GORGO

108 for Poliniza Dos Festival 2017 in Valencia

Uno sguardo alle pitture realizzate da 108 nel quartiere El Cabanyal di Valencia per l’ultima edizione del Poliniza Dos Festival.
Organizzato da Juan Bautista Peiro dell’Università Politecnia di Valencia, il Poliniza Dos Festival dal 2006 trasforma gli spazi all’interno del campus universitario attraverso il lavoro di alcuni dei nomi più importanti della scena internazionale. Quest’anno, per la prima volta in assoluto, la rassegna ha spostato il suo raggio d’azione al di fuori degli spazi del campus, più precisamente all’interno del quartiere El Cabanyal.
Situato alle spalle delle spiagge Valenciane, El Cabanyal vive sospeso tra passato e futuro. Edifici distrutti ed abitazioni letteralmente squartate sono il risultato di un piano di trasformazione edilizia che, dapprima ostacolato dalla resistenza della gente del posto, ad oggi tarda a partire lasciando il quartiere in uno stato di forte precarietà. Elemento infine distintivo di questi luoghi è la forte identità modernista nelle architetture, ricche di elementi decorativi e ceramiche.
Influenzato da questo forte contrato, e soprattutto dalle peculiarità delle abitazioni presenti in questi luoghi, 108 ha qui realizzato una nuova serie di pitture. L’influenza dell’ambiente di lavoro trasforma in modo energico l’aspetto delle iconiche forme nere dell’interprete, queste risultano più ‘barocche’, frastagliate, ricche di vuoti ed intersezioni al loro interno.
Tutti i dettagli di questa nuova infornata di pittura nella galleria di scatti dopo il salto, dateci un occhiata!

Thanks to The Artist for The Pics

108 for Poliniza Dos Festival 2017 in Valencia

Uno sguardo alle pitture realizzate da 108 nel quartiere El Cabanyal di Valencia per l’ultima edizione del Poliniza Dos Festival.
Organizzato da Juan Bautista Peiro dell’Università Politecnia di Valencia, il Poliniza Dos Festival dal 2006 trasforma gli spazi all’interno del campus universitario attraverso il lavoro di alcuni dei nomi più importanti della scena internazionale. Quest’anno, per la prima volta in assoluto, la rassegna ha spostato il suo raggio d’azione al di fuori degli spazi del campus, più precisamente all’interno del quartiere El Cabanyal.
Situato alle spalle delle spiagge Valenciane, El Cabanyal vive sospeso tra passato e futuro. Edifici distrutti ed abitazioni letteralmente squartate sono il risultato di un piano di trasformazione edilizia che, dapprima ostacolato dalla resistenza della gente del posto, ad oggi tarda a partire lasciando il quartiere in uno stato di forte precarietà. Elemento infine distintivo di questi luoghi è la forte identità modernista nelle architetture, ricche di elementi decorativi e ceramiche.
Influenzato da questo forte contrato, e soprattutto dalle peculiarità delle abitazioni presenti in questi luoghi, 108 ha qui realizzato una nuova serie di pitture. L’influenza dell’ambiente di lavoro trasforma in modo energico l’aspetto delle iconiche forme nere dell’interprete, queste risultano più ‘barocche’, frastagliate, ricche di vuoti ed intersezioni al loro interno.
Tutti i dettagli di questa nuova infornata di pittura nella galleria di scatti dopo il salto, dateci un occhiata!

Thanks to The Artist for The Pics