

Rone-Once-Bitten-Twice-Shy-New-Mural-in-Melbourne-02

Isaac Cordal – New Pieces in Anderlecht, Belgium

30/01/2013

Isaac-Cordal-New-Two-Pieces-in-Anderlecht-01

Dopo la Prestige all’interno degli spazi della Harlan Levey Project, torniamo nuovamente a parlarvi di Isaac Cordal. L’artista ha fatto tappa ad Anderlecht in Belgio dove ha da poco terminato due nuove splendide installazioni.
Come ben sappiamo il lavoro di Isaac Cordal poggia profondamente sulla spettacolarità delle minuscole installazioni in cemento, piccoli uomini, tristi e gridi in situazioni surreali e al limite del grottesco con i quali l’artista denuncia una eccessiva cementificazione e una spersonalizzazione dell’uomo moderno.
Qui le immagini degli ultimi due pezzi, intitolati rispettivamente “Take Time” e “Funeral for a concrete figure”. Stay tuned per i prossimi aggiornamenti.

Pics by The Artist

Isaac-Cordal-New-Two-Pieces-in-Anderlecht-02

Ericailcane – “Racconti dal Sottobosco” New Video

29/01/2013

Ericailcane-Racconti-dal-Sottobosco-New Video-01

Luci ombre, movimenti flebili, ambientazioni fantastiche, animali e un bosco, ecco come Ericailcane dà vita ai “Racconti dal Sottobosco”. Il ricco immaginario del grande artista italiano divampa in questa nuova creazione, un approccio nuovo dal sapore poetica che ci ha lasciati a dir poco estasiati.
Il video fà parte del nuovo progetto “Così su Due Piedi” di Ericailcane un libro\dvd scritto insieme a Stefano Ricci, racconti disegnati ed animati tra cui troviamo appunto “Racconti del Sottobosco”.
Non vogliamo rovinarvi la sorpresa raccontandovi quello che abbiamo visto, vi basterà sapere che nel bel video, Ericailcane dona una vita nuova ai suoi personaggi, così vicino all’uomo ma allo stesso tempo tremendamente distanti continuando quindi il personale stile dove si diverte a ritrarre la bestialità degli uomini proprio attraverso il mondo animale. Si muovono, accarezzano, scrutano, vengono colti da ombre e movimenti di rami e foglie, è piccolo corto che saprà emozionarvi e vi lascierà di stucco.
Se siete interessati l’ultima fatica dell’artista trovate tutte le info qui, poesia pura.

Animation by Ericailcane
Music by Alessandro Rinaldi

Sobekcis for Artist Room Project by Au Vieux Panier Maison

29/01/2013

Sobekcis for Artist Room Project by Au Vieux Panier Maison

I Sobekcis sbarcano a Marsiglia in Francia per dare il proprio personalissimo contributo al progetto Artist Room Project ideato dalla Au Vieux Panier Maison. La piccola Maison, appassionata di arte contemporanea che ha deciso di affidare ogni anno ad un artista diverso una stanza con la quale cimentarsi, l’anno successivo poi un artista diverso andrà a coprire la vecchia opere per dipingerne una nuova, un idea semplice ed efficace per donare un tocco decisamente movimentato agli alloggi.
Sobekcis sono gli artisti scelti quest’anno, il risultato portato a termine dai graffiti artists, è un incredibile camera dove tutto lo stile psichedelico e i colori vivi del duo interagiscono con pareti ed arredamenti creando un effetto finale mozzafiato.
Date un occhiata alla gallery per vedere da vicino tutto lo splendido lavoro.

Pics by The Artist

Sobekcis for Artist Room Project by Au Vieux Panier Maison

VinZ – “Anuncios Honestos” Market Project in Valencia

29/01/2013

VinZ-Anuncios-Honestos-New-Piece-in-Valencia-01

Ci stiamo appassionando sempre di più al lavoro di VinZ, lo Spagnolo diverte e fa divertire grazie agli splendidi lavori di paste-up con i quali copre le facciate. Sono corpi in bianco e nero accompagnati da volti di animali proposti con colorazioni decisamente accese, tutti proposti in situazioni surreali e al limite.

Nell’ultimo periodo VinZ però ha iniziato un nuovo progetto, intitolato “Market” con questo nuovo start-up l’artista vuole porre un accento sul consumismo, attraverso irriverenti opere dove si sottolinea l’uso del corpo umano e della sua nudità come strumento per pubblicità per i prodotti dei marchi più importanti. Quest’idea va direttamente in conflitto con le basi del progetto VinZ, l’artista infatti con le sue opere espone nudità e il sesso come simbolo di amore e amicizia nei rapporti tra gli uomini, l’uso attuato dai marchi quindi rappresenta una strumentalizzazione atta a pubblicizzare prodotti che nulla hanno a che fare.

Le prime due opere appaiono così sui muri di Valencia, in Spagna, due divertenti pubblicità di noti marchi di moda. Stay tuned per i prossimi aggiornamenti su questo bel progetto di VinZ.

“Market” is the next chapter in the “Feel Free” project. Market concept always refers to “Exchange”. In the moment that money comes in contact in that exchange, a series of commercial codes like advertising, sales or luxury appear. When your basic needs are covered, Consumerism starts, unnecessary hoarding of unnecessary items promoted by the Establishment wich target is the individual scale to get better social status.

The “Feel Free” project exposes nudity and sex as a symbol of love and friendship in human relations. Opposite, the use of bodies in Market as attractive consumerism as material wealth generator of false idols and idolatry.

“Honest Advs.” is a study about the use of the human body and sexuality within the advertising of major trademarks to sell products that have nothing to do with nudity or sex.

Pics by The Artist

VinZ-Anuncios-Honestos-New-Piece-in-Valencia-02

Rone – New Mural to the Abandon Mental Institution

29/01/2013

Rone-New-Mural-to-the-Abandon-Mental-Institution-01

Queste sono le location che ci piacciono, vecchi edifici invasi da polvere e devastazione, casa dall’aspetto tetro e minaccioso che all’interno spesso e volentieri nascondono piccole perle di arte, con diversi artisti che amano confrontarsi con gli spazi e il silenzio di luoghi del genere, insomma delle location perfette per lavora indisturbati.
Rone, dopo lo splendido lavoro a Vanuatu (qui) è da poco rientrato in Australia dove ha avuto modo di mettersi subito al lavoro addentrandosi all’interno del Larundel Mental Asylum, un vecchio manicomio a Bundoora.
All’interno dell’edificio una serie di graffiti e stanza devastate, mobili squarciati e pareti distrutte, qui Rone decide di interagire direttamente con un vecchio dipinto ponendo uno dei suoi splendidi ritratti sulla parte superiore con un bell’effetto di dissolvenza.
Date uno sguardo alla gallery per farvi un idea della location e per vedere da vicino il risultato finale.

Pics by Everfreshstudio

Rone-New-Mural-to-the-Abandon-Mental-Institution-03

Escif – New Wonderful Series of Drawings

29/01/2013

Escif-Wonderful-New-Series-of-Drawings-01

Sicuramente tra gli artisti che più ci causano emozioni Escif, lo spagnolo è padrone di un tecnica pulita e semplice che utilizza per lanciare messaggi irreverenti e pregni di critica accompagnando il tutto con una forte ironia. Dopo averci deliziato con il suo ultimo progetto Les Fleurs du Mal ed essere da poco tornato in strada (qui), lo spagnolo ha deciso di regalarci un spicchio del suo personalissimo lavoro in studio.
Una serie infinita di disegni, che non mancherete di riconoscere poichè già visti in diversi dipinti in strada, che ci offrono la possibilità di istaurare un ponte immaginario tra il lavoro dell’artista e noi stessi. Decisamente più personali e delicati le opere, tutte da scorrere ed ammirare, per aumentare, se possibile, il profondo amore e rispetto che nutriamo per un artista del genere.
Enjoy It.

Pics by The Artist

Escif-Wonderful-New-Series-of-Drawings-02

Escif-Wonderful-New-Series-of-Drawings-06

Geometricbang – New Pieces near Somaglia

29/01/2013

Geometricbang-New-Pieces-near-Somaglia-01

Dopo aver visto giusti ieri i lavori di Alberonero (qui), scopriamo con piacere che anche Geometricbang ha partecipato all’uscita in quel di Somaglia, vicino Lodi.
Nonostante le temperature non siano delle migliori, l’artista continua la sua fitta produzione andando ad intervenire su due facciate all’interno di un vecchio rudere di campagna.
Due opere per Geometricbang che ha voluto concentrarsi questa volta sul blu e grigio andando a coprire tutte le palette intermedie. Il primo lavoro s’intitola “The Top of The Montain” e, come facilmente intuibile dal nome, mostra una grande montagna, con il secondo lavoro invece l’artista porta avanti la sua concezione di maschera, con questa nuova splendida rappresentazione.
In ambedue i dipinti sono facilmente visibili i tratti caratteristici delle opere che contraddistinguono l’artista, grandi fasci e sezioni di colore, un altalena di cambi di tonalità che nel loro complesso formano l’opera che risulta come sempre d’impatto.

Thanks to The Artist for The Pics

Geometricbang-New-Pieces-near-Somaglia-02

Geometricbang-New-Pieces-near-Somaglia-03

VNA Magazine – VNA Issue n. 21

28/01/2013

VNA-Magazine–VNA-Issue-n21-01

VNA Magazine rappresenta un punto fermo, da diverso tempo oltre all’uscite quotidiane online, ogni tre mesi ne affianca una cartacea attraverso interviste ed approfondimenti all’interno del mondo dell’arte.
Nell’ultima fatica il magazine aveva proposto un interessante introspettiva su uno dei big internazionali, RETNA con tanto di copertina dedicata, ora nella nuova uscita trimestrale fari puntati su uno degli artisti di cui spesso amiamo parlarvi, Miss Van.
Prima donna a coprire la copertina della rivista Miss Van è solo la punta di diamante, all’interno infatti una serie di speciali su tra gli altri: Rone, Johnny Crap, Inkie, Mad-C, Dal & Faith47, NoseGo, Joe Fenton, Alex Fakso, Wurstbande, Amanda Marie, Olek e il nostro Alex FaKso.

Very Nearly Almost is proud to release its twenty-first issue. And it’s pretty special being the first to have a female as a cover artist; and who better to take this highly coveted position than the queen of street art herself Miss Van.

Her beautiful hand-painted “poupees” and vivid sexual creatures have been capturing the hearts of art lovers and for years and after a brief hiatus from working on the streets, she’s back in full force. We caught up with her to delve a little deeper into the mind of a lady who has blazed a trail through this macho graffiti world.

This issue is bursting with interviews – from the Ever-Fresh crew member Rone, monochromatic illustrative master Joe Fenton and street art new-comer NoseGo. We also have pearls of wisdom from those who have been on the scene since its inception, like Inkie, photographer Alex Fakso and Canadian artist Johnny Crap who also took the time to design our latest subscriber t-shirt . We caught up with a few other influential ladies including graffiti artist Mad-C and stencilist Amanda Marie, as well as illustrative duo Wurstbande from Berlin. There’s also something a bit different from another duo, husband and wife Dal & Faith47 who chose to interview each other. If this wasn’t enough you can also find interviews with queen of crochet, Olek, and the brilliant Nicolas le Borgne, a.k.a Odö – as well as a look at what’s been going on in the streets of London, Detroit and Japan.

Se siete interessati è già aperto il pre-order, qui.

Info e Pics by The Magazine

Hendrik Beikirch – New Mural at 2º Bienal Graffiti Fine Art in Sao Paulo

28/01/2013

Hendrik Beikirch - New Mural at  2º Bienal Graffiti Fine Art in Sao Paulo

Hendrik Beikirch aka ECB sbarca prepotentemente a San Paolo in Brasile per partecipare alla seconda edizione della Bienal Graffiti Fine Art. Nata per offrire una variegato panorama su stile, tecniche e concetti artistici diversi la Bienal Graffiti Fine Art di San Paolo offrirà un roster ben fornito di artisti nazionali ed internazionali della scena urbana. Con approcci diversi come scultura, wall painting, installazioni e fotografie tra gli artisti chiamati quest’anno troviamo Nunka, Speto, Finok, DMS e Minhau, a rappresentare la bandiera nazionale e Kongo, BCE, Kress, Daze e Wernz, come ospiti internazionali.
Hendrik Beikirch dopo il lavoro a New York (qui) l’artista si sposta in Sudamerica dove ha da poco terminato questo splendido ritratto intitolato “Permanence is Change”.
Fantastico.

Pics by SavegeHabbit and The Festival

Hendrik Beikirch - New Mural at  2º Bienal Graffiti Fine Art in Sao Paulo

ARM Collective – First Mural in 2013

28/01/2013

ARM-Collective-First-Mural-in-2013-01

L’ARM Collective è un collettivo portoghese formato da RAM e MAR, terzo anagramma quindi dei rispettivi nomi dei due artisti, il duo per aprire al meglio questo primo mese dell’anno sono tornati in strada insieme dopo le incursioni dei mesi scorsi (qui) e esibizioni (qui) in solitario.
I due sono padroni di tecniche piuttosto diverse RAM infatti è solito proporre un gigantesco cerchio con all’interno un vero e proprio turbinio di colori, con la possibilità di poter fruire di diverse chiavi di lettura, un occhio, una voragine e via discorrendo, lasciando quindi allo spettatore totale libertà di pensiero. MAR invece si avvicina più ad un tratto di fantasia dove bei colori accessi ed un tratto più vicino all’illustrazione con mani, sfere e personaggi sopra le righe che rappresentano i suoi tratti distintivi.
L’ARM Collective per questo primo lavoro decide di mettere insieme, su questa piccola parete, due mani, dipinte da MAR con la sovrapposizione degli occhi proposti da RAM, ultima chicca sulle nocche sono presenti le lettere che compongo i due rispetti alias.
Stay tuned, non mancheremo di proporvi nuovi aggiornamenti sui lavori dei due portoghesi.

Pics by Stick2Target

ARM-Collective-First-Mural-in-2013-02

Hyuro – New Criptic Mural in Valencia

28/01/2013

Hyuro-New-Criptic-Mural-in-Valencia-01

A distanza di pochi giorni dall’ultimo splendido lavoro Hyuro completa un’altra facciata ancora una volta nella sua Valencia. La Street Artist, tra le più prolifiche, continua il suo personalissimo cammino dove al centro troviamo la donna è le problematiche sociali e culturali che gravitano attorno.
Dopo l’ultimo e splendido e criptico lavoro dove abbiamo visto una serie di donne tenere in equilibrio dei vasi (qui), Hyuro occupa questa piccola porzione di parete dipingendo una donna di spalle intenta a fissare una corda. Ancora di salvataggio? Via di fuga? E’ sembre bello domandarsi cosa nascondono i lavori della spagnola.

Pics by The Artist

Hyuro-New-Criptic-Mural-in-Valencia-02

La Pandilla – New Mural at Museo de Arte Contemporaneo Puerto Rico

28/01/2013

La-Pandilla-New-Mural-at-Museo-de-Arte-Contemporaneo-Puerto-Rico-06

Quello che veramente stupisce è l’incredibile lavoro dietro ogni opera proposta da il duo La Pandilla, la quantità smisurata di lavoro finisce per creare opere veramente intense e ricche di forza. Il duo infatti è solito utilizzare una serie di minuscoli pennelli per realizzare i propri dipinti, ore di intenso lavoro ripagate dall’impareggiabile effetto finale.
Alexis Diaz per quasi una settimana ha lavorato a questa splendida facciata sul Museo de Arte Contemporaneo a Puerto Rico, il lavoro va ad arricchire quanto già visto all’interno del Festival Los Muros Hablan, organizzato proprio dal duo, ed è un intricato lavoro dove vediamo più parti del corpo umano fondersi con diversi animali.
Tutto lo spettacolare stile de La Pandilla lo potete ammirare meglio nella gallery sottostante.

Pics by 1dayrobot

La-Pandilla-New-Mural-at-Museo-de-Arte-Contemporaneo-Puerto-Rico-01

Alberonero – New Pieces near Somaglia

28/01/2013

Alberonero-New-Pieces-near-Somaglia-01

Continuiamo a seguire con molto piacere gli sviluppi della personale evoluzione di Alberonero. L’artista insieme al collettivo SINAPSI è tra quelli più attivi in quest’ultimo periodo proponendo con cadenza regolare nuovi lavori.
Gli ultimi pezzi sono stati dipinti su un vecchio rudere a Somaglia vicino Lodi, qui Alberonero si è divertito a portare avanti il proprio personalissimo stile. Ancora una volta vediamo quindi i consueti quadrati disuguali comporre una nuova forma, questa volta un podio, ma non solo l’artista infatti interviene anche su una serie di legne dipingendole ed infine con un ultima opera che ha risvegliato decisamente la nostra curiosità dove vediamo una serie di rettangoli colorati, ma questa volta senza comporre nulla, sfilacciati e completamente a sè stanti.
Gustatevi l’immagini in gallery e tornate a trovarci per nuovi aggiornamenti.

Thanks to The Artist for the Pics

Alberonero-New-Pieces-near-Somaglia-02

Weekly Overview 19 | 21-01 to 27-01

27/01/2013

Weekly Overview-19-post

Weekly Overview è l’appuntamento del Week-End dove vi presentiamo una selezione delle migliori news settimanali sul GORGO.

Interesni-Kazki–Sadhu-New-Mural-in-Varkala-India-by-Waone-02

Interesni Kazki – “Sadhu” New Mural in , India by Waone

Gaia–New-Mural-in-Cape-Town-for-Acrylic-Walls-01

Gaia – New Mural in Cape Town for Acrylic Walls

ZED1-Everything-can-Change-Second-Skin-Video-Art-Project-01

ZED1 – “Everything Can Change” Second Skin Video-Art Project

AK-E1000-New-Mural-at-El-campo-de-Cebada-in-Madrid-01

AK x E1000 – New Mural at El campo de Cebada in Madrid

2501-Vajrapani-Solo-Show-at-Elastico-Studio-Recap-01

2501 – “Vajrapani” Solo Show at Elastico Studio Recap

JADE-Life-of-PI-New-Mural-in-Chorrillos-Lima-01

JADE – “Life of PI” New Mural in Chorrillos, Lima

Elian–New-Amazing-Mural-in-Córdoba-Argentina-01

Elian – New Amazing Mural in Córdoba, Argentina

Tellas-Diary-april-august-2012-New-Zine-01

Tellas – “Diary (april-august 2012)” New Book

JAZ–Not-Eating-New-Mural-in-Cape-Town-for-Acrylic-Walls-Part-II-01

JAZ – “Not Eating” New Mural in Cape Town for Acrylic Walls

SABER on Trash lab “Profiles” Video Series

26/01/2013

SABER-on-Trash-lab-Profiles-Video-Series-01

Anche SABER fà parte di quel nutrito gruppo di ex graffiti artist che hanno saputo con il tempo adottare ed evolvere uno stile proprio, non del tutto distante dalla componente che li ha resi famosi.
In questo intenso speciale Trash Lab per la propria rubrica “Profiles” decide di andare a trovare l’artista in studio, SABER si rivela e racconta il suo passato e la sua evoluzione da graffiti artist ad artista più sofisticato.
Una bella occasione per conoscere da vicino uno dei personaggi di spicco della scena losangelina e statunitense, mettetevi comodi e schiacciate play.

Thrash Lab “Profiles” Saber, Los Angeles based artist who has been making art for over 20 years. From an early age he knew being an artist was what he wanted and graffiti was the first outlet that enabled him to express himself as an artist. Watch the video and see how Saber has changed up his style over the years, grown into a more refined artist and how he created his own path. You will be inspired by Saber’s words and his avenue of creativity.

E1000 x Nanook – New Stunning Mural

26/01/2013

E1000-Nanook-New-Stunning-Mural-01

E1000 dopo lo splendido lavoro in compagnia del nostro AK in quel di Madrid (qui) torna al lavoro trovando un altro interprete di primissimo livello come Nanook, che avevamo lasciato in Argentina per la rassegna Meetings of Styles a Buenos Aires.
I due non sono nuovi a collaborazioni assieme, ricordate lo splendido lavoro insieme ad Ecy di diversi mesi fà? (qui), bene, tornano ora a lavorare in combo proponendo questo splendido dipinto dove il tratto decisamente più figurativo di Nanook si fonde con le geometrie percettive di E1000, il risultato è un animale ibrido con metà corpo completamente trasformata dal tocco astratto dell’artista spagnolo.
E1000, giusto per non farci mancare nulla, decide poi di occupare un altra piccola porzione di muro con il canonico lavoro di quadrati colorati. Tutti i dettagli in gallery e rimanete sintonizzati per nuovi aggiornamenti.

Pics by The Artist

E1000-Nanook-New-Stunning-Mural-04

AK – New Amazing Mural in Madrid

26/01/2013

AK-New-Amazing-Mural-in-Madrid-01

A distanza di pochi giorni scopriamo che nel suo mini viaggio in Spagna, con tappa a Madrid, AK oltre allo splendido lavoro in combo con E1000 che come abbiamo visto ci ha lasciato decisamente bocca aperta (qui), si è dedicato ad un altro emozionante pezzo, questo volta in solitaria però.
Nella cornice spagnola AK ha prodotto uno dei suoi ipnotici lavori in total black and white, l’opera porta con sé tutto il suo inconfondibile stile, ancora una volta a farla da padrona sono i triangoli prodotti qui attraverso un intelligente uso di linee orizzontali che avevamo avuto modo di già di apprezzare. Il risultato finale è as always intenso e ipnotico producendo un incredibile effetto di movimento degli oggetti dipinti.
Vedo non vedo e ci rimango di sasso.

Thanks to The Artist for the pics

AK-New-Amazing-Mural-in-Madrid-02

Xuan Alyfe – “Babilonia 2.0” New Amazing Mural in Avilés

26/01/2013

SONY DSC

Continuiamo il nostro viaggio all’interno della sconfinata fantasia dello spagnolo Xuan Alyfe, lo street artist continua a lavorare su alcune facciate nella sua Avilés in Spagna.
Come abbiamo avuto modo di vedere negli ultimi dipinti Xuan Alyfe si distingue dagli altri artisti per uno stile molto intricato, grazie ad uso intelligente dei colori ma sopratutto alla capacità di porre all’interno delle proprie opere una serie sconfinata di dettagli, lo spagnolo perciò non poteva non rapirci.
L’ultimo pezzo s’intitola “Babilonia 2.0”, c’è tantissimo da guardare, i colori accesissimi nella parte bassa dell’opera oppure l’incredibile numero di piccolissimi uomini con relative ombre, oppure i volti e le geometrie presenti nel cielo, qualcosa di incredibile che ci lascia a bocca aperta, anche voi, prendetevi tutto il tempo necessario per ammirare al meglio l’opera.

Pics by The Artist

POW WOW Festival 2013 Hawaii | Teaser

25/01/2013

POW-WOW-Festival-2013-Teaser-01

Grazie ad una cornice paesaggistica di primissimo livello il POW WOW Festival delle Hawaii rappresenta uno delle kermesse più interessanti del panorama made in USA.
Il prossimo mese dal 09 al 16 Febbraio apriranno i lavori per la nuova edizione, gli artisti chiamati a dare il proprio contributo una ricca flotta di celebrità dell’isola e star internazionali tra i quali troviamo:

Dabs Myla (Melbourne) Faith47 (South Africa) Dal (China) Scribe (Missouri) Yoskay Yamamoto (Japan) Hannah Stouffer (SF) Andrea Wan (Vancouver) Jeff Soto (LA) Madsteez (LA) Eric Marcinizyn (Delaware) Nychos (Austria) Roid (London) Mare139 (NYC) Suitman (Hong Kong) Wonderlust (Melbourne) Alisa Ross (Missouri) Askew (New Zealand) Shark Toof (LA) Neonski (SF) Apex (SF) Jase (SF) Jim Mahfood (LA) David Flores (LA) 123Klan (Montreal) Flying Fortress (Germany) Jeff Hamada (Vancouver) Meggs (Melbourne)
Rone (Melbourne) Phibs (Sydney) Sam Rodriguez (San Jose) Trek6 (Miami) Poesia (San Jose) Erik Otto (SF) Peap Tarr (Cambodia) Lisa Mam (Cambodia) Orly Locquiao (San Jose) Mark Bode (SF) Chaz Bojorquez (LA)

Aspettatevi quindi il consueto festival urbano all’Americana con conferenze, mostre, live painting e soprattutto festa, tanta festa. Noi cercheremo di proporvi le iniziative ed i lavori più interessanti di volta in volta perciò restate sintonizzati.

Print

Via

CYRCLE. – “Organized Chaos” on OTHERS by Hypebeast Video

25/01/2013

CYRCLE.–Organized-Chaos-on-OTHERS-by-Hypebeast-Video-00

Sicuramente tra gli artisti più in rampa di lancio nel territorio USA, e non solo, i CYRCLE. hanno da poco chiuso il sipario sulla loro memorabile esibizione Organized Chaos. Con un attenzione mediatica sempre maggiore grazie soprattutto ad un lavoro che unisce più discipline artistiche e che ha fatto dell’interazione con lo spettatore il suo vero punto di forza, lo show si è rivelato un successo pazzesco. Esce ora una bello speciale edito dai ragazzi di Theonepointeight in collaborazione con il noto magazine Hypebeast e il programma artistico iamOTHER di Pharrell Williams, dove abbiamo la possibilità di conoscere meglio gli artisti che parlano di loro, del loro approccio con l’arte e soprattutto dell’idee e delle fasi di realizzazione dello splendido spettacolo.
Il consiglio è quello di mettersi comodi comodi e schiacciare play.

This week OTHERS by Hypebeast will be featuring a short documentary which delves into the creative journey that preceded our most recent solo show, “ORGANIZED CHAOS!” For those unfamiliar, OTHERS is an online video segment presented on Hypebeast by i am OTHER, created by Pharrell Williams, that aims at highlighting noteworthy artists, musicians, designers, and masters of self-expression. We are honored to be receiving their recognition in their latest installment.

This video gives insight into the the inspirations, philosophies, and motivations that molded “ORGANIZED CHAOS!” and our deepest thanks go out to everyone who contributed to its creation; theonepointeight, Coleen Hanynes and Black Dog Films, Fatima Robinson, Rhea Scott, Hunter Leggitt Studios, Mike Russek and 1028 Designs, James Lavelle AKA UNKLE, and all those who continually provide their support and encouragement.

Phlegm – “Gentle Giants” New Drawings

25/01/2013

Phlegm-Gentle-Giants-New-Drawings-01

Aspettando con trepidazione l’uscita del nuovo libro, Phlegm continua a mantenere alto l’hype attorno alla sua ultima fatica. Il grande artista inglese è sicuramente tra i nostri preferiti, tecnica spaventosa, una cura incredibile dei dettagli ed un immaginario surreale ci hanno fatto da subito perdere la testa, ora, dopo le incursioni in quel di Shoreditch (qui) e (qui), è tornato a disegnare in studio, svelando un bel assortimento di nuovi personaggi.
Intitolata “Gentle Giants” questa mini serie, come avrete certamente notato, mette in mostra gli stessi giganteschi character che Phlegm ha recentemente dipinto a Londra, una bella opportunità per vedere da vicino il lavoro dell’artista, perciò dopo il salto gustatevi la gallery e tornate a trovarci per i prossimi aggiornamenti. Enjoy It.

Pics by The Artist

Phlegm-Gentle-Giants-New-Drawings-02

JADE – “El Cielo al Revés” New Mural in Chorrillos, Lima

25/01/2013

JADE–El-Cielo-al-Reves-New-Mural-in-Chorrillos-Lima-01

Abbiamo ribadito diverse volte l’amore per quello che propone JADE, l’artista peruviano attraverso i suoi personaggi sà come esprimere al meglio emozioni e concetti, il particolare stile poi ne aumenta esponenzialmente l’emozionalità lasciandoci il più delle volte letteralmente di stucco.
L’ultimo pezzo dipinto da JADE, ancora una volta nella sua Chorillos a Lima, s’intitola “El Cielo al Revés” e mostra in tutta la sua forza uno spettacolare primo piano di un ragazzo intento a pregare con il volta rivolto verso il cielo. Se non bastasse il taglio da regista proposto, con un primo piano eccellente, l’opera mostra una serie di spettacolari dettagli come i fiori che circondano il ragazzo.
Emozione pura.

Pics by The Artist

JADE–El-Cielo-al-Reves-New-Mural-in-Chorrillos-Lima-02

Interesni Kazki – “Sadhu” New Mural in , India by Waone

25/01/2013

Interesni-Kazki–Sadhu-New-Mural-in-Varkala-India-by-Waone-01

Come abbiamo già avuto modo di vedere, Waone degli Interesni Kazki si trova in India per un trip che sà molto di viaggio interiore.
Mentre AEC continua senza sosta il suo lavoro in studio, sfornando in ultimo lo splendido Generation, l’altro artista ucraino dopo averci regalo una splendida interpretazione in quel di Kochi (qui) torna a colpire, questa volta su una facciata decisamente più grande, con uno dei suoi incredibili dipinti nella zona di Varkala.
Lo stile che caratterizza i lavori degli Interesni Kazki anche qui è ben visibile, piccoli mondi si intrecciano, mischiano ed si rivelano all’interno dell’opera, minuscoli dettagli tutti da scoprire, il tutto arricchito con un’intelligente uso dei colori, tutto questo si va ad unire con la forte tradizione Indiana in “Sadhu”.
Il risultato finale è uno spaventoso pezzo in pure stile Interesni Kazki che non mancherete di apprezzare esattamente come noi.
Dopo il salto tutte le immagini dell’opera nel dettaglio, tornate a trovarci per altri aggiornamenti sui lavori del duo.

Pics by The Artist

Interesni-Kazki–Sadhu-New-Mural-in-Varkala-India-by-Waone-00

Gaia – New Mural in Cape Town for Acrylic Walls

25/01/2013

Gaia–New-Mural-in-Cape-Town-for-Acrylic-Walls-01

Sebbene ieri sera ha aperto la splendida Ways of Seeing, culmine finale dello splendido progetto ideato da Freddy Sam, Gaia continua il suo lavoro in strada proponendo un altro splendido pezzo per Acrylic Walls.
L’artista Statunitense ha deciso di prolungare la sua permanenza in Sud Africa fino alla fine del mese, deciso a proseguire quanto di buon già fatto, a Cape Town ha da poco terminato un altro dei suoi tipici lavori. L’incrocio di più animali in un’unica figura non è nuovo per Gaia, il risultato finale è sempre molto scenico e divertente, ecco quindi che l’artista tira fuori dal cilindro una bella fusione tra un ghepardo e un capriolo. Stay tuned per gli ultimi ed elettrizzanti lavori in Africa dell’artista.

Thanks to Klaus Warschkow for the pics

Gaia–New-Mural-in-Cape-Town-for-Acrylic-Walls-02

TILT – “All You Can Eat” Exhibition at Fabien Castanier Gallery Recap

24/01/2013

TILT–All-You-Can-Eat-at-Fabien-Castanier-Gallery-Recap-01

Finalmente aperta l’ultima e gustosa fatica di TILT, lo street artist francese ha tolto il sipario su “All You Can Eat” all’interno della Fabien Castanier Gallery di Los Angeles.
Tra amici e visitatori TILT ha proposto una serie di interessanti lavori pregni del suo canonico stile bubble-lettering con il quale ha proposto interessanti riproduzioni dei più canonici cibi legati alla cultura americana.
Come promesso ecco qui un ampio recap con gli scatti dell’apertura, se vi trovate in zona potete farci un salto fino al 17 Febbraio.

Fabien Castanier Gallery is proud to present All You Can Eat, solo exhibition by Tilt. All You Can Eat will exhibit new work by Tilt, including paintings, works on paper, installations, and sculpture. In his signature bubble-letter style, Tilt serves up the quintessential American feast. He has always played with the conceptual and literal application of words, and for All You Can Eat, his evocation of the “throw-up” aesthetic is no exception. Both a reflection of the American appetite and a commentary on consumption habits in general, his work uses the instantly recognizable iconography of classic American foods to present the stereotypical over-indulgent lifestyle.

Fabien Castanier Gallery
12196 Ventura Blvd,
Studio City CA, Los Angeles

Pics by Graffart

Herakut – “Too High to Heal” Exhibition at Metro Gallery

24/01/2013

Herakut-Too-High-to-Heal-Exhibition-at-Metro-Gallery-01

Gli Herakut si apprestano a partire alla volta dell’Australia, vera mecca in questo periodo di gelo e freddo, il duo infatti, dove l’ultimo splendido lavoro all’interno del loro The Giant Story Book Project in quel di Miami (qui), partono alla volta della terra dei canguri per iniziare a preparare al meglio la loro prossima esibizione “Too High to Heal” all’interno degli spazi della splendida Metro Gallery di Melbourne.
Poche informazioni per il momento su cosa poggeranno le basi del corpo della mostra, però siamo sicuri che gli Herakut stiano già pensando di lavorare a qualche facciata per il loro progetto itinerante.
Restate quindi sintonizzati per i prossimi aggiornamenti con le immagini dei nuovi lavori ed un ampio coverage sullo show.

Metro Gallery
1214 High Street, Armadale VIC 3143
Melbourne

Pics by The Gallery

Swoon – “Thalassa” Artworks Release at Paper Monster

24/01/2013

Swoon-Thalassa-Artworks-Release-at-Paper-Monster-01

Probabilmente tra le artiste più importanti, Miss Swoon dagli anni ’90 porta avanti la sua particolare tecnica che vede poster con personaggi e figure ritagliate attaccati in giro per il mondo su edifici fatiscenti e semi distrutti. La grande capacità di riprodurre persone, abbinata ad una forte emotività delle opere grazie all’utilizzo di materiali da recuperati e riutilizzati e uno stile molto dettagliato, hanno presto fatto salire alla ribalta i lavori dell’Artista.
In questo nuovo anno Swoon decide di mettere mano ad uno dei suoi disegni più famosi, “Thalassa”, già vista all’interno del New Orleans Museum of Art in formato big nel 2011, si trasforma in diversi pezzi, tutti originali e diversi uno dell’altro.
Ogni singolo artwork è stato lavorato dall’artista che si è occupata di trovare, riutilizzare e recuperare vecchi materiali, andando a montarci sopra di volta in volta ed in grandezze diverse il canonico disegno. Il risultato è un incredibile sequenza di librerie, cassetti, una porta di un frigorifero ed altri diversi supporti per grandezza e materiale, tutti trasformati da Swoon.
Se siete interessati potete provare il colpo direttamente da Paper Monster, se è rimasto qualcosa.

Swoon-Thalassa-Artworks-Release-at-Paper-Monster-12

Via

Sego – New Mural at Isitia Project 2013

24/01/2013

Sego-New-Mural-at-Isitia-Project-2013-01

A distanza di parecchio tempo torniamo ad occuparci di Sego, l’artista messicano infatti si sveglia dal torpore e dopo alcuni lavori in studio torna in strada proponendo il primo pezzo del nuovo anno.
Sego in questo periodo sta partecipando all’interessante Isitia Proyecto, un progetto di arte urbana, realizzato in collaborazione con il Museo del Juguete Antiguo Messico, che vede coinvolti diversi artisti locali a Città del Messico.
Come sempre per i lavori del grande artista notiamo una particolare predisposizione a riprodurre nel modo più fedele possibile piante, animali ed altri elementi organici attraverso una tavolozza di colori caldi, in questo lavoro vediamo come una gigantesca mano si trasformi in uno splendido ramo con tanti di insetto appoggiato sopra.
Bellissimo.

Pics by KaptaMX

Sego-New-Mural-at-Isitia-Project-2013-02

Via

SBAGLIATO – Paste-Up Architectural Interventions

24/01/2013

SBAGLIATO-Paste-Up-Architectural-Interventions-01

Cammini per strada pensando ai fatti tuoi, ad un certo punto vieni colto di sorpresa da una finestra, è lì ferma e immobile sembra assolutamente reale, eppure c’è qualcosa che ti sfugge, qualcosa di non corretto, poi ti accorgi dell’inganno, scatta il sorriso e capisci che di lì è passato il collettivo SBAGLIATO.
Come avrete ormai capito gli inganni della vista sono tra i temi che più trattiamo e che più stuzzicano la nostra fantasia, il collettivo SBAGLIATO entra di diritto in questa categoria facendosi apprezzare per la grande capacità di trarre in inganno chi osserva attraverso una serie di spettacolari lavori di paste-up.
Lavorando sulle superfici e scegliendo accuratamente l’immagine, i ragazzi intervengono sulle facciate attraverso una serie di lavori di carta, sono finestre, serrande, portoncini, perfino piccoli allestimenti con fiori e cornicioni, tutti rigorosamente riprodotti e tutti assolutamente reali. L’impatto è sicuramente forte ed incuriosisce perché a prima vista sembrano assolutamente reali, alla scelta dell’esatta posizione infatti scaturisce una totale immersione nell’architettura dello spot creando un effetto scenico vero ed assolutamente naturale.
Vi proponiamo alcuni scatti dei recenti lavori apportanti in giro per le città, ma aguzzate la vista magari sono passati anche vicino casa vostra.

Pics by The Artists

SBAGLIATO-Paste-Up-Architectural-Interventions-02

Escif – “Austeridad” New Piece in Valencia

24/01/2013

Escif-Austeridad-New-Piece-in-Valencia-01

Dove averci emozionato con la mini serie Les Fleurs du Mal, Escif torna al consueto stile proponendo il primo lavoro impegnato del nuovo anno.
Il grande street artist spagnolo riparte in grande stile e lo fà ancora una volta per le strade della sua Valencia proponendo questo pezzo intitolato “Austeridad”.
In questo nuovo lavoro Escif torna a puntare il dito sulle politiche austere prese da diversi paesi Europei, la Spagna in primis, strappando un sorriso con la consueta verve ironica e assai tagliente.
Stay tuned per i prossimi aggiornamenti.

Show jumping is a discipline which is a timed event judged on the ability of the horse and rider to jump over a series of obstacles. This discipline is one of the most popular sports and equestrian riders most used today, and is the most modern specialty equestrian sport that has come to turn the classic sport of riding in a spectator sport.

Pics by The Artist

Escif-Austeridad-New-Piece-in-Valencia-02

Ericailcane x Gabo – “Balena” Mural Saint Clément des Baleines, Ile de ré Video

23/01/2013

Ericailcane-New-Murals-at-Le-4eme-Mur-Festival-05

Ericailcane durante il periodo passato in Francia tra Le 4eme Mur Festival di Niort e la sua spettacolare esibizione Potente di Fuoco, ha avuto modo di metterle le mani su alcune importanti facciate.
Dopo il video di Canards di pochi giorni fa ecco che andiamo a dare un occhiata a “Balena” un bel video sul pezzo dipinto dall’artista in collaborazione con Gabo. Il lavoro è stato eseguito a Saint Clément des Baleines, Ile de ré una cittadina a pochi kilometri da Niort e mostra come da titolo un Balena dipinta su un vecchio bunker risalente alla seconda guerra mondiale.
Enjoy It.

Video by Winterlong Galerie

Know Hope – “Situations” Sticker Pack and “Our Hearts Sunk” Serigraph

23/01/2013

Know-Hope-Situations-Sticker-Pack-and-Our-Hearts-Sunk-Serigraph-01

Dopo lo splendido progetto Acrylic Walls, Know Hope è tornato alla base dove ha da poco rilasciato una serie di preziose pubblicazioni.
La prima si chiama “Situations” ed una serie di adesivi proposti dall’artista, ad ogni pacchetto corrispondono 5 stickers ad un prezzo veramente abbordabile di 7 dollari.
La seconda invece è una stampa serigrafica intitolata “Our Hearts Sunk”, stampata su carta d’avorio da 320g, esce in edizione limitata di 300 copie firmate e numerate di Know Hope, interessante scoprire che su queste 300, 20 sono state rifinite dall’artista. Per quest’ultima è prezzo è decisamente più alto 195 Dollari sono richiesti, però se siete interessati non vi resta che dare un occhiata qui.

Pics by The Artist

Know-Hope-Situations-Sticker-Pack-and-Our-Hearts-Sunk-Serigraph-03

Mesa – New Mural in Barcelona, Spain

23/01/2013

Mesa-New-Mural-in-Barcelona-Spain-01

Avevamo lasciato Mesa a Passignano sul Trasimeno dove si è era prodigato su una spettacolare facciata proponendo due splendidi ritratti (qui) ora a distanza di settimane l’artista torna a Barcellona dove ha da poco terminato un altro dei suo spettacolari pezzi.
Apprezziamo davvero il lavoro dello spagnolo che con una tecnica stupefacente riproduce volti e situazioni su muro, che risultano quindi assolutamente realistiche come se si trattassero in verità di gigantesche fotografie, l’ultimo lavoro non è da meno. Dipinto su questa piccola facciata mostra il ritratto di un uomo addormentarsi insieme al suo cane, il tutto impreziosito da una serie di dettagli astratti.
Vibrante.

Pics by The Artist

Mesa-New-Mural-in-Barcelona-Spain-02

Skount – “Dark Natures” Murals Series

23/01/2013

Skount-Dark-Natures-Murals-Series-02

Con molto piacere torniamo ad occuparci di Skount, l’artista spagnolo ha inaugurato il nuovo anno con Memories giusto pochi giorni fà, ecco che ora torna a colpire proponendoci un interessante nuova serie.
Dal titolo “Dark Natures”, vede una serie di pezzi dipinti in giro per il mondo all’interno di alcuni edifici fatiscenti di Almagro, Ibiza e Israele. Quello che salta subito all’occhio è il totale cambio di stile rispetto alle ultime opere proposte, sebbene si noti che la mano è la stessa con figure arricciate e dettagli tipici dei lavori di Skount, notiamo anche una totale assenza di colore con il nero a farla da padrona e la totale essenzialità degli animali dipinti, elementi che vanno a scontrarsi con i colori e dettagli sempre facilmente riscontrabili e tipici dei lavori dello street artist spagnolo.
Esercizio di stile o nuovo approdo per l’artista? Stay tuned per i prossimi aggiornamenti.

Pics by The Artist

Skount-Dark-Natures-Murals-Series-03

ZED1 – “Everything Can Change” Second Skin Video-Art Project

23/01/2013

ZED1-Everything-can-Change-Second-Skin-Video-Art-Project-01

Come promesso ZED1 ha da poco presentato il secondo video del suo nuovo progetto artistico Second Skin, a distanza di una settimana dal primo (qui) diamo quindi un occhiata a “Everything Can Change”.
Il progetto è un interessante evoluzione dei lavori dell’artista, il risultato finale è una lavoro dai due volti, il primo coperto ed il secondo che mano a mano rivela la vera natura dell’opera.
Se nella prima interpretazione ZED1 aveva rivelato le parti interne di uno dei suoi personaggi, in questo nuovo pezzo si diverte a giocare con la vera natura del character dipinto che tolta il velo si mostra per quello che è, il tutto a voler sottolineare che tutto può cambiare, proprio come da titolo.
In attesa di scoprire cosa ci riserveranno i lavori futuri date un occhiata al bel video edito dai ragazzi di Artnine e alle immagini dopo il salto.
Enjoy It.

Thanks to Matteo Ciampolini and The Artist for the pics

AK x E1000 – New Mural at El campo de Cebada in Madrid

23/01/2013

AK-E1000-New-Mural-at-El-campo-de-Cebada-in-Madrid-01

Dopo aver dato uno sguardo approfondito ai suoi lavori con il THE BOOST dedicatogli, AK è voltato in Spagna a Madrid dove ha avuto modo di lavorare con uno degli artisti che più seguiamo con interesse E1000, quando ho visto con i miei occhi cosa hanno combinato assieme i due sono quasi saltato dalla sedia.
Il lavoro è stato eseguito all’interno dell’ El campo de Cebada, il progetto è un iniziativa dei residenti del Distretto Centrale di Madrid per incoraggiare e promuovere una serie di attività di intrattenimento sportivo, culturale e sociale unito ad una serie di opere urbane all’interno degli spazi.
I due artisti hanno unito le forze creando una spettacolare opera dove i due stili personali dei due ben si integrano, come sappiamo AK è solito utilizzare i suoi triangoli per creare ipnotizzanti forme che di volta in volta ingannano chi osserva, illusioni e giochi di movimento profondi che giocano sulla contrapposizioni di colore, spesso bianco e nero, e linee. E1000 invece ha nel suo dna una serie di forme che si appoggiano su uno spettro colorato che parte dal giallo fino al viola, anche qui troviamo giochi di prospettive ed inganni per l’occhio, ecco perché migliore sinergia non poteva essere prodotta.
Partendo da una cornice in nero con intervalli di linee per donare un effetto di interiorità, i due hanno elaborato un intricato pezzo dove vediamo nel livello superiore i triangoli bianchi di AK fondersi con quelli colorati dello spagnolo E1000 presenti nel secondo.
A bocca aperta.

Thanks to The Artist for the pics

AK-E1000-New-Mural-at-El-campo-de-Cebada-in-Madrid-03

2501 – “Vajrapani” Solo Show at Elastico Studio Recap

22/01/2013

2501-Vajrapani-Solo-Show-at-Elastico-Studio-Recap-00

Il tempo non è stato affatto clemente, pioggia e freddo hanno accompagnato il nostro cammino in quel di Bologna, ma ne è valsa sicuramente la pena. Arrivati in Via Porta Nova ci siamo trovati di fronte al portone d’ingresso dell’Elastico Studio, superata la prima barriera ad aspettarci un corridoio per poi accedere alla galleria vera e propria, inizia così il viaggio all’interno di “Vajrapani”.

2501-Vajrapani-Solo-Show-at-Elastico-Studio-Recap-01

Vajrapani rappresenta una delle tre divinità protettrici del Buddha, indica la potenza e la determinazione, in questo nuovo show 2501 unisce i suoi due diversi approcci, quello su muro e quella proprio in galleria, in una rielaborazione personale della tradizione religiosa ma con i toni propri dello stile unico dell’artista.

Mettendo piede in galleria siamo accolti da una piccola installazione, gli occhi cadono sul muro scrostato e sulle sottili linee grige che l’attraversano, ci avviciniamo e notiamo che a comporre quelle linee ci sono altre linee in puro stile 2501, nell’angolo una sfera e ancora e ancora figure ed immagini appartenenti al suo immaginario, siamo già stati rapiti.
Procedendo all’interno dell’allestimento vero e proprio entriamo e siamo subito colpiti da una gigantesca spruzzata di nero proiettata direttamente sul muro, il mezzo è un estintore in nero posizionato proprio in basso nel centro della parete e affiancato da una serie di supporti in legno dove vengono appoggiati delicati disegni, lo sguardo torna su è scopriamo che all’interno del nero poi sono tutte da scoprire, una serie di forme dipinte con le canoniche linee sinuose, le stesse che troviamo alla nostra destra che ci fanno bruscamente piombare in tutto l’universo dell’artista. La nostra attenzione infatti è stata catturata dall’enorme tela posizionata sulla parete di destra, qui esplodono in tutta la loro forza, personaggi figure, angeli, demoni che più volte vi abbiamo mostrato sulle nostre pagine, ipnotizzati è l’aggettivo adatto.
A questo punto procediamo verso la parete di sinistra dove sono state installate minuziosamente una serie di opere, i supporti sono alcune forme di diverse dimensione in legno, sopra sono posti piccoli lavori colorati con colori alcolici, è un mondo sconfinato dove sfumature, repentini cambi di colori e toni formano immagini nitide, sono piccole verità e surreali figure che danzano e si mescolano nel colore, tutte da ammirare una ad una e vi faranno rimanere senza fiato.
Rimane l’ultima parete, quella di sinistra, che l’artista ha scelto di occupare da un ultima installazione che rappresenta in formato gigante quando di buono proposto in quelle minuscole, è oro per gli occhi. Se in quelle piccole l’occhio aveva bisogno di avvicinarsi per scorgere i tratti di minuziosi dettagli propoposti, in questa 2501 lavorando su una superfice nettamente più grande, ci dà la possibilità di scrutare al meglio ogni singolo tocco proposto, ogni invenzione di colore e di forma che si cela e si si muove all’interno del dipinto, un emozione forte e assolutamente profonda.
Usciamo con il sorriso in faccia e torniamo a camminare tra pioggia e ombrelli.

Pics by GORGO and The Artist

2501-Vajrapani-Solo-Show-at-Elastico-Studio-Recap-33

Gaia – “Second Cities” New Self-Published Zine

22/01/2013

Gaia-Second-Cities-New-Self-Published-Zine-01

Abbiamo seguito Gaia durante il tempo trascorso in Sud Africa per Acrylic Walls, l’artista si trova ancora a Cape Town e da qui lancia la sua ultima pubblicazione.
Intitolata “Second Cities” è un sguardo ad ampio respiro sul ruolo che ha la Street Art all’interno dell’ambiente urbano. Gaia riflette e scrive sulla street art nelle sue molteplici sfaccettature, vista come un atto illegale o come un mezzo per riattivare e risvegliare un determinato paesaggio cittadino con gli esempi di Baltimora, Chicago, Miam e New York. Oltre alle due correnti di pensiero Gaia continua il suo testo parlando di pianificazione urbana e di come un certo tipo di progetti se portati avanti con intelligenza possano diventare importanti per comunità e luoghi cittadini influenzando anche le generazioni future.
Una bella zine arricchita da immagini e scatti dei bei lavori dell’artista statunitense e che se vi siete interessati non vi resta che scaricare in formato pdf direttamente qui, è gratis e fà riflettere, dai.

Gaia-Second-Cities-New-Self-Published-Zine-03

Gaia-Second-Cities-New-Self-Published-Zine-04

Via

EME – “Just Friends” New Mural

22/01/2013

EME-Just-Friends-New-Mural-01

Ogni tanto ci vuole anche il tocco femminile, ecco perché con piacere andiamo a dare un occhiata all’ultimo lavoro dipinto da EME.
Continuando il suo lavoro di sperimentazione tra forme, personaggi e lettering, EME si è addentrata in un altro vecchio edificio fatiscente e cosi dopo Leaving the past behind di qualche tempo fa ecco che la spagnola ci regala questo splendido lavoro intitolato “Just Friends”.
All’interno del vecchio rudere vediamo due lucchetti ammiccarsi a vicenda, nella parte alta in corrispondenza dell ‘ingresso vediamo la scritta che fa da titolo al pezzo.
Tornate a trovarci per altri lavori dell’artista spagnola.

Pics by The Artist

VinZ – “Donde vas Caperucita?” New Mural in Valencia

22/01/2013

VinZ-Donde-vas-Caperucita-New-Mural-in-Valencia-01

Continua il lavoro di Vinz che dopo lo splendido And began to emerge kids in Russafa…, torna a colpire nuovamente a Valencia con questa nuova interpretazione.
Divertente e sempre sopra le righe ancora una volta VinZ ci mostra i suoi classici personaggi all’interno di situazioni al limite del surreale oppure andare a toccare argomenti spinosi come quelli politici e sociali. I corpi nudi in bianco e nero e i volti da animali completamente colorati dei suoi personaggi colpiscono subito lo spettatore come in quest’ultima opera dal titolo “Donde vas Caperucita?” dove vediamo una donna essere fermata da una agente di polizia.
Awesome!

Pic by The Artist

Axel Void – New Mural at Huerta Del Rey Moro in Sevilla

22/01/2013

Axel-Void-Huerta-Del-Rey-Moro-New-Mural-in-Sevilla-01

Axel Void è un ibrido, ibrido perché in lui albergano diverse culture, diviso tra Haiti, gli Stati Uniti e la Spagna decide di mettere radici a Berlino. Un calderone di influenze diverse che sono facilmente visibili in tutti i suoi lavori, l’artista si muove con scioltezza da grandi a piccole pareti proponendo di volta in volta il consueto ed unico stile. La rappresentazioni ed i personaggi proposti dall’artista sono figure abbozzate e brutali nella loro verità, tristi, scure e cupe, albergano e trovano spazio sulle pareti e sono il frutto di un immaginario fortemente influenzato dagli ambienti frequentati dall’artista. Sono uomini e donne squarciati dalla malinconia, ridotti a involucri che appoggiano il loro sguardo sullo spettatore, il grande impatto emotivo quindi è garantito.
Axel Void recentemente, dopo aver collaborato con JAZ in quel di Miami (qui), si è diretto a Sevilla in Spagna dove ha da poco completato questo splendido volto all’interno per la riqualificazione dell’Huerta Del Rey Moro, emozionante.

Pics by The Artist

Axel-Void-Huerta-Del-Rey-Moro-New-Mural-in-Sevilla-02

JADE – “Life of PI” New Mural in Chorrillos, Lima

22/01/2013

JADE-Life-of-PI-New-Mural-in-Chorrillos-Lima-01

Alternando il lavoro in studio con incursioni in strada, JADE torna a colpire ancora una volta nella sua Chorillos, a Lima. Tema centrale di questa nuova opera intitolata “Life of Pi” è propria la pellicola di Ang Lee, basata sull’omonimo romanzo di Yann Martel.
Life of Pi, tratta la storia appunto di Pi, il protagonista del film che dopo diverse vicissitudini si trova solo in mare su una scialuppa di salvataggio in compagnia di una tigre.
Nell’opera l’ispirazione è ben chiara con uno spettacolare dipinto in prospettiva di uno dei canonici personaggi di Jade, stretto su se stesso e seduto su imbarcazione di fortuna.

Pics by The Artist

JADE-Life-of-PI-New-Mural-in-Chorrillos-Lima-02

Hyuro – New Stunning Mural in Valencia

21/01/2013

Hyuro-New-Stunning-Mural-in-Valencia-01

Dopo lo splendido lavoro di Albacete (qui), Hyuro è tornata a Valencia dove ha da poco finito un altro dei suo fantastici lavori.
Come sempre per i lavori dell’artista spagnola il significato effettivo di quanto dipinto è spesso enigmatico oppure si presta a diverse chiavi di lettura, come in questa nuova interpretazione femminile dove Hyuro dipinge una serie di donne intente a tenere in equilibrio alcuni vasi con la faccia.
Tornate a trovarci per nuovi aggiornamenti circa il lavoro dell’artista di Valencia.

Pics by The Artist

Hyuro-New-Stunning-Mural-in-Valencia-02

James Kalinda – “Baretta” New Print Available

21/01/2013

James-Kalinda-Baretta-New-Print-Available-01

Il grande James Kalinda torna a colpire, dopo gli splendidi ultimi lavori, tra cui la combo con 2501 (qui), l’artista ha da poco rilasciato una splendida stampa ad edizione limitata.
Intitolata “Baretta” trasuda tutto l’inconfondibile stile di James Kalinda, toni cupi, personaggi appartenente ad immaginario oscuro tutte caratteristiche tipiche di quanto propone l’artista.
La stampa esce in sole 25 copie, misura 25 x 35 cm, firmata e numerata da Kalinda, se siete interessati non vi resta che scrivere direttamente all’artista su holymountaintattoo@gmail.com

Via

Elian – New Amazing Mural in Córdoba, Argentina

21/01/2013

Elian–New-Amazing-Mural-in-Córdoba-Argentina-01

Con molto piacere scopriamo che Elian si trova ancora nella sua Córdoba in Argentina dove ha da poco completato un altro dei suoi splendidi dipinti dopo lo splendido lavoro di qualche giorno qua (qui).
L’Argentino sceglie una location insolita, amante delle linee e degli spazi inconsueti dove può esprimere al meglio la propria idea di arte, si dedica a questo vecchio rudere semi distrutto. Della vecchia abitazione rimane solo la grande facciata e poco più appoggiata di fianco ad un albero, uno scorcio da fotografia dove Elian decide di dipingere il consueto pezzo astratto, colori caldi e dettagli geometrici, bellissimo.

Thanks to The Artist for the pics

Elian–New-Amazing-Mural-in-Córdoba-Argentina-04

RUN – New Amazing Drawings

21/01/2013

RUN-New-Ten-Drawings-01

Con temperature proibitive, metri e metri di neve RUN si è chiuso un po’ in studio al lavoro su nuove tematiche e nuovi approcci da trasferire quanto realizzata poi dalla carta alla parete.
Con molto piacere quindi diamo un occhiata a quanto di buon proposto dall’artista con base a Londra, una serie di 10 disegni dove RUN porta avanti il suo immaginario. L’artista si diverte a mescolare i suoi canonici volti proponendoli qui in tutte le salse, partendo dall’idea di una figura sciolta con interessanti giochi di prospettive ed ombre, fusioni ed astrattismi, meticolosi dettagli e dissolvenze.
Un percorso che continua quindi l’evoluzione del grande artista e che potete al meglio apprezzare nell’ampia gallery, tornate a trovarci per nuovi aggiornamenti sull’artista, aspettando un clima meno rigido.

The drawings are representative of my brush stroke style since I came in the “country of the rain”…It’s an antropological research of human feature melted and cooked in any possible salse mixed together and sketched down with meticolose details and fading of ink and pen.
The result is not yet a result, the story and the research goes on an on repetitive or originally, re-thought similar to an other but yet unique.

Thanks to The Artist for the pics

RUN-New-Ten-Drawings-02

Tellas – “Diary (april-august 2012)” New Book

21/01/2013

Tellas-Diary-april-august-2012-New-Zine-01

Durante i viaggi, l’adrenalina pompa forte nel sangue e l’idee su qualche nuovo lavoro, su come sarà e su come procedere per occupare il proprio spot, si susseguono, ci si imbatte però in attimi di attesa prima del grande evento o semplicemente di intere ore spese all’interno di treni, bus o aerei, è in questi momenti che la mente inizia a viaggiare e che l’idee affiorano una dietro l’altra e prendono vita su carta e sketch book.
Da queste esperienze, Tellas ha deciso di mettere insieme il materiale prodotto, stamparlo su carta riciclata in formato A5 e dar così vita a Diary (april-august 2012).
Il libricino si presenta con un il classico stile dell’autoproduzione, solo 50 copie tutte numerate e firmate, all’interno delle 30 pagine proposte uno splendido sguardo sull’immaginario del grande artista. Se siete interessati non vi resta che andare qui, è già vostro.

Pics by The Artist

Tellas-Diary-april-august-2012-New-Zine-04

JAZ – “Not Eating” New Mural in Cape Town for Acrylic Walls

21/01/2013

JAZ–Not-Eating-New-Mural-in-Cape-Town-for-Acrylic-Walls-Part-II-01

Prima di dare un occhiata ai lavori per Art Trip, parliamo di JAZ che si è concesso un ultima facciata, prima di lasciare il paese, con la quale conclude la sua partecipazione allo splendido progetto Acrylic Walls.
Con “Not Eating”, JAZ continua il suo filone di animali inglobati all’interno di uomini, come avevamo avuto modo di vedere nel precedente pezzo (qui), l’artista si stacca quindi dai consueti disegni a specchio proponendo una nuova variante che non possiamo che apprezzare.
Dopo il salto nel dettaglio tutte le immagini e un bel video del making of, in aggiunta con gli scatti dell’opera completata.

Thanks to Klaus Warschkow for Pics and Video

Weekly Overview 18 | 14-01 to 20-01

20/01/2013

Weekly Overview-18-post

Weekly Overview è l’appuntamento del Week-End dove vi presentiamo una selezione delle migliori news settimanali sul GORGO.

Aakash-Nihalani–Portal-at-Jonathan-LeVine-Gallery-04

Aakash Nihalani – “Portal” New Exhibition at Jonathan LeVine Gallery

Broken-Fingaz-New-Fantastic-Pieces-in-London-02

Broken Fingaz – New Fantastic Pieces in London

Gaia-God-s-Hand-New-Mural-in-Cape-Town-for-Acrylic-Walls-02

Gaia – “God’s Hand” New Mural in Cape Town for Acrylic Walls

SONY DSC

Xuan Alyfe – New Mural for ART Street Project

Phlegm–New-Mural-in-Shoreditch-London-Part-II-01

Phlegm – New Mural in Shoreditch, London Part II

Geometricbang-Infinity-New-Awesome-Mural-near-Lodi-01

Geometricbang – “Infinity” New Awesome Mural near Lodi

JAZ-New-Mural-in-Cape-Town-for-Acrylic-Walls-01

JAZ – New Mural in Cape Town for Acrylic Walls

Alberonero-New-Amazing-Murals-near-Lodi-01

Alberonero – New Amazing Murals near Lodi

Zilda-L-enlèvement-de-Ganymède-Series-of-New-Murals-01

Zilda – “L’enlèvement de Ganymède” Series of New Murals

Art Trip ‎”Ways of Seeing” Exhibition at /A Word of Art Gallery

19/01/2013

Art-Trip-Exhibition-at-A-World-of-Art-Gallery-01

La giusta conclusione di Acrylic Walls e del suo Art Trip non poteva che essere questa, con ‎”Ways of Seeing” Freddy Sam fà il punto sul suo progetto e ospita JAZ, Gaia, Know Hope, all’interno degli spazi dello studio/gallery /A Word of Art.

A Word of Art nasce dalla mente di Freddy Sam come uno spazio da donare agli artisti, una specie di base dalla quale partire per proporre i progetti in strada e dove infine esporre il lavoro creato all’interno dello spazio. Un idea ambiziosa che in quattro anni ha cercato di portare avanti e sostenere una vasta gamma di iniziative intente a far riflettere e a far conoscere e la nuova subcultura artistica che fonde l’arte contemporanea con le influenze lowbrow.
Oltre a questo AWOA porta avanti un idea di cambiamento sociale, apportato tramite la condivisione con artisti internazionali e artisti locali e con progetti per la gente del posto come corsi didattici e proiezioni di film.

Durante questo periodo passato in Sudafrica gli artisti partecipanti, se avete avuto modi di dare un occhiata al tumblr dedicato, hanno alternato sessioni in studio con gli splendidi dipinti in strada che vi abbiamo mostrato.
Proprio il lavoro in studio sarà al centro di questa esibizione che non mancheremo di approfondire con un corposo recap.

/A Word of Art Gallery
66 Albert Road, Woodstock,
Cape Town, ZA.

Montana Cans – New 5 Limited Editions Cans

19/01/2013

Montana-Cans-New-5-Limited-Editions-Cans-01

Montana Cans, dopo aver lanciato lo splendido calendario per l’inizio dell’anno, torna a colpire con una serie di nuovi prodotto più in linea con quelli già proposti.
Il core business della compagnia è ovviamente la vendita di bombolette, ogni tanto Montana Cans però ci delizia proponendo alcune versioni particolari, chiamando artisti di fama internazionale ad occuparsi dell’aspetto delle bombolette.
Per questo 2013 la compagnia ha chiesto a Augustine Kofie, Belin, How & Nosm, ROIDS (MSK) e Mistery, di pimpare le bombolette e il risultato come sempre è da leccarsi i baffi. In uscita in edizione limitata di sole 500 unità che verranno distribuite worldwide. Son tutte belle ma quella di Kofie spacca.

Montana-Cans-New-5-Limited-Editions-Cans-02

Via

INTI – “Resistencia NO es Terrorismo” New Mural in Valparaiso, Chile

19/01/2013

INTI-Resistencia-NO-es-Terrorismo-New-Mural-in-Valparaiso-Chile-00

Ci siamo abituati bene con INTI, l’artista Cileno infatti ci aveva sbigottito grazie ad una serie di lavori extra large sui muri di Parigi, in Polonia e a Beirut, ora però dopo un periodo di relax, torna a colpire e lo fa con questo piccolo pezzo in quel di Valparaiso, in Cile.
Nella sua cittadina quindi INTI propone “Resistencia NO es Terrorismo” un opera dal chiaro sapore politico dove uno dei canonici character dell’artista occupa tutta la facciata in orizzontale.
Aspettando qualche lavoro di proporzioni bibliche, date un occhiata alle immagini.

Pic by The Artist

INTI-Resistencia-NO-es-Terrorismo-New-Mural-in-Valparaiso-Chile-01

Faith47 – “Living Apart/Entwined” New Piece in Cape Town

19/01/2013

Faith47-Living-Apart-Entwined-New-Piece-in-Cape-Town-01

Con Faith47 continuiamo a tenere i fari puntati sul Sudafrica in questi ultimi tempi, con molto piacere scopriamo che nonostante non sia all’interno del progetto Acrylic Walls anche l’artista ha voluto dare il proprio contributo con un nuovo pezzo per le strade di Cape Town, tornando nella sua terra dopo gli splendidi lavori per il WordOpenWalls di Miami.
La grande artista sudafricana, ci stupisce poiché piuttosto che dipingere il consueto gigantesco lavoro, dove trovano la loro collocazione personaggi e animali, si limita ad un piccolo pezzo su questa facciata. Intitolato “Living Apart/Entwined” e mostra una riproduzione di una pianta, sospesa sul muro, con tanto di radici. Un lavoro certamente poetico e di forte impatto, come dire, semplice ed efficace.

Thanks to Klaus Warschkow for the Pics

Faith47-Living-Apart-Entwined-New-Piece-in-Cape-Town-04

ZED1 – “Second Skin” New Video-Art Project

19/01/2013

Zed1-Second-Skin-New-Video-Art-Project-01

Avevamo lasciato ZED1 alle prese con Oldzilla, il superbo pezzo realizzato nel corso del Local Art Walls Festival di Certaldo, a distanza di un paio di mesi scopriamo con molto piacere un nuovo ed interessante progetto che vede coinvolto l’artista.
S’intitola “Second Skin” e vede ZED1 alle prese con più tecniche, innanzitutto l’artista provvede a dipingere su muro uno dei suoi famosi character, in seguito sopra di esso pone una serie di stencil che rappresentano le vera e propria pelle del personaggio, gli stessi grazie all’usura del tempo, di volta in volta scopriranno le varie parti del corpo. Un idea semplice e geniale che l’artista documenta attraverso scatti e video.
Nelle immagini in sequenza il pezzo completato, dopo due giorni ed infine dopo 2 settimane insieme ad alcune immagini del making of, stay tuned per i prossimi aggiornamenti su questo incredibile lavoro multidisciplinare.

Thanks to Matteo Ciampolini and The Artist for the pics

THE BOOST – Dilen

19/01/2013

theboost-dilen

THE BOOST nasce dalla voglia di raccontarvi quella che è la grande scena artistica italiana, in questa rubrica cercheremo di proporvi artisti dotati ma poco conosciuti al grande pubblico. Uno spazio che vogliamo dedicare a coloro che ci hanno colpito per capacità e stile personale, andando poi seguirne l’evoluzione nel corso del tempo.

Secondo appuntamento dell’anno con Dilen

THE-BOOST-Dilen-03

Dopo aver intrapreso diversi viaggi all’interno di realtà astratte e poligonali nelle quali la mia mente è rimasta costantemente impegnata nel fantastico e nella rielaborazione di quanto proposto, questa volta mi fermo un secondo, stacco il cervello e torno ad un approccio più figurativo, prendo una boccata d’aria e riprendo ad immergermi in mondi fatti di personaggi, scenografie e situazioni nelle quali tutti è ciò sembra e dove non serve lavorare di fantasia ma piuttosto osservare attentamente quello che si ha davanti, mi perdo nei personaggi di Dilen.

THE-BOOST-Dilen-02

Come la maggior parte di quelli che iniziano il proprio cammino artistico il primo approccio è con il mondo dei graffiti, Dilen conosce la scena hip hop Anconese attraverso il proprio istituto, qui, in forte connessione con gli sviluppi della piazza Bologna, inizia il suoi primi approcci su muro, grazie ad uno scambio e condivisione propria delle scuole d’arte. La naturale predisposizione al disegno, il rubare con gli occhi ed un costante impegno fanno emergere un proprio tratto distintivo che si realizza nella prima serie di graffiti.
Ma si sà c’è chi continua il proprio studio sulle lettere e chi invece preferisce staccarsene cercando un proprio stile e sperimentando nuovi metodi, approcci e superfici diversi. Dilen così abbandona questo mondo cercando nuove ispirazioni e metodologie tornando ad una forma di disegno propria prima su carta e poi su muro. Importante per la crescita dell’artista sono i diversi incontri con altri esponenti, con scambi e condivisioni su tutti gli importanti viaggi estivi in Francia con la possibilità, vista la grande tolleranza che vige in territorio francese, di dipingere e continuare così la propria evoluzione.

THE-BOOST-Dilen-04

Nei lavori di Dilen sono ricorrenti animali antropomorfi, piccole creature dalle orecchie a punta, lupi con il petto villoso, gatti, bizzarri uccelli, tutto l’ampio immaginario appartenente all’artista, che lo prende, lo rielabora e lo instilla nelle pareti attraverso l’utilizzo di diversi supporti.
DIlen diverte e fa divertire, il suo stile ne rivela la semplicità, l’impeto creativo nel tratto, dipinge senza ripensamenti o ritocchi, lascia semplicemente scorrere la mano senza pensare troppo o calcolare esattamente come comportarsi davanti ad un nuovo spot, e la mente che vaga e crea, le mani al servizio della fantasia.

Aakash Nihalani – “Portal” New Exhibition at Jonathan LeVine Gallery

18/01/2013

Aakash-Nihalani–Portal-at-Jonathan-LeVine-Gallery-01 copia

Con Aakash Nihalani chiudiamo il cerchio sulla doppia esibizione all’interno della Jonathan LeVine Gallery, se nel primo spazio troviamo Virtual Reality di Haroshi nel secondo invece abbiamo “Portal”.
Come anticipatovi il corpo della mostra mette in evidenza tutto l’incredibile e spettacolare mondo dell’artista, grazie ad installazioni in legno e tele, tutte rigorosamente multidimensionali e coloratissime, scopriamo come la nostra percezione visiva sia in realtà diversa da quella di un’altra persona e come l’artista lavori proprio su questo punto presentando una serie di figure geometriche in un piano bidimensionale che dando l’illusione invece della terza dimensione.
Dopo il salto ampissima gallery per ammirare da vicino quanto di buono proposto, per chi si trovasse in zona i due show rimarranno aperti fino al 9 di Febbraio.

Jonathan LeVine Gallery is pleased to present Portal, a series of new works by New York-based artist Aakash Nihalani, in what will be his first solo exhibition at the gallery.

Known in the street art community for his fluorescent tape interventions, Nihalani combines a bright color palette with geometric abstract shapes, resulting in striking contrasts within the context of the urban landscape. Expanding on his exploration of form and space, the artist continues to build upon this body of work in his studio practice, through works on canvas and wooden panels.

Nihalani’s bold, flat shapes continue to evolve into complex multi-dimensional patterns, often producing intricate optical illusions that challenge the viewer’s relationship with their surrounding environment. The imagery appears to extend or recede from the surface of the picture plane through the artist’s carefully developed variations on color theory and architectural elements with influences of Op art and Mathematical perspectives.

The artist enjoys the interactive effect of his work in the gallery setting as well as on the street. His exhibitions often include site-specific installations created with tape, similar to his public interventions, which complement his paintings and freestanding sculptures. The accessible quality of Nihalani’s imagery connects with a wide audience, much like the adhesive nature of his original medium.

In Nihalani’s words, “I try to create a new visual space within the physical confines of any piece I work on, through the illusion of three-dimensional imagery contained on a two-dimensional plane. When looking at the work—orientation shifts, shapes merge, direction inverts, foreground becomes background and vice versa. In observing the differences in how we process this information, one becomes aware of how subjective perception can be and how we choose to view reality, individually.”

Jonathan LeVine Gallery
529 West 20th Street, 9th Floor
New York, NY

Pics by Arrested Motion

Augustine Kofie on “The Qualities of Light” Video Project

18/01/2013

Augustine Kofie-on-The-Qualities-of-Light-Video-01

Augustine Kofie primo ospite per la nuova serie video The Quality of Light, un nuovo progetto video curato e diretto da Shane Sakanoi of Draftsmen e Rich Hama.
L’idea è quella di creare una serie di video per mettere in evidenza le personalità creative di Los Angeles e dintorni, Sakanoi , da buon amico del grande artista, entra direttamente nello studio dello stesso portando le telecamera, dove diverso tempo, ad interagire con l’artista.
Kofie si racconta ben volentieri spiegando le ispirazioni per il suo processo creativo, il suo amore per la raccolta e la catalogazione, e il continuo rinnovarsi e sperimentare del suo lavoro.
Enjoy It.

I must say, after a number of years giving it up to cameras for interviews an the like, this is by far my most cherished contribution to a doc piece to date. Yes, I did have some say in the style for the film and a bit of direction and I’m sure that’s helping the sway of my judgement, but the guys went somewhere else with it and I’m happy for that.

VinZ – New Mural in Valencia, Spain

18/01/2013

VinZ-New-Mural-in-Valencia-Spain-01

Torniamo ad occuparci di VinZ, l’artista dopo la splendida Batalla all’interno degli spazi della Jonathan LeVine Gallery di New York, è tornato a lavorare in strada.
L’artista è tornato nella sua Valencia, dove ha ripresto il consueto lavoro, proponendo questo nuovo pezzo “And began to emerge kids in Russafa…” dove vediamo due dei suoi canonici character, corpi nudi di donne in bianco e nero, contrapposti alle teste di uccelli ed animali in full color.
Un lavoro come sempre sopra le righe che apre la stagione anche per VinZ, restate quindi con noi per vedere da vicino tutti i lavori dell’artista spagnolo nel corso dell’anno.

Pics by The Aritst

Interesni Kazki – “Generation” Painting by AEC

18/01/2013

Interesni-Kazki–Generation-Painting-by-AEC-01

Gli Interesni Kazki continuano a far parlare di loro, mentre Waone si trova in India a dipingere come vi abbiamo mostrato con le immagini di Lost Sheep a Kochi, AEC continua ad occupare il proprio tempo con interessanti sessioni in studio dalle quale stanno emergendo dei capolavori assoluti.
Dopo In Looking for The Perfect Energy ecco che l’artista ha da poco completato “Genaration”, ancora una volta un ispiratissimo AEC propone il consueto folle immaginario dove elementi religiosi, la scienza, piccoli mondi si concentrano tutti in un’unica tela ravvivata da colori caldi ed interessanti giochi di prospettive.
In gallery tutti i dettagli della splendida opera, tornate a trovarci per altro by Interesni Kazki.

Pics by The Artist

Interesni-Kazki–Generation-Painting-by-AEC-02

Borondo – New Pieces in Vitry-sur-Seine, France

18/01/2013

Borondo-New-Pieces-in-Vitry-sur-Seine-France-01

Uno degli artisti che più mi hanno colpito lo scorso anno è stato senza dubbio Borondo, con la sua partecipazione all’Outdoor Urban Art Festival ha spazzato qualsiasi altro partecipante, meritandosi tutti i riflettori e gli onori del caso.
A distanza di diverso tempo e l’artista torna a colpire e lo fa spostandosi in Francia Vitry-sur-Seine, un piccolo centro che sta diventando la culla di alcuni tra gli artisti più interessanti.
Due nuovi lavori per Borondo che come al solito ci lascia completamente a bocca aperta, ancora una volta figure angoscianti riempiono gli spazi andando a colpire profondamente l’emotività di chi osserva e provocando una serie di emozioni contrastanti.
Bellissimo.

Pics by 999 Conteporary Gallery

Borondo-New-Pieces-in-Vitry-sur-Seine-France-02

Broken Fingaz – New Piece in Tel Aviv

18/01/2013

Broken-Fingaz-New-Piece-in-Tel-Aviv-01

A distanza di pochi giorni dal lavoro completato a Londra (qui) torniamo a parlare del collettivo Broken Fingaz, i ragazzi israeliani che tanto c’hanno colpito per stile e potenza del loro immaginario.
La Crew è tornata da poco a casa e non si è lasciata sfuggire l’occasione per continuare il proprio show anche in madrepatria, questo nuovo pezzo è stato ultimato a Tel Aviv e mostra, come in una pagina di fumetti, ancora una volta il classico stile dei Broken Fingaz, colori accessi, personaggi surreali, toni splatter e forti rimandi alla cultura pop.
Come si dice, bentornati!

Pics by The Artist

Broken-Fingaz-New-Piece-in-Tel-Aviv-02

Geometricbang – “New Foot” New Mural in Lodi

18/01/2013

Geometricbang-New-Foot-New-Mural-in-Lodi-01

A pochi giorni da Infinity Geometricbang ci stupisce ancora una volta con il secondo lavoro di quest’inizio d’anno, lo street artist propone questo nuovo pezzo dal titolo “New Foot”, e c’è molto da dire.
A differenza degli ultimi lavori presentati, in questa nuova opera l’artista concepisce una forma più ovale, andando ad inserire al suo interno la consueta texture colorata. I quattro colori utilizzati si inseguono per tutta la superficie cambiando forma e profondità grazie ad una colorazione intelligente, non sono solo linee statiche ma bensì fasci colorati in perpetuo movimento che non mancheranno di stuzzicare la vostra fantasia.
Bellissimo.

Thanks to The Artist for the pics

Geometricbang-New-Foot-New-Mural-in-Lodi-02

Haroshi – “Virtual Reality” Exhibition at Jonathan LeVine Gallery

17/01/2013

Haroshi–Virtual-Reality-Exhibition-at-Jonathan-LeVine-Gallery-01

Dopo un piccolo teaser ecco finalmente le immagini dell’apertura di Virtual Reality, il solo show del grande Haroshi, da poco aperto all’interno degli spazi della Jonathan LeVine Gallery.
Il corpo della mostra è formato interamente da sculture, personaggi, teschi, demoni, sezioni del corpo umano, interamente concepiti con il riciclo di vecchie tavole da skate, in seguito poi lucidate.
Lo spettacolo finale è stato a dir poco mozzafiato, con incredibili installazioni ed opere che non mancheranno di sorprendervi lasciandovi a bocca aperta.
In attesa di vedere da vicino quanto proposto nell’altra sala da Aakash Nihalani, vi invitiamo a dare un occhiata da vicino alle immagini attraverso l’ampia gallery.

Jonathan LeVine Gallery is pleased to present Virtual Reality, a series of new works by Tokyo-based Japanese artist Haroshi, in what will be his second solo exhibition at the gallery.

Haroshi creates three-dimensional wooden sculptures with used skateboard decks as his primary medium. He often uses the wheels and other hardware parts as accents, even the grip tape for a sanding tool. He achieves a vibrant striped pattern by stacking the boards with keen attention to the exposed rails (outer edges). After a careful selection process, he stacks decks into layers, cutting them into cubes to form mosaics patterns, assembles them into a desired shape and meticulously carves each form by hand with an uncanny level of skill and precision. Themes in this exhibition include concepts familiar to any skater or artist such as: injury, recovery, obsession, perseverance, healing and growth.

Haroshi does not apply any paint or pigment to his materials, allowing the bright colors of the decks to serve as his palette, since skateboards are made of processed plywood—pressed into molded shapes and printed with graphics. He occasionally incorporates the splintered edges of broken boards into his otherwise extremely polished work, creating textural contrast between the smooth silhouettes and sharp raw edges. The artist has also been known to hide small objects inside of his works, following the traditional practice of ancient Japanese Buddha sculptors, documenting the effect using X-ray technology.

This year marks Haroshi’s 10th Anniversary in using skateboards as a medium in his fine artwork. His exhibition title, Virtual Reality, is a reference to the classic 1993 skate video from Plan B, in which pro-skater Rodney Mullen displayed tricks that made a lasting impression. At the time (twenty years ago), Haroshi recalls his perception of the United States as an exciting, distant place that he had not yet explored, and how the content in that video pushed his understanding of the sport that had become his passion. In the artist’s words: “It made me realize that the potential of skateboarding knows no limits.”

Jonathan LeVine Gallery
529 West 20th Street, 9th Floor
New York, NY

Pics by Arrested Motion

The Underbelly Project on MoCAtv “Art in the Streets” Series

17/01/2013

The-Underbelly-Project-on-MoCAtv

The Underbelly Project ha rappresentato e rappresenterà una pietra importante dell’arte urbana, il progetto ha visto coinvolto una serie infinita di artisti impegnati a cambiare i connotati di un ex stazione della Metropolitana, nel sottosuolo di New York. Particolarità del progetto è il fatto che nessuno, tranne Workhorse and PAC, gli organizzatori, sono in grado di dire esattamente dove si trovi, gli artisti stessi per un lunga notte venivano accompagnati al suo interno per dipingere in tranquillità e senza la pressione del pubblico, fino alla distruzione dell’ingresso che ha sancito la fine del progetto.
Un po’ viaggio interiore un po’ un museo sotterraneo, The Underbelly Project si è trasformato presto in qualcosa di leggendario, ecco quindi che MoCAtv per la sua Art in the Streets Series propone un interessante Walkthroungh all’interno del progetto, un misto video e scatti per farvi assaporare, in parte, lo spettacolo di questo luogo.
Enjoy It.

Aryz – Mixed Media on a Series of Trucks

17/01/2013

Aryz-Mixed-Media-on-a-Series-of-Trucks-01

A quanto pare Aryz si è dato parecchio da fare in queste ultime settimane, ma piuttosto che su muro, il giovane artista spagnolo ha intrapreso un bel progetto dal sapore old.
Tornando alle origini infatti Aryz ha occupato una serie di camion, cambiandone completamente in connotati e proponendo, oltre al proprio nome, il consueto immaginario con personaggi surreali e colorati.
In attesa di vederlo al lavoro su qualche gigantesca facciata delle sue, date uno sguardo agli scatti in gallery per apprezzare al meglio la poliedricità dell’ artistica spagnolo.
Enjoy It.

Pics by The Artist

Aryz-Mixed-Media-on-a-Series-of-Trucks-02

Vhils – New Mural in São João da Madeira

17/01/2013

Vhils-New-Mural-in-São-João-da-Madeira-01

Avevamo lasciato Vhils ed il suo equipaggio alle prese con lo spettacolare pezzo in combo con How & Nosm per l’Art Basel di Miami (qui), e dall’altra parte dell’oceano, con Devoid la spettacolare esibizione all’interno degli spazi della Lazarides Gallery di Londra. A distanza di quasi un mese l’artista torna a colpire in strada e lo fa nel suo Portogallo con questa nuova sequenza di lavori realizzata a São João da Madeira.
Il nuovo lavoro si sviluppa su una lunghissima facciata, oltre a presentare i classici ritratti su parete dell’artista, notiamo con piacere che Vhils continua la sua evoluzione proponendo non solo volti ma anche scenografie e paesaggi.
Uno spettacolare come sempre per l’artista che potete apprezzare al meglio attraverso gli scatti in gallery.
Enjoy It.

Pics by The Artist

Vhils-New-Mural-in-São-João-da-Madeira-02

Xuan Alyfe – “21 Grams” New Incredible Mural in Avilés

17/01/2013

SONY DSC

Siamo stati completamente travolti dal lavoro di Xuan Alyfe, l’artista spagnolo ci ha fatto scoprire un nuovo modo di concepire la pittura su muro, colori caldi, minuscoli dettagli all’interno delle sue opere, piccoli uomini, cerchi, occhi, oggetti, natura tutti accompagnati da uno stile assolutamente unico, un qualcosa che emoziona a prima vista e che ci fa viaggiare in mondi sospesi tra geometrie e sogno.
A distanza di pochi giorni dall’ultimo lavoro (qui), l’artista spagnolo torna a colpire con questo splendido pezzo dipinto a Avilés, in Spagna.
In quest’ultima opera di Xuan Alyfe, intitolata “21 Grams” l’artista ci mostra una bella contrapposizione di colori unita al consueto fantastico immaginario, ma le parole sono forse riduttive perciò date un occhiata alle immagini e tornate a trovarci per nuovi aggiornamenti.

Pics by The Artist

Xuan-Alyfe-21-Grams-New-Incredible-Mural-in-Avilés-02

JAZ – New Murals in Cape Town for Acrylic Walls

17/01/2013

JAZ-New-Murals-in-Cape-Town-for-Acrylic-Walls-01

Con JAZ continuiamo più appassionati che mai il nostro piccolo reportage su Acrylic Walls, la rassegna organizzata dallo Street Artist Freddy Sam, che vede coinvolti artisti di primissimo livello cimentarsi con alcune facciate in Sudafrica.
Il grande maestro dopo aver terminato uno splendido lavoro pochi giorni (qui) si trova ancora a Cape Town dove ha da poco completato altri due fantastici lavori.
Ancora una volta JAZ prosegue il suo lavoro di sperimentazione, ormai vero e proprio tratto distintivo, con vernici asfaltiche e non canoniche proponendo spettacolari giochi di specchi con nel primo lavoro, due uomini in bicicletta, mentre nel secondo, dipinto su una piccola porta, quelli che sembrano due orsi.
Tornate a trovarci per nuovi e succulenti aggiornamenti dalla rassegna e nel frattempo date un’occhiata agli splendidi scatti.

Thanks to Klaus Warschkow for the Pics

JAZ-New-Murals-in-Cape-Town-for-Acrylic-Walls-02

Ericailcane – “Canards” Mural at Le 4eme Mur Festival Video

16/01/2013

Ericailcane-New-Murals-at-Le-4eme-Mur-Festival-01

Come sappiamo Ericailcane nei mesi scorso a partecipato allo splendido Le 4eme Mur Festival di Niort di cui vi abbiamo parlato in modo approfondito, proponendovi di volta in volta tutti i lavori dell’incredibile roster di artisti partecipanti.
A distanza di diverso tempo la Winterlong Gallery, esce con questo intenso video-recap sulla splendida facciata dipinta dall’artista. Il pezzo intitolato “Canards” è stato dipinto su questa gigantesca facciata e mostra un enorme anatra circondata da una serie di oche.
Nel video abbiamo un occasione irripetibile per vedere da vicino tutte le fasi delle creazione dello splendido pezzo ad opera di Ericailcane, perciò mettetevi comodi e schiacciate su play.
Enjoy It.

Video by Winterlong Gallery

Skount – “Memories” New Mural in Almagro, Spain

16/01/2013

Skount-Memories-New-Mural-in-Almagro-Spain-01

Skount con base ad Amsterdam è uno Street Artist cresciuto ad Almagro in Spagna, dove spesso l’artista torna per regalarci alcune perle con quest’ultimo splendido lavoro intitolato “Memories”.
Il lavoro di Skount è sospeso tra sogno e realtà, i suoi personaggi colorati e mascherati si muovono danzando sulle facciate proposte dall’artista, uno spettacolo visivo che ci fà un pò tornare bambini.
Per questo inizio d’anno l’artista ha da poco completato questo bellissimo lavoro sulla parete esterna di un edificio fatiscente ad Almagro, ancora una volta troviamo uno dei suoi character che spunta fuori da una scatola, a completare il tutto la scritta Memories.

Pics by The Artist

Skount-Memories-New-Mural-in-Almagro-Spain-02

Kraser – New Mural in Cartagena, Spain

16/01/2013

Kraser-New-Mural-in-Cartagena-Spain2-01

Siamo ancora qui a toglierci il cappello davanti all’ultima creazione firmata Kraser, il grande artista spagnolo è rietrato alla base, nella sua Cartagena, dove, a distanza di poco tempo dal primo (qui), ha da poco completato un altro dei suo splendidi lavori.
In questo nuovo pezzo abbiamo ancora una volta abbiamo modo di vedere quanto di eccezionale l’artista riesca a proporre, una sequenza pazzesca di dettagli, con forme, animali, oggetti che si fondono all’unisono creando un paesaggio astratto e di rara bellezza.
Spettacolare.

Pics by The Artist

Kraser-New-Mural-in-Cartagena-Spain2-02

Escif – “Les Fleurs du Mal: Narcissus Eugenise, 6/6” Mural in Albacete

16/01/2013

Escif-Les-Fleurs-du-Mal-Narcissus-Eugenise-Mural-in-Albacete-01

Siamo giunti all’ultima facciata del bellissimo progetto Les Fleurs du Mal di Escif con questo ultimo pezzo dipinto dall’artista spagnolo ad Albacete.
Con cadenza quasi giornaliera vi abbiamo raccontato e illustrato in questi ultimi giorni tutte gli splendidi dipinti proposti da Escif, tutti legati tra loro in quanto fedeli riproduzioni di piante tossiche per l’uomo.
L’ultimo lavoro mostra la Narciso Eugeniae, una particolare pianta presente a Valencia e nelle zone limitrofe la provincia di Albacete in Spagna, anche qui una curiosità legata al nome delle piante che richiama il mito di Narciso, un ragazzo così innamorato di se stesso, che guardando il suo riflesso nell’acqua, è diventato un fiore.

Narcissus Eugeniae is a bulbous plant specie belonging to the Amaryllidaceae family that is endemic from Valencia and adjacent areas of the province of Albacete, in Spain. Its natural habitat is swamps and irrigated land.

Narcissus are toxic plants, especially bulbs, which can cause nerve, digestive and heart deficiencies.

According to classical mythology, Narcissus was a young boy so in love with himself, that looking at her reflection in the water became a flower, the Narcissus.

Pics by The Artist

Broken Fingaz – New Fantastic Pieces in London

16/01/2013

Broken-Fingaz-New-Fantastic-Pieces-in-London-02

Il collettivo israeliano dei Broken Fingaz non mancherà di stupirvi, saliti alla ribalta per uno spettacolare video in stop-motion, sulla falsariga di quelli proposti dal nostro BLU, i ragazzi stanno guadagnando sempre più consensi grazie ad uno stile bello potente.
I Broken Fingaz sono Deso, Kip, Tant e Unga e il loro stile abbraccia a piene mani quello illustrativo e dei comics con un tocco profondamente influenzato dalla pop art, ecco quindi nei muri apparire intricatissimi lavori super colorati, dove trovano la loro giusta collocazione personaggi surreali, zombie, donne con la testa di animali, teschi, laser, e gigantesche scritte, un immaginario pazzesco che camminando per strada, se vi ci imbattete, non mancherà di lasciarvi di stucco.
L’ultimo lavoro del collettivo è stato da poco ultimato in quel di Londra, date un occhiata alla gallery e tornate a trovarci per altri aggiornamenti sul lavoro del gruppo.

Pics by The Artist

Broken-Fingaz-New-Fantastic-Pieces-in-London-01

El Decertor – “Inconsecuencia” New Mural in Callao, Lima

16/01/2013

El-Decertor-Inconsecuencia-New-Mural-in-Callao-Lima-01

Anche per El Decertor è iniziata la nuova stagione artistica, l’artista peruviano apre il suo inizio d’anno con questo fantastico lavoro dipinto a Callao, un subborgo di Lima in Perù.
Nel nuovo lavoro intitolato “Inconsecuencia”, lo street artist propone uno dei suo incredibili lavori, l’enorme facciata infatti è stata interamente coperta con una gigantesca figura con al posto della testa un gabbia dalla quale escono alcuni canarini, che lo stesso uomo tenta di afferrare con il retino impugnano nella mano sinistra.
Un lavoro intelligente e sopraffino dove emergono tutte le caratteristiche di El Decertor, colori vivi, umorismo, e un forte richiamo allo stile della tradizione peruviano.
Tornate a trovarci per nuovi lavori dell’artista e nel frattempo date un occhiata alla gallery con le immagini del pezzo nel dettaglio.

Pics by The Artist

Gaia – “God’s Hand” New Mural in Cape Town for Acrylic Walls

16/01/2013

Gaia-God-s-Hand-New-Mural-in-Cape-Town-for-Acrylic-Walls-02

Come avrete notato siamo seguendo con molta passione tutti i lavori proposti dagli artisti partecipanti ad Acrylic Walls, il progetto partorito dalla mente di Freddy Sam per dare nuova linfa alle strade del Sudafrica. Gaia è tra gli artisti sicuramente più attivi, ecco infatti che a pochi giorni da Flight of Capital l’artista statunitense completa un altra facciata questa volta per le strade di Cape Town.
Il nuovo lavoro si chiama “God’s Hand” ed una incredibile riproduzione di una mano che indica una bandiera della palestina con scritto Free Palestine. Lo spot non è stato scelto casualmente, infatti la bandiera con la scritta non è ad opera di Gaia ma bensì della comunità locale, l’artista quindi si dimostra sensibile al problema mediorientale, andando a sottolineare attraverso la sua opera il concetto.
Tornate a trovarci per ulteriori aggiornamenti dall’Africa.

Thanks to Klaus Warschkow for the Pics

Gaia-God-s-Hand-New-Mural-in-Cape-Town-for-Acrylic-Walls-01

Xuan Alyfe – New Mural for ART Street Project

15/01/2013

Xuan Alyfe - New Mural for ART Street Project

Ogni tanto capita che trovi qualche artista che ti colpisce di primissimo impatto, vedi qualcosa di nuovo e ti innamori a prima vista dello stile e delle pennellate, del particolare modo di produrre arte o semplicemente del messaggio che trasmettono i suoi lavori, con Xuan Alyfe è accaduto tutto ciò.

Xuan Alyfe è uno street artist spagnolo decisamente atipico, i suoi lavori sono un intricato puzzle da comporre, più minuscole parti sparse per il muro che nel loro insieme fornisco il significato finale. Nei suoi lavori c’è veramente di tutto, puoi trovarci minuscoli uomini, volti, braccia, mani e corpi, oppure linee, geometrie, colori, rimandi a tradizioni religiose e popolari, insomma un mondo vastissimo che si estende nelle mentre dell’artista, che va a toccare stili ed approcci diversi, ma piuttosto che sembrare un accozzaglia di cose sparse, l’opera si dimostra viva, interagisce con lo spettatore. Sono rimasto colpito dal quantità di dettagli che lo spagnolo propone nelle sue opere, mi sono messo a guardare ogni singola foto per cercare e trovare colpi di genio e significati diversi, c’è veramente molto da guardare in ogni singolo dipinto.

Lo spagnolo ha da poco terminato questa splendida composizione nelle strade di Avilés, nella zona delle Austurie, per il progetto d’arte ART Street Valdés, un progetto culturale che nasce con l’obiettivo di offrire, all’interno ed all’esterno del Palacio Valdés, un punto di riferimento per varie forme d’arte tra cui fotografia, scultura, pittura, teatro e molto altro.
Poesia pura.

Pics by The Artist

Escif – “Les Fleurs du Mal: Datura Stramonium, 5/6” Mural in Valencia

15/01/2013

Escif-Les-Fleurs-du-Mal-Datura-Stramonium-Mural-in-Valencia-01

Penultimo appuntamento prima di tirare le somme sullo splendido progetto “Les Fleurs du Mal” di Escif, l’artista valenciano continua infatti a mostrarci i lavori dipinti in giro per il mondo con le fedeli riproduzioni di alcune pianti mortali, accompagnando le immagini a piccoli testi di approfondimenti.
Tra una curiosità ed un’altra eccoci arrivati al penultimo lavoro, Datura Stramonium, dipinto a Valencia, la pianta è famosa poiché in tutte le sue parti sono presenti livelli pericolosi di veleno, vi è un alto rischio di morte da overdose che può causare anche una serie di effetti legati a sostanze psicoattive.
Curioso sapere come un Danese è stato arrestato a Valencia per la vendita di una bevanda che ha causato tra gli altri il ricovero di cinque giovani, con uno in coma e gli altri con forti deliri ed allucinazioni, si trattava di stramonio estratto proprio dalla Datura.

Datura stramonium, known by the common names Jimson weed or datura is a plant in the Solanaceae (nightshade) family, which is believed to have originated in the Americas, but is now found around the world.

All parts of Datura plants contain dangerous levels of the tropane alkaloids atropine, hyoscyamine and scopolamine which are classified as deliriants, or anticholinergics. There is a high risk of fatal overdose amongst uninformed users, and many hospitalizations occur amongst recreational users who ingest the plant for its psychoactive effects.

In June 2004, in Valencia, a Danish citizen has been arrested for sharing a drink offering as “liquid witch” and that it was actually jimsonweed, prompting the entry of five youths in several hospitals in Valencia. One of them was in a coma and four others suffered delusions and hallucinations.

Pics by The Artist

Ludo – “Mutant with Eagle Head” New Mural in Paris

15/01/2013

Ludo-Mutant-with-Eagle-Head-New-Mural-in-Paris-01

Dopo le scorribande in giro per il mondo Ludo torna a casa in Francia dove ha da poco terminato un altra delle sue splendide creazioni.
Con una tecnica di paste-up pazzesca, Ludo si diverte a convertire animali, creature, piante, tutte dipinte rigorosamente in scale di grigi, in potenti ibridi meccanici che invadono il muro e saltano all’occhio grazie a l’altro unico pigmento utilizzato, un verde acido colato sulla superficie oltre a questo l’artista dipinge con un incredibile realisticità le sue opere che risultano quindi assolutamente vere nonostante si tratti di invenzioni frutto della sua fantasia.
L’ultimo pezzo vede coinvolto l’artista francese con questo “Mutant with Eagle Head” un avvincente e gigantesca farfalla. Tornate a trovarci per altri aggiornamenti sullo street artist.

Pics by The Artist

Ludo-Mutant-with-Eagle-Head-New-Mural-in-Paris-02

Phlegm – New Mural in Shoreditch, London Part II

15/01/2013

Phlegm–New-Mural-in-Shoreditch-London-Part-II-01

Vi avevamo annunciato che ci sarebbe stato un seguito e così diamo uno sguardo al secondo intervento di Phlegm in quel di Shoreditch a Londra.
Per questo secondo lavoro l’artista ha la possibilità di coprire uno degli spot più famosi a Londra, e non solo, precedentemente occupato da RUN (qui), nella sua parte più alta resiste la famosa scritta “Let’s adore and endure each other” dipinta da ESPO ed offre la possibilità di interagire con quattro distinte picole pareti.
Phlegm decide così di proporre 4 sezioni staccate degli arti di uno dei suoi ultimi personaggi, ecco quindi apparari gambe, braccia e volto, con l’impressione che la mastodontica figura di affacci come da uno finestra, bellissimo.
Ultima chicca per l’artista di Sheffield che si è occupato di pimpare anche uno dei bus della città.
Tornate presto a trovarci per altri aggiornamenti!

Pics by The Artist

Phlegm–New-Mural-in-Shoreditch-London-Part-II-02

Geometricbang – “Infinity” New Awesome Mural near Lodi

15/01/2013

Geometricbang-Infinity-New-Awesome-Mural-near-Lodi-01

Con molto piacere togliamo il velo sull’ultima creazione targata Geometricbang, il giovane artista si sposta dalle strade della sua Lodi per andare a colpire una facciata nelle zone limitrofe la cittadina.
Quando abbiamo a che fare con i lavori dell’artista automaticamente scatta un meccanismo inconscio dove la nostra fantasia freme per prendere il controllo, capita così che ci scopriamo intenti a fissare le immagini per diversi minuti cercando appigli tra un colore ed un altro dove poter confutare le nostre teoria, con immagini nascoste all’interno e quelle possibili osservando bene il dipinto.
Con questo pezzo, intitolato “Infinity”, Geometricbang ripropone il simbolo dell’infinito cambiandone però le caratteristiche estetiche, largo quindi alle consuete forme colorate che coprono interamente la figura stessa e come sempre offrono la possibilità di interpretare a proprio piacimento quello che si ha davanti, l’ennesimo sogno ad occhi aperti come se alzano il naso all’in su iniziaste a fantasticare sulla forma delle nuvole.
Avvolgente.

Thanks to The Artist for the pics

Geometricbang-Infinity-New-Awesome-Mural-near-Lodi-02

Hyuro – New Mural in Albacete, Spain

15/01/2013

Hyuro-New-Mural-in-Albacete-Spain-01

Nuovo lavoro per Hyuro, la street artista spagnola si sposta dalla sua Valencia per andare a colpire nelle strade di Albacete, sempre in Spagna.
Come ben sappiamo nelle opere che l’artista propone al centro ci sono le donna, raffigurate come esseri spenti ed inespressivi, quasi vuoti, intenti in azioni o pose chiaramente polemiche contro gli stereotipi attuali e lo stato in cui versa la donna moderna. Un lavoro intricato ed interessante che desta molto scalpore e che viene proposto con una varietà di dipinti, il più delle volte criptici, tutti da analizzare per scoprire il messaggio o il significato celato all’interno.
Con questo nuovo pezzo Hyuro dipinge una donna legata alla vita da un orso anche esso legato in egual modo, a parer nostro potrebbe essere un significato sul potenziale inespresso delle donne, ma piuttosto voi cosa ne pensate?

Pics by The Artist

Hyuro-New-Mural-in-Albacete-Spain-02

Know Hope – New Mural In Cape Town for Acrylic Walls Part II

15/01/2013

Know Hope–New-Mural-In-Cape-Town-for-Acrylic-Walls-Part-II-01

Torniamo a seguire con molto piacere gli sviluppi di Acrylic Walls con una nuova facciata dipinta da Know Hope, l’artista israeliano ha da poco terminato “A Minor Reful” per le strade di Cape Town.
Dopo il lavoro di pochi giorni fa (qui), Know Hope torna a colpire per la rassegna creata da Freddy Sam, l’opera mostra, a mò di quadro, le braccia dei canonici personaggi dell’artista stringersi i polsi a vicenda, a completare il tutto la scritta in alto che dà il nome al lavoro stesso.
Tornate a trovarci nei prossimi giorni per nuovi aggiornamenti con i lavori di Gaia e JAZ.

Thanks to Klaus Warschkow for the Pics

Know Hope–New-Mural-In-Cape-Town-for-Acrylic-Walls-Part-II-09

JADE – “ROJO” New Print Available Now

14/01/2013

JADE-ROJO-New-Illustration-Available-01

Dopo il bel lavoro di apertura d’anno (qui), JADE si è spostato in studio per lavorare ad alcune illustrazioni, l’artista peruviano, che tanto ci fà impazzire, non è nuovo a pause come questa infatti molto spesso alterna momenti di totale immersione in strada con altri di lavoro in studio.
Con base nella zona di Chorillos a Lima, JADE rappresenta uno degli artisti più interessanti del panorama sudamericano, grazie ad uno stile particolare, ironico e divertente si diverte a dipingere i suoi canonici personaggi un una moltitudine di situazioni, andando anche a toccate tasti sociali e politici.
L’ultima creazione s’intitola “ROJO”, uno splendido disegno a mano che potete fare vostro contattando direttamente l’artista al suo indirizzo: jadeuno.rivera@gmail.com, un pensierino ce lo fate?

Pic by The Artist

Klone – “Mirror, Mirror” New Mural in Tel Aviv

14/01/2013

Klone-Mirror-Mirror-New-Mural-in-Tel-Aviv-01

Direttamente da Tel Aviv andiamo a parlare finalmente di Klone, si perchè l’artista è uno di quelli che colpisce molto grazie ad uno stile personale intricato, affascinante e sopratutto sognante.

Klone da anni rappresenta uno dei punti fermi del movimento artistico in Israele, il suo è un dialogo aperto con la città, con la gente del posto e con gli occasionali visitatori che passano. Partito con un approccio più da graffiti artist, presto l’artista decide di passare ad un discorso più figurativo legando spesso ai disegni frasi o esclamazioni forti, famoso il suo Don’t Sleep!!!, che insinuano nel tessuto urbano nascondendo significati decisamente profondi. L’ispirazione viene attraverso la costante evoluzione che lo circonda, le notizie, la gente, la città stessa che cambiano giorno per giorno, Klone parte da questo per iniettare sui muri il proprio pensiero e il proprio credo, sono animali, teschi, volti e personaggi che prendono vita dipinti con un particolare stile di trasparenza e metà tra sogno e realtà.

L’ultimo pezzo dell’artista è dipinto a Tel Aviv direttamente su due piccoli muri adiacenti, intitolato “Mirror, Mirror” mostra due dei canonici animali dell’artista nuotare, tra le alghe dipinte di rosso, nell’acqua.
Sogno ad occhi aperti.

Pic by The Artist

JAZ – New Mural in Cape Town for Acrylic Walls

14/01/2013

JAZ-New-Mural-in-Cape-Town-for-Acrylic-Walls-01

Continua il mini tour del grande JAZ in Sudafrica, lo street artist si trova in africa per partecipare all’ambizioso progetto Acrylic Walls ideato da Freddy Sam all’interno del quale si stanno dando da fare anche altri due big come Gaia e Know Hope.
JAZ dopo la splendida facciata dipinta in quel di Johannesburg (qui) si sposta a Cape Town per dipingere questo spettacolare nuovo pezzo. Il nuova opera mostra tutto l’incredibile stile che contraddistingue i lavori dell’artista sudamericano e oltre alla consueta sperimentazione di vernice asfaltica e benzina, mostra quello che sembra un leone andare direttamente a fondersi con l’uomo a terra, a dir poco spettacolare.
Tornate a trovarci per altri aggiornamenti dal Sudafrica e godetevi le splendide immagini del making of e del risultato finale dopo il salto.

JAZ-New-Mural-in-Cape-Town-for-Acrylic-Walls-07

Pics by Klaus Warschkow

Escif – “Les Fleurs du Mal: Aconitum Napellus, 4/6” Mural in Niort

14/01/2013

Escif-Les-Fleurs-du-Mal-Aconitum-Napellus-Mural-in-Niort-01

Quasi a cadenza giornaliera Escif ci sta facendo scoprire piano piano tutti i lavori della splendida serie Les Fleurs du Mal con la quale il grande artista spagnolo ha occupato alcune facciate durante i suoi viaggi in Europa.
Arrivati al giro di boa, è ora il turno della Aconitum Napellus, la particolare pianta con radici nell’Europa occidentale e centrale, è famosa per il suo veleno, fatale per il cuore, con il quale in epoche passate venivano imbevute lance, spade e frecce e per infliggere la pena di morte nel periodo dell’Impero Romano.
Tornate a trovarci nei prossimi giorni per gli ultimi due lavori della serie.

Aconitum napellus (monkshood, aconite, wolfsbane, fuzi, monk’s blood) is a species of flowering plant in the genus Aconitum of the family Ranunculaceae, native and endemic to western and central Europe.

Like other species in the genus, A. napellus contains several poisonous compounds, including enough cardiac poison that it was used on spears and arrows for hunting and battle in ancient times. A. napellus has a long history of use as a poison, with cases going back thousands of years. During the ancient Roman period of European history the plant was often used to eliminate criminals and enemies, and by the end of the period it was banned and any one growing A. napellus could have been legally sentenced to death.

Pics by The Artist

Alberonero – New Amazing Murals near Lodi

14/01/2013

Alberonero-New-Amazing-Murals-near-Lodi-01

Anche Alberonero risponde al fuoco e per questo inizio di anno torna a lavorare in strada con un bel trittico di pezzi nelle vicinanze della sua Lodi.
Del giovane artista parliamo sempre con molto piacere, lo stesso si fa apprezzare grazie ad uno stile personale intrigante e fresco ecco che quindi dopo lo spettacolare lavoro in combo con Ciredz (qui), lo Street Artist fa ritorno nella stessa location.
Le opere proposte questa volta segnano un nuovo approccio, Alberonero infatti continua la sua sperimentazione sui colori proponendo però alcune modifiche significative, nella prima facciata per esempio quella che abbiamo di fronte è si la forma geometrica già vista nel precedente lavoro, ma viene arricchita da un abile mix di colori questa volta meno fermi, ma piuttosto in movimento ed totale armonia tra loro , con interessanti livelli di sfumature e accorgimenti visivi come le parti che ci regalano la tridimensionalità. Nel secondo pezzo l’artista si concede una forma poligonale che si erge verso l’alto e che all’interno mostra tutta la sua energia, con combinazioni di colori che susseguono, cambiano tonalità e si innalzano fino al parte più estrema.
Interessante vedere come le caselle stesse che formano le opere siano in netto contrasto con il movimento della pittura al loro interno, in bel gioco di staticità contro moto.
Ancora una volta ci spelliamo le mani.

Alberonero-New-Amazing-Murals-near-Lodi-02

Thanks to The Artist for the pics

Zilda – “L’enlèvement de Ganymède” Series of New Murals

14/01/2013

Zilda-L-enlèvement-de-Ganymède-Series-of-New-Murals-01

Anche Zilda ha da poco terminato il primo lavoro dell’anno, concedendosi addirittura un doppio, dipingendo in due location diverse, lo stesso spettacolare pezzo.
Come sappiamo Zilda è solito occupare la parete con raffinate opere di paste-up precedute da intense sessioni in studio dove elabora e dipinge a mano il pezzo stesso, l’artista rientrato a Parigi, ha proposto questa spettacolare opera intitolata “L’enlèvement de Ganymède”.
Prendendo spunto dal noto racconto mitologico che vede Zeus camuffato da acquila rapire il ragazzo per poi portarlo sul monte Olimpo per trasformarlo nel proprio amante, ma non solo un’altra possibile interpretazione è quella che vede l’acquila rapire l’anima a Dio. Lo street artist francese decide di dipingere la scena proponendo l’opera in due location diverse, la prima a Parigi, con la torre Eiffel in bella mostra, la seconda invece direttamente in montagna a Beaufort regalandoci uno scorcio mozzafiato.
Poesia pura.

Zilda-L-enlèvement-de-Ganymède-Series-of-New-Murals-02

Pics by The Artist

Weekly Overview 17 | 07-01 to 13-01

13/01/2013

Weekly Overview-17-post

Weekly Overview è l’appuntamento del Week-End dove vi presentiamo una selezione delle migliori news settimanali sul GORGO.

ROA-Ever-New-Mural-in-Villa-Crespo-Buenos-Aires-01

ROA x Ever – “The People Feed Communism To The Beast” New Mural in Villa Crespo, Buenos Aires

Phlegm-New-Mural-in-Shoreditch-London-01

Phlegm – New Mural in Shoreditch, London

Razorsicht-Exhibition-at-Santeria-Milano-Recap-01

Razorsicht Exhibition at Santeria Milano Recap

Augustine-Kofie-Select-Exhibition-Works-2001-2012-Book-01

Augustine Kofie “Select Exhibition Works: 2001-2012″ Book

RISK-Shepard-Fairey-New-Mural-in-Miami-01

RISK x Shepard Fairey – New Mural in Miami

Emanuele-Kabu-Chasing-the-tear-Drawings-Series-01

Emanuele Kabu – “Chasing the Tear” Drawings Series

Pixel-Pancho-Leaders-a-Series-of-Hand-Made-Portraits-01

Pixel Pancho – “Leaders” a Series of Hand Made Portraits

Kraser-New-Mural-in-Cartagena-Spain-01

Kraser – New Mural in Cartagena, Spain

Liqen-Vuelo-del-Salvado-New-Drawing-02

Liqen – “Vuelo del Salvador” New Drawing