GORGO

108 – “La montagna sottile, la montagna morbida” Show

Aperta lo scorso 11 Novembre, “La montagna sottile, la montagna morbida” è l’ultima fatica di 108 (Eyes On), uno show ricchissimo di spunti, che avvolge gli spazi della 999Contemporary Gallery di Roma con tutto il suo immaginario, la sua ricerca visiva, proseguendo di fatto sulla strada e sul percorso artistico che ne sta caratterizzando l’operato in questi ultimi anni.
Continua bella fitta la programmazione della 999Contemporary Gallery che prosegue ad addentrarsi all’interno della fitta scena italiana, portando in mostra, dopo Alea Iacta Est, un’altro degli artisti più importanti e rappresentativi del movimento nostrano.
Il lavoro di 108 ha come fulcro principale la forma e le sue differenti declinazioni, è la ricerca costante e mutevole sulla stessa che sorregge con efficacia tutto l’apparato visivo proprio delle opere del grande artista, l’interprete porta avanti una visione personale abbracciando tematiche e spunti differenti, fa propri gli elementi naturali, come le montagne, le forme nascoste nei boschi, le immagazzina nella propria mente per poi sviscerarle attraverso tutta l’efficacia del nero. Proprio questa scelta cromatica alimenta le sue produzioni avvolgendo in una membrana emozionale chi si trova ad osservare i suoi lavori, tocca, stuzzicandole, le corde sensibili, ne disturba l’animo, lasciando un solco profondo e personale.
Lo sforzo compiuto dalla galleria e dall’artista è immediatamente visibile, l’intenzione è infatti quella di calare tutto l’allestimento all’interno di un determinato contesto storico, l’arredamento e tutta una serie di oggetti di piccola e grande entità aiutano lo sguardo a canalizzare le opere, emerge così un palcoscenico che si fonde con i tratti e le figure di 108, ne sostiene la profondità e l’impatto visivo offrendo un posto comodo e consono dove poter osservare con calma ed interesse quanto messo in esposizione dal grande interprete.
Il corpo dello show rappresenta uno bello spaccato delle produzioni dell’interprete, troviamo con piacere disegni e tele, intervallati da alcuni inediti come per esempio gli interessanti lavori realizzati utilizzando una serie di cartografie come base di sviluppo per le canoniche forme, a queste si aggiungono le sperimentazione su nuove superfici come le pitture acriliche su acciaio ossidato, tra cui spicca “Batman” ovviamente ispirata all’omonima parete romana, chiude il lavoro il consueto intervento nel giardino esterno della galleria.
Per approfondire al meglio tutta l’esibizione vi consigliamo di dare un occhiata alle immagini in calce, ricordiamo inoltre per chi fosse interessato, che lo show rimarrà aperto fino al 7 di Dicembre, se siete in zona farci un salto è praticamente d’obbligo.

Thanks to 999Contemporary Gallery for The Pics
Pics by The Blind Eye Factory

108 – “La montagna sottile, la montagna morbida” Show

Aperta lo scorso 11 Novembre, “La montagna sottile, la montagna morbida” è l’ultima fatica di 108 (Eyes On), uno show ricchissimo di spunti, che avvolge gli spazi della 999Contemporary Gallery di Roma con tutto il suo immaginario, la sua ricerca visiva, proseguendo di fatto sulla strada e sul percorso artistico che ne sta caratterizzando l’operato in questi ultimi anni.
Continua bella fitta la programmazione della 999Contemporary Gallery che prosegue ad addentrarsi all’interno della fitta scena italiana, portando in mostra, dopo Alea Iacta Est, un’altro degli artisti più importanti e rappresentativi del movimento nostrano.
Il lavoro di 108 ha come fulcro principale la forma e le sue differenti declinazioni, è la ricerca costante e mutevole sulla stessa che sorregge con efficacia tutto l’apparato visivo proprio delle opere del grande artista, l’interprete porta avanti una visione personale abbracciando tematiche e spunti differenti, fa propri gli elementi naturali, come le montagne, le forme nascoste nei boschi, le immagazzina nella propria mente per poi sviscerarle attraverso tutta l’efficacia del nero. Proprio questa scelta cromatica alimenta le sue produzioni avvolgendo in una membrana emozionale chi si trova ad osservare i suoi lavori, tocca, stuzzicandole, le corde sensibili, ne disturba l’animo, lasciando un solco profondo e personale.
Lo sforzo compiuto dalla galleria e dall’artista è immediatamente visibile, l’intenzione è infatti quella di calare tutto l’allestimento all’interno di un determinato contesto storico, l’arredamento e tutta una serie di oggetti di piccola e grande entità aiutano lo sguardo a canalizzare le opere, emerge così un palcoscenico che si fonde con i tratti e le figure di 108, ne sostiene la profondità e l’impatto visivo offrendo un posto comodo e consono dove poter osservare con calma ed interesse quanto messo in esposizione dal grande interprete.
Il corpo dello show rappresenta uno bello spaccato delle produzioni dell’interprete, troviamo con piacere disegni e tele, intervallati da alcuni inediti come per esempio gli interessanti lavori realizzati utilizzando una serie di cartografie come base di sviluppo per le canoniche forme, a queste si aggiungono le sperimentazione su nuove superfici come le pitture acriliche su acciaio ossidato, tra cui spicca “Batman” ovviamente ispirata all’omonima parete romana, chiude il lavoro il consueto intervento nel giardino esterno della galleria.
Per approfondire al meglio tutta l’esibizione vi consigliamo di dare un occhiata alle immagini in calce, ricordiamo inoltre per chi fosse interessato, che lo show rimarrà aperto fino al 7 di Dicembre, se siete in zona farci un salto è praticamente d’obbligo.

Thanks to 999Contemporary Gallery for The Pics
Pics by The Blind Eye Factory